Gli italiani distrussero l’Italia – De Groene Amsterdammer

Roma – Italia, di Goethe La terra dove fioriscono i limoni Il paesaggio più dichiarato Patrimonio dell’Umanità al mondo, è l’obiettivo di una massiccia distruzione quest’estate. Dalla punta e dal tallone meridionali dello stivale al limite settentrionale delle Dolomiti, è come se eserciti nemici fossero passati tutt’intorno.

A partire dagli incendi sulle coste meridionali, i peggiori d’Europa e i peggiori di sempre in Italia, sono stati carbonizzati 103.000 ettari. Quattro volte il numero di ettari “normali” in Italia, ovvero nell’estate del 2008-2020, quando ogni anno scompaiono 29.000 ettari di foreste mediterranee. Sempre un ragazzo, sempre un ragazzo italiano, per una serie di folli ragioni con una costante: un criminale.

Ciò che resta delle fragili coste delle dune di sabbia in Puglia è ancora una volta assediato dagli italiani, il principale turista italiano quest’anno. L’auto doveva essere parcheggiata sulla spiaggia, il cibo e le bevande trasportati dovevano essere lasciati completamente, e dalle dune sulla spiaggia venivano accesi alti fuochi. I volontari che hanno cercato di proteggere la natura hanno abbaiato sotto questo slogan prenditi cura del tuo pene, In altre parole, “prendetevi cura dei vostri affari”, la più importante politica italiana.

I rave party sono stati organizzati nel cuore dell’Italia, che hanno attirato decine di migliaia di persone da tutta Europa, dalla Francia. Questo è stato vero sia per i rave vicino a Viterbo che per i rave nella bellissima regione costiera toscana della Maremma. Solo quando è stato scoperto il primo decesso nel Lago di Mezzano, riserva naturale al confine tra Lazio e Toscana, le autorità italiane si sono svegliate fin dall’inizio. Ma mentre la gente parlava con orgoglio di “pulizia pacifica dell’area”, orde stavano già calpestando e annusando il fiume Marema, che è stato scoperto solo quando otto frequentatori di rave nudi sono andati a fare shopping in un supermercato.

READ  "Discorso del trono" europeo von der Leyen: la crisi di Corona dimostra il vantaggio dell'unione | Corona virus

Lo scorso fine settimana Reinhold Messner, simbolo nazionale di bellezza, pulizia e natura incontaminata, ha parlato dell’emergenza dolomitica. Dalla bellissima Val Pusteria al Passo Sellaronda con i suoi quattro colli, è un lungo ingorgo automobilistico. Gli escursionisti giornalieri passeggiano sui prati alpini, scattano selfie e tirano fuori i fiori. “La montagna impongono un certo comportamento, un po’ di silenzio e rispetto”, ha detto il miglior alpinista del mondo, che crede che la zona debba essere chiusa alle auto.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24