Hedwigepolder: Bellissimi cantieri in passato, presto inquinati da sostanze chimiche

Alcuni anni fa, la duchessa di Zelanda Hedwigepolder era circondata da migliaia di pioppi. Se guardi attraverso gli alberi, hai visto incroci, stagni, cespugli, strade di campagna, prati e campi. “Non puoi più immaginarlo”, dice Johan Robsen (79), un ex membro del Consiglio provinciale della Zelanda per conto dello Zeeland Party. Dalla diga domina oltre trecento ettari di terreno (circa). Tutto ciò che rimane è Hedwigepolder, che si trova nel comune di Hulst in Zeeuws-Vlaanderen.

Robesin è “sul letto di morte della duchessa”, come lo descrive lui stesso, perché l’anno prossimo gli argini verranno violati e il polacco tornerà a far parte della Schelda occidentale. La desaldatura di Hedwigepolder, alla quale Robesin si oppose per anni, sarebbe stata quindi completata. Nei trattati di Schelda del 2005, i Paesi Bassi e le Fiandre hanno concordato che la sommersione di Hedwigepolder servisse a ripristinare la natura delle maree. Ciò era necessario affinché i Paesi Bassi rispettassero i requisiti ambientali europei. A causa dell’opposizione al disarmo di Hedwige da parte dei cittadini, dei politici e del proprietario del polder dell’epoca, ci sono voluti anni prima che iniziasse effettivamente l’anno scorso.

La Schelda occidentale è gravemente inquinata

Ma lo scorso aprile, è apparso evidente che la Schelda occidentale era gravemente contaminata da PFAS (sostanze poli- e perfluoroalchiliche), sostanze chimiche che possono essere dannose per la salute pubblica in grandi quantità. In alcune parti a valle, i valori PFAS sono stati trovati venticinque volte superiori rispetto al resto dei Paesi Bassi. Pochi mesi dopo