Gli esperti avvertono delle unghie artificiali: dal prurito al bruciore

Le sostanze a cui le persone sono allergiche sono chiamate acrilati. Questi materiali costituiscono ad esempio la base delle unghie in acrilico, ma vengono utilizzati anche per le otturazioni dal dentista o quando una persona porta un ginocchio artificiale. Quindi un’allergia a una sostanza può avere conseguenze di vasta portata.

Questa è fondamentalmente sensibilità Appare tra gli amanti delle unghie acriliche Secondo uno studio americano di due anni fa. Quello studio ha mostrato che il 67 percento delle allergie acriliche ha avuto origine nell’industria delle unghie. In poco più della metà dei casi si tratta della stessa nail stylist, negli altri casi della cliente.

Problemi respiratori

Questi reclami possono variare notevolmente. Dal prurito alle dita rosse o alle guance, dai disturbi dell’eczema ai problemi respiratori. Secondo Thomas Rostemeier, dermatologo dell’UMC di Amsterdam, esiste chiaramente una connessione tra unghie artificiali e allergie.

“La sensibilità di una persona varia molto da persona a persona”, afferma Rastmeier. “Alcune persone possono lavorare o fare le unghie senza lamentarsi. Altre sviluppano rapidamente una reazione allergica se toccano il materiale. Le unghie in gel sono migliori dell’acrilico, ma puoi anche lamentarti.”

Secondo un dermatologo, le allergie sono permanenti. “Una volta che abbiamo confermato che hai un’allergia agli acrilati, sappiamo anche che non può essere curata. E il tuo sistema immunitario non dimentica qualcosa del genere, se lo richiami più tardi, l’allergia può divampare di nuovo e lo farai ricevere lamentele È vero che se interrompi il contatto con il materiale, puoi vivere senza lamentele.

ustioni

La persona che sa tutto di questo è Charity Smit. Come nail designer, ho lavorato per anni con tutti i tipi di materiali a base acrilica. E tutto il tempo senza problemi. Fino alla scorsa estate. “È iniziato dopo che sono rimasta incinta, probabilmente perché i miei ormoni sono cambiati così tanto. Ho iniziato con le vesciche e sono passato dal prurito all’irritazione fino alle vesciche e al bruciore. Il dottore non aveva idea di cosa fosse.”

READ  Perché sempre più spagnoli soffrono di allergie?

Smit stava ancora applicando unghie acriliche ai clienti al momento dei reclami. Durante la sua vacanza, le lamentele sono diminuite. In seguito, quando ha ripreso il suo lavoro, le lamentele sono peggiorate. La pelle sulla punta delle dita sembrava staccarsi lentamente e le punte delle dita erano diventate insensibili. Durante una visita dal dermatologo, è diventato chiaro: era allergica agli acrilati.

Smith si chiese: “E adesso?” “Ho il mio salone, quindi smettere non era davvero un’opzione. All’inizio di quest’anno ho smesso di usare gli acrilici e ora uso altri prodotti. Tuttavia, nel frattempo ho avuto di nuovo una reazione allergica. Sono ora sto cercando di risolverlo di più. “Precisione e ulteriore studio. Quando mi sono formata come nail stylist, questo non è stato discusso da nessuna parte. Mentre è presente in molti prodotti. “

Annebelle Nooteboom viene a conoscenza della storia di Charity. In qualità di caporedattore della rivista Nailed It, cerca di fornire agli stilisti delle unghie una maggiore conoscenza della professione. Tra l’altro, anche sull’allergia all’acrilico.

Secondo Nooteboom e il dermatologo Rustemeyer, le lamentele aumentano solo nel tempo. Nottebohm ritiene che “questo possa avere diverse cause”. “È così che le unghie stanno diventando più comuni. Ma è difficile dire se questo sia il vero motivo. Più spesso la sostanza viene a contatto con la pelle, maggiore è l’allergia. E maggiore è l’esposizione, maggiore è la il rischio.”

Professione rischiosa

La stilista delle unghie non è una professione riconosciuta, perché non è necessario seguire un corso di formazione speciale per questo. Secondo Nooteboom, questo è strano. “A volte gli stilisti delle unghie non lavorano con attenzione, ad esempio alcuni lavorano senza guanti. Ci sono molti rischi nella professione, ed è caratteristico che gli stilisti non siano sempre ben informati su questo e che questa non sia una professione protetta”.

READ  Aiuto psicologico oggi! Punti interrogativi sul trattamento Mindler online

C’è anche un rischio significativo per i clienti nel non consentire all’unghia artificiale di indurirsi correttamente, come Nooteboom sa. “Se questo è il caso, l’allergene è infatti in contatto continuo con la pelle attraverso l’unghia. Allora l’esposizione è davvero troppo grande. Inoltre, non tutti i centri per unghie utilizzano prodotti conformi alla normativa. Se questi prodotti contengono il la formulazione più alta contiene concentrazioni di prodotti allergenici, puoi immaginare che anche il rischio sia maggiore.”

Non giudicare i saloni di bellezza

In risposta alle domande di RTL News, l’Autorità olandese per i prodotti di consumo e la sicurezza alimentare (NVWA) ha affermato di non controllare i saloni di bellezza per vedere se i prodotti utilizzati dai clienti sono conformi alla legislazione.

NVWA non indica che controlla se produttori, importatori e distributori offrono sul mercato prodotti conformi a tutte le leggi e i regolamenti.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24