Gli olandesi pagano molto di più per il calore proveniente dalle reti di riscaldamento rispetto ai residenti di altri paesi – ClimateJet

Da uno dei nostri corrispondenti.

Secondo l’istituto di ricerca TNO, il consumo di calore è aumentato del 62% tra il 2019 e il 2023, scrive Rosa Ojtiwal del Norwegian Refugee Council.

Gli olandesi pagano da due a tre volte di più per il riscaldamento tramite reti di riscaldamento rispetto ad altri paesi in cui vengono utilizzate anche reti di riscaldamento. Lo ha annunciato venerdì l'istituto di ricerca TNO. Ad esempio, nei Paesi Bassi le temperature sono aumentate del 62% tra il 2019 e il 2023. Questo aumento è molto maggiore che in altri paesi. Dopo i Paesi Bassi, la Finlandia ha registrato l'aumento maggiore, pari al 28%.

Il passaggio al riscaldamento tramite rete è una parte importante del processo di rendere le case più sostenibili nei piani di Gabinetto in uscita di Rutte IV. Entro il 2030 mezzo milione di case dovrebbero essere collegate alla rete di riscaldamento. Attraverso queste reti le case vengono riscaldate, ad esempio, con il calore residuo dell’industria o della biomassa e la caldaia per il riscaldamento centrale non è più necessaria.

Esistono solo pochi fornitori di reti di riscaldamento e i consumatori non possono permettersi di passare a un concorrente.

La differenza nei livelli di temperatura con Svezia, Finlandia o Germania è sempre stata significativa, ha concluso TNO nel 2021, ma i Paesi Bassi si sono allontanati sempre più dalla scena internazionale negli ultimi anni. Ad esempio, gli olandesi pagano in media 66 euro per gigajoule (equivalenti a 31,6 metri cubi di gas; la famiglia media consuma 1.500 metri cubi di gas all’anno), rispetto ai 23 euro per gigajoule della Svezia e ai 38 euro per gigajoule della Germania. . .

READ  D'Ieteren Auto è nella top 15 dei maggiori gruppi europei di distribuzione automobilistica

Nei Paesi Bassi la legge stabilisce che un contratto per la rete di riscaldamento non può essere più costoso di un contratto per il gas. Dato che il gas era già da tempo a buon mercato, ciò sembrava garantire che gli utenti della rete di riscaldamento non dovessero pagare troppo.

Esistono solo pochi fornitori di reti di riscaldamento e i consumatori non possono permettersi di passare a un concorrente. Per questo motivo, la Consumer and Market Commission (ACM) regola i prezzi che i fornitori possono applicare al prezzo massimo, ha scritto la NRC.

TNO afferma che le differenze con altri paesi sono “difficili da spiegare”. Poiché l’ACM ha una scarsa conoscenza dei costi esatti sostenuti dai fornitori di calore (non vi è alcun obbligo di fornire tali informazioni all’ACM), secondo il TNO “non è possibile determinare quale sia la giustificazione o il contesto dell’aumento dei prezzi È.” '

La nuova legge sul riscaldamento, in attesa da anni, dovrebbe garantire che il prezzo del riscaldamento non sia legato al gas. Ma non si prevede che questa legge porterà rapidamente ad un abbassamento dei tassi di interesse.

Con le reti di riscaldamento così costose, il ministro uscente Rob Gittin (Clima ed energia, D66) ha annunciato la scorsa settimana una misura di emergenza che ridurrà le tariffe del riscaldamento di diverse decine di euro all’anno a partire dal 1° gennaio del prossimo anno. In risposta a tale provvedimento, lunedì Vattenfall Energy si è ritirata dalla cooperazione per le reti di riscaldamento di Amsterdam. Vedono “molta incertezza nel loro business case” a causa dell'azione intrapresa da Jeten e affermano che non potranno recuperare l'investimento nella rete di riscaldamento a prezzi più bassi.

READ  Il vaccino Omicron è in arrivo, Corona è ancora “leggera” Cosa significa questo per l'autunno?

***

Vedi per l'articolo dettagliato Qui.

***

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24