Hanneke de Jong è la nuova voce di With an Eye on Tomorrow

Hanneke de Jonge è la nuova voce del programma radiofonico Met het Oog op Morgen. “La sua voce è un po' roca, il che si presta bene in termini di intimità all'ora tarda dello spettacolo.”Foto di Ramon da Flymen/ANP

De Jong segue le orme di Hans Hoogendoorn (76 anni), “Big Ben” tra le voci olandesi, come il precedente.occhioIl tenente colonnello Fritz Spitz una volta ne descrisse il profondo timbro bronzeo. Da 48 anni Hogendoorn apre NOS, che centinaia di migliaia di ascoltatori ascoltano, addormentati o meno, ogni sera dopo le undici. L'azienda radiofonica ha recentemente annunciato di averne abbastanza dopo circa 17.000 trasmissioni.

Quindi il programma ha dovuto cercare un successore. Questo è quello che ha fatto occhio Le ultime cinque settimane con la competizione del pubblico. Almeno 7.183 persone hanno inviato una registrazione da cui è stata inviata un'e-mail occhio– E Noos Notizie-Presentatore Rob Tripp, la giuria ha scelto undici voti. L'elenco dei candidati comprendeva nomi luminosi del mondo del teatro e del cinema: Jacqueline Bloom, Thecla Rotten e Jess Scholten van Asschatte.

Circa l'autore
Jonathan Whitman è il corrispondente economico del giornale De Volkskrant Scrive di previdenza sociale, disuguaglianza e tecnologia, tra le altre cose.

Ma sabato sera hanno perso in una trasmissione speciale Ora delle notizieGiornalista Hanneke de Jong (46). “Un voto tra mille: unico e accessibile allo stesso tempo”, ha sentenziato la giuria. “Sono così incredibilmente onorato che non riesco a pronunciare le mie parole”, ha balbettato De Jong dopo l'annuncio.

Hans Hoogendoorn ha risposto il giorno dopo alla scelta di de Jong: “Una voce bella e fluente, con qualcosa di musicale al riguardo”. “Penso che suoni bellissimo e spero che continui a soddisfare gli ascoltatori per molto tempo a venire.”

READ  Pensando ai Paesi Bassi, alle nuove docuserie in arrivo al vertice e altro ancora

Il produttore della radio Diverse non ha alcun consiglio urgente di voto del tipo “fare gargarismi due volte al giorno con acqua salata e un po’ di miele” per un collega di 30 anni più giovane. “Non è scienza missilistica”, dice. “Basta canticchiarne un po' ogni tanto durante la giornata per eliminare il muco, basta.” Inoltre sconsiglia di conversare durante il giorno vicino a lavoratori stradali che trasportano martelli pneumatici o altre armi pesanti, dice Hoogendoorn.

L'allenatrice vocale e cantante lirica Elizabeth Ebbink, autrice del libro È la tua voce?, affascinato dall'equilibrio tra morbidezza e durezza nella voce di De Jonge. Le donne sono spesso divise: la loro voce dovrebbe suonare sostanziale e attraente. Questo vale molto meno per le voci maschili, perché vogliamo che suonino principalmente professionali. De Jonge risolve abilmente questo problema rendendo la sua voce un po' rauca, il che in termini di intimità si adatta bene all'ora tarda del programma.

Ebbink ritiene che sarebbe saggio per la giuria scegliere un voto completamente diverso con De Jonge. “La voce di Hans Hoogendoorn trasuda nostalgia e una sorta di paternità vecchio stile, un po' come Philip Bloemendaal di Rivista Poligono. Allora è inutile scegliere di nuovo lo stesso tipo di voce maschile, perché si rischia che gli ascoltatori si lamentino: non è più come prima.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24