G20 per coinvolgere i talebani negli aiuti umanitari

Combattenti talebani sorvegliano un hotel nella capitale, Kabul.AP . immagine

“È difficile immaginare come possiamo aiutare il popolo afgano senza coinvolgere i talebani”, ha detto martedì Mario Draghi, primo ministro italiano e attuale presidente del G20, dopo una videoconferenza speciale sulla crisi umanitaria in Afghanistan. Al vertice, i leader del G20 hanno deciso che le Nazioni Unite avrebbero coordinato gli aiuti umanitari all’Afghanistan e ai paesi vicini e che il contatto con i talebani era essenziale.

Secondo Draghi, il riconoscimento politico dei talebani resta sfuggente. Le nazioni del G20 concordano sul fatto che i governanti afghani devono riconoscere i diritti umani, in particolare i diritti delle donne, e che il paese non deve diventare un rifugio sicuro per le organizzazioni terroristiche. “I talebani si giudicano per quello che fanno, non per quello che dicono”, ha detto il premier italiano. Ha menzionato l’istruzione delle donne e il governo inclusivo.

Diverse organizzazioni internazionali hanno avvertito di una catastrofe umanitaria in Afghanistan. Con la caduta di Kabul, l’economia afghana si è completamente fermata. Gli aiuti esteri da cui dipende in gran parte il paese si sono prosciugati. Secondo il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres, c’è una grave carenza di medicine e cibo. Ha descritto la situazione attuale come pericolosa e ha detto che bisogna fare qualcosa adesso.

1 miliardo di aiuti UE

È la prima volta dal ritiro delle forze statunitensi che il Gruppo dei Venti si incontra per discutere della situazione in Afghanistan. All’inizio del vertice, l’Unione europea ha annunciato ulteriori 700 milioni di euro in aiuti d’urgenza. Insieme ai 300 milioni precedentemente mobilitati, gli aiuti dell’UE all’Afghanistan e ai paesi vicini ammontano a un miliardo. “Il popolo afghano non deve pagare il prezzo per le azioni dei talebani”, ha affermato la presidente della commissione Ursula von der Leyen.

Finora, i leader politici sono stati divisi su come gestire la crisi in Afghanistan. Alcuni paesi considerano gli aiuti umanitari e il riconoscimento politico un mezzo per esercitare pressioni sui talebani. Altri paesi, come von der Leyen, sottolineano che la popolazione afgana non dovrebbe essere punita in massa non fornendo loro assistenza. Il G-20 sembra ora aver raggiunto un compromesso temporaneo.

READ  Il regolatore italiano chiede la regolamentazione europea delle criptovalute come Bitcoin (BTC), altrimenti interverranno loro stessi » Crypto Insiders

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24