TGcomnews24

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

Gli asini che scavano per l’acqua aumentano la biodiversità

Cavalli selvaggi e asini contribuiscono alla biodiversità delle regioni aride attraverso l’esplorazione dell’acqua. I biologi australiani e americani hanno scritto questa settimana Scienza. Con i loro zoccoli creano pozzi profondi fino a due metri. Le sorgenti aumentano la ricchezza della copertura vegetale e attirano specie animali.

È noto che i grandi animali da pastore hanno un’influenza sui paesaggi. Ad esempio, mantengono il paesaggio aperto con il loro comportamento di camminare e mangiare e fertilizzando il terreno con le loro feci. Nelle regioni ricche di permafrost, è stato dimostrato che i cavalli possono prevenire il disgelo del permafrost bloccando il ghiaccio e isolando così il suolo. E dall’Africa si sapeva già che gli elefanti scavano pozzi. Tuttavia, sono state condotte poche ricerche sugli effetti del comportamento di scavo sulla biodiversità.

Per questo motivo, i biologi hanno studiato quattro corsi d’acqua sotterranei nel deserto di Sonora in Arizona per tre stagioni estive. Ogni poche settimane ispezionavano le falde acquifere (ciascuna con una lunghezza compresa tra 300 e 1800 metri) ogni poche settimane per vedere se fossero state aggiunte sorgenti. Una tabella è basata interamente su pozzi scavati da cavalli; Le sorgenti naturali erano presenti anche nelle altre tre, ma l’acqua non era sempre disponibile, soprattutto durante l’estate.

Un vivaio

In totale, i ricercatori hanno scoperto 59 specie diverse di vertebrati nei pozzi dei cavalli, 57 delle quali stavano bevendo. La ricchezza delle specie quotidiane nelle sorgenti dei cavalli era del 64 per cento superiore rispetto ai luoghi aridi; Nel mondo naturale, era il 51 percento. Entrambi i tipi di pozzi sono stati visitati dagli animali più spesso e per un periodo più lungo rispetto ai luoghi asciutti.

READ  Ridurre le emissioni di anidride carbonica nella stratosfera, che potrebbero influenzare GPS e satelliti

Inoltre, la densità della vegetazione era più alta nelle sorgenti e c’era un numero relativamente elevato di giovani piante e specie pioniere. In questo senso le fonti possono fungere da vivaio, scrivono gli autori.

“Questa ricerca si adatta bene alla nostra crescente conoscenza degli effetti della megafauna sui processi biologici nei paesaggi”, ha detto Joris Krumsigt, ecologista presso l’Università di Utrecht, l’Università svedese SLU e l’Università del Sud Africa, Nelson Mandela. “I processi idrologici sono stati finora abbastanza sottoesposti, quindi questo è un contributo importante. Nei Paesi Bassi, ci sono anche buoni esempi da vedere, come il ruolo che i castori possono svolgere nel trattenere le acque locali per un periodo più lungo. Olandesi lo sono facendo così tanti buchi, con tutti i tipi di impatti sulla gestione dell’acqua locale e sulla biodiversità