Giro 2021: Walter porta la rosa sulla tappa di montagna al San Giacomo, vittoria di tappa per Meder

Gino Mader ha vinto la sesta tappa al Giro d’Italia, con la salita di San Giacomo terminata. Il promettente svizzero del vittorioso Bahrain, come separazione anticipata, è rimasto fuori dalla morsa dei grandi candidati per una vittoria a tutto campo. Attila Walther è il nuovo indossatore di camicia rosa.

Le prime differenze in classifica generale sono già state fatte, ma alla sesta giornata del Giro d’Italia si è deciso il primo (vero) finale faticoso. A una distanza di 160 chilometri, i corridori delle Grotte di Frasassi hanno effettuato due ascensioni classificate fino alla vetta di quindici chilometri di San Giacomo, appena fuori Ascoli Piceno. Una montagna è stata l’ultima scalata al Giro del 2002.

Senza Mikel Landa, Joe Dombrowski, Pavel Sivakov e Francois Bedard, tutti vittime del caos finale e del pericolo della quinta tappa di Católica, Peloton ha iniziato una nuova tappa intorno alle 12.40 di questo tour italiano. Dopo aver sventolato la bandiera, si scopre che molti piloti sono motivati ​​a raggiungere la fine della giornata. Tuttavia, il gruppo non era destinato solo a dare spazio ai fuggitivi, a differenza di ieri.

Foto: Color Vos

Velocità di surriscaldamento
Dopo una buona decina di chilometri, abbiamo assistito al primo tentativo di fuga fatto, tra gli altri, da Peter Sagan, l’ex portatore di rose Filippo Jana, Harem Vanhoek, Bucky Molima e Alberto Petiol. Questi corridori facevano parte di un grande gruppo di leadership, ma al gruppo, gli uomini di Israel Start-Up Nation hanno tentato di correggere la postura distorta. Bettiol (8 ° a 1:37 da Alessandro De Marchi) era un pericoloso agente dei Pink e così questa avventura è stata annullata.

Il ritmo è rimasto alto nella tappa di apertura e dopo ben 25 chilometri abbiamo assistito a un nuovo tentativo di Jimmy Janssens (Alpsin-Phoenix), Matij Mohoric e Jino Mader (il vincitore del Bahrein), Simon Ravanelli (Androni Giocattoli-Sadermic), Simon Guillilmy (Groupama) -FDJ) e l’esperto Dario Cataldo di Movistar. Dopo un po ‘di insistenza, questi corridori sono stati in grado di correre mezzo minuto prima del gruppo e questo è stato un segnale per Molima per fare il grande passo.

READ  In quali paesi posso andare in vacanza?

Inseguire patatine o no?
L’olandese della Trek-Segafredo con Geoffrey Bouchard (AG2R Citroën) ha provato a colmare l’ultimo gap, ma lo scarto è rimasto a lungo sui venti-trenta secondi. Il Peloton, guidato dalla Israel Start-Up Nation, era ora in debito per quattro minuti e ha dato le sue benedizioni per i primi breakers. E Mila e Bouchard? Stavano ancora dando la caccia ai Sei Comandanti.

Foto: Color Vos

Per un attimo, i due stalker sembrarono lavorare su uno classico A caccia di patateMa Mollima e Bouchard si rifiutarono di arrendersi, e dopo trenta chilometri c’era un gruppo pionieristico di otto cavalieri. Detto questo, la partita sembrava essere caduta in una prima piega cruciale, anche perché nessun movimento di gruppo è stato fatto per colmare il divario. La differenza ha raggiunto più di cinque minuti.

Enos the Grenadiers con il colpo di stato
Il climber svizzero Gino Mader è stato autorizzato a definirsi un ipotetico capitano a un certo punto, poiché il corridore del Bahrain Victorious ha iniziato la sua giornata con un vantaggio di 3:58 sulle rose di De Marchi. Alla Forca di Gualdo, prima salita votata della giornata, Bouchard è stato il primo a raggiungere la vetta e questo gli è valso 15 graditi punti di montagna. Mollema è anche riuscita a raccogliere quattro punti di montagna.

Sul versante umido e così insidioso della Forca di Gualdo, all’improvviso tutte le mani sono in gruppo. INEOS Grenadiers, la squadra di Egan Bernal ha deciso di mantenere il piacere ed è riuscita a separare completamente il gruppo. Diversi gruppi hanno tentato di tornare ansiosamente, ma la formazione della Superstar britannica non aveva intenzione di rallentare di nuovo. Una delle vittime: una giacca rosa, de Marchi.

Foto: Color Vos

L’italiano era troppo lontano quando i granatieri INEOS si sono sciolti e all’improvviso hanno dovuto essere inseguiti. Evenepoel, Carthy, Vlasov, Yates, Bardet … tuttavia, la maggior parte dei piloti di rating erano in punta di piedi e hanno superato la prima scelta. L’avanzamento delle otto classifiche è stato ridotto a circa due minuti e quindi il vincitore della tappa sembrava essere nel gruppo dei candidati.

