Guarda l’arte con il tuo cane. Cosa c’è dentro per il cane?

Guarda l’arte con il tuo cane. È una buona idea, simile alle lezioni di musica per il tuo bambino di quattro mesi? È l’ultima degenerazione della noia? O è qualcosa nella stessa categoria dei cani con calzini e cappello? Per trovare la risposta sono andato in fiera con il mio cane (vecchio e puzzolente, ma non ancora cieco). Maiali, pecore e bestieTour con cani New Dakota, Amsterdam.

Come percepisce l’arte un cane e soprattutto: come fa un cane a lasciarsi alle spalle l’arte quando la guarda e la annusa anche? Forse il pavimento al burro di arachidi di Wim T. Schippers era in mostra e i cani randagi potevano vagare su di esso e sarebbe stato creato un altro capolavoro: il mio cane non aveva idea di cosa aspettarsi.

Si scopre diversamente. nella galleria Maiali, pecore e bestie Presentava opere di otto artisti, che si concentravano non tanto sul cane come spettatore, ma piuttosto sul ruolo dell’animale in senso più ampio. Si rendono utili alle persone e hanno anche diritto alla protezione. Secondo il filosofo Erno Eskens (1964), il paroliere che accompagna le opere in mostra e autore del libro Democrazia animaleDovrebbe essere incluso nell’articolo 1 della Costituzione che non possiamo più discriminare sulla base della specie. E quando tratti e giudichi su questioni uguali, questo include gli animali.

Annusa e guarda

Mentre i dipinti vengono elencati e i cani possono annusare la vernice acrilica (e dare un premio al cane), io e il mio cane ci troviamo di fronte ai dipinti di Kubilay Mert Ural (1986). Su uno di essi vedi un cane e un proprietario. Sotto il mento, il cane ha un esagono. Non è chiaro se la bestia sia tenuta sotto tiro o se abbiamo a che fare con un cane suicida, ma è chiara l’idea che usiamo i cani per divertimento o che li addestriamo per renderli più umani di quanto non siano. Il mio cane non è interessato.

READ  Puoi guardare questi documentari su 2Doc.nl dal 29 ottobre

Diventa più interessante per lui quando guardiamo l’installazione Procrustinaceo di Philip Schuyler (1983). In questo, viene cliccato il sangue blu di un granchio a ferro di cavallo (presumibilmente ovviamente), perché questo sangue è troppo adatto per un rilevatore di virus e non può essere riprodotto artificialmente. Disgustoso da sapere, interessante da guardare. Anche il cane guarda, perché il colore blu è distinguibile. Inoltre, si scopre che i cani non possono realmente distinguere i colori, solo due, quindi un cane che non guarda altri dipinti diventa più comprensibile. Il lavoro di Schuyler, nonostante gli elementi animati, non piace molto a nessuno dei cani presenti.

annusare e ascoltare

Quindi aspetta per vedere se l’odore fa qualcosa. Durante la spiegazione ai proprietari sull’installazione Scrittore fantasma di Paul Geelen (1983) Ai cani è permesso annusare una lumaca appiccicosa. Le lumache domestiche strisciano su una finestra appesa al soffitto e la scia di melma che si lasciano dietro può essere usata come elisir di lunga vita. E le lumache non hanno molto da fare per i cani. Abbaiano l’un l’altro mentre i proprietari trascinano i cani al lavoro successivo. Laddove le opere non hanno molto profumo e la sensibilità al colore nei cani è limitata, è necessario cercare un fattore comune.

Almeno possono fare qualcosa al riguardo, secondo le reazioni a Movie About Chicken (1984) di Janice Rava. Mentre vedi tutte quelle galline che si muovono ei cani che si mettono davanti un barattolo di gusci d’uovo (nessuno dei quali suscita molta reazione da parte dei cani), senti la musica della band. Questa musica è usata con i maiali poco prima che vengano macellati, li calma. Anche nei cani, la corteccia si attenua un po’. Questo non è di buon auspicio per il futuro degli animali se la musica può essere utilizzata in questo modo, ed è esattamente ciò che Rava vuole chiarire nel film con Animal Requiem. finalmente un lavoro a cui rispondono i cani, altrimenti perle prima dei maiali. Per così dire.

READ  Il fotografo Erwin Olaf riceve il Premio Diversità postumo

Le idee alla base della mostra sono buone, rendono le persone più consapevoli di come noi umani cerchiamo di ottenere sempre di più dall’animale senza preoccuparci dell’animale stesso: molto buono e utile, proprio come Tinkebell nel suo lavoro, efficace. Il cane stesso sembra far parte del concept della mostra: la mostra mostra i passi curiosi che facciamo con gli animali, sui quali puoi quindi contare anche quando visiti una mostra con il tuo cane, perché tutti lo sanno: questo, ovviamente, non ha senso. nonostante? Musica di fanfara, un pavimento di burro di arachidi e alcune lattine aperte con una pipa dell’artista italiano Piero Manzoni: i cani hanno avuto il loro pomeriggio. Per i proprietari che vanno a maiali… Il motto è: lascia il tuo cane a casa.

Maiali, pecore e bestie Possono essere visti fino al 23 aprile nel New Dakota, ad Amsterdam. Informazione: newdakota.com

Museo? Ecco le migliori mostre che puoi vedere in questo momento


We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24