Grapperhaus vuole rendere punibile la condivisione dei dati personali

Questo è ciò che ha detto oggi il ministro della Giustizia e della Sicurezza, Fred Graberhaus telegrafo. La pubblicazione di informazioni personali online con l’obiettivo di consentire ad altri di molestare tali persone è anche nota come “doxing”.

Doxing: un lato oscuro dei social media

Morta una ragazza belga di 14 anni Portato il mese scorso Ancora una volta svelando il lato oscuro dei social media. La stazione radio fiamminga VRT ha rivelato che le foto e i video di nudo sono stati condivisi in vari gruppi chiusi su Internet.

Nei cosiddetti “gruppi di esposizione”, oltre alle foto, vengono condivisi anche i numeri di telefono e altri dati privati. Anche diffamazione. Messaggi come: “Spam a tutti è troppo, questa stronza è difficile”, “Spam a tutti su WhatsApp, chiamala” e “La connessione e l’app per lei sono interrotte”.

Secondo Graberhaus, minacciare o perseguitare qualcuno è già punibile, e questo non è ancora cambiato. “La semplicità con cui alcune persone pensano di poter intimidire pubblicando informazioni private su altri va oltre la maleducazione”, ha detto al giornale.

Massimo un anno di carcere

Se fosse per il Grapperhaus, per i trasgressori della nuova legge sarebbe prevista una pena massima di un anno di reclusione. Secondo il ministro, non solo la polizia e la pubblica accusa possono agire contro la diffamazione, grazie alla nuova legge anche le vittime diventeranno più resilienti.

Possono fare affidamento su provider Internet e piattaforme online per rimuovere i dati.

Eccezioni per i giornalisti

Ci saranno eccezioni alla legge, ad esempio per giornalisti e informatori. In questo modo possono continuare a svolgere il proprio lavoro e divulgare violazioni e dati personali, se è nell’interesse pubblico.

READ  Condividerai la custodia del tuo animale domestico dopo il divorzio? | Unisciti alla conversazione

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24