READ  A che ora iniziano le qualifiche per il Gran Premio di Francia? (2021)

Conclusione interessante
Giunta in cima alla Forca di Presta, ha percorso velocemente i piedi di un’ultima salita di quindici chilometri. Al vertice della gara, il primo distributore Mohoric ha preso le cose a modo suo e lo sloveno, insieme a Mäder, è riuscito a prendere le distanze dai suoi compagni profughi, anche se Cataldo e Molima sono riusciti a riallacciarsi dopo un po ‘di ritardo. Bettiol, Bardet e Giulio Ciccone decidono di lasciare il gruppo guidato da INEOS.

Dalla parte anteriore, Mohoric ha deciso di sbarazzarsi completamente del compagno di squadra e miglior scalatore Mäder e, a causa del duro lavoro dello sloveno, il gruppo del Bernal non era più vicino. Il gruppo degli inseguitori si è impantanato anche con Bardet e Petiol e sarebbe stato anche tra due minuti perché gli italiani stavano litigando. Questi contrattacchi sono stati catturati dal secondo gruppo prima della salita finale, che conteneva tutti i candidati.

Foto: Color Vos

La battaglia tra rifugiati: Mäder Victory Solos
Mohoric, Mäder, Mollema e Cataldo sono partiti tutti con una taglia di tre minuti sulle prime corsie di San Giacomo. In quest’ultima salita (15,5 km al 6,1%) lo stanco Mohoric ha lasciato perdere e tocca a Meder liberare i suoi compagni in fuga. A cinque chilometri dalla vetta, i primi tre corridori hanno iniziato i loro ripidi gradini e hanno iniziato la battaglia per la vittoria di tappa. Mäder è stato il primo pilota ad accelerare.

Il promettente svizzero è partito a 3,3 chilometri dalla vetta e si è subito allontanato da Molima e Cataldo. L’olandese e l’italiano non sono riusciti a tenere il passo di Mäder e hanno perso sempre più terreno. Quest’ultimo è riuscito a resistere per l’ultimo chilometro e ha così conquistato la sua prima grande vittoria da professionista del ciclismo.

Battaglia tra i cavalieri della classificazione
Nel gruppo preferito, il ritmo è stato accelerato dai Granatieri INEOS. Il bellissimo Filippo Ganna ha curato i primi chilometri ed è riuscito a tirare il set sul nastro. Con più di dieci chilometri da scalare, George Bennett è stato il primo pilota di rating a passare. Il neozelandese, leader indiscusso del Jumbo-Visma, riesce a fare una rimonta con l’aiuto di Koen Bouwman.

READ  Le azioni cinesi contro le società di giochi hanno gravemente colpito il fondo AEX di Prosus

Su passaggi ripidi, i granatieri INEOS sono stati sostituiti dalle forze Deceuninck-Quick-Step. La squadra belga aveva chiaramente dei piani con il capitano Evenbueil, quindi spettava a uno sgabello per far rispettare il ritmo duro. Tuttavia, Daniel Felipe Martinez non credeva che la cosa fosse abbastanza veloce e il colombiano si è allontanato dal gruppo dei favoriti, in modo da servire come possibile punto di partenza per il suo capitano e connazionale Bernal.

Foto: Color Vos

Bernal ed Evinbuell stanno bene e Walther prende un maglione rosa
Nel frattempo è toccato ad Almeida ridurre un po ‘di più il gruppo, e la sua disastrosa accelerazione si è rivelata essere Jay Hindley. Il secondo classificato lo scorso anno non è riuscito a proseguire e oggi ha perso un prezioso secondo in classifica. Dato che Hindley doveva passare, Bernal ha deciso di gettare le sue carte sul tavolo. Il colombiano ha portato con sé Ciccone ed Evenepoel sul suo percorso e anche gli altri favoriti sono riusciti a riallacciarsi, seppur con un certo ritardo.

Tuttavia, Bernal ha continuato a pedalare e solo Evinbuell, Ciccou e Dan Martin hanno potuto seguire il vincitore del Tour 2019. I quattro alpinisti si sono avvicinati a Mäder all’ultimo chilometro, ma non sono stati più in grado di portare in solitaria lo svizzero. Nella battaglia dei secondi in più rimanenti, Bernal è arrivato secondo, davanti a Martin ed Evinbuelle. Tuttavia, quest’ultimo sembra aver preso la maglia rosa.

Sullo sfondo, Attila Walther, giovane ungherese di Groupama-FDJ, è riuscito a limitare i danni e ad impossessarsi così della maglia rosa di De Marchi. Evenepoel è ora la seconda novità in 11 secondi dal giovane Walther. Bernal è ora al terzo posto, Vlasov e Louis Vervaek hanno completato i primi cinque.

Foto: Color Vos

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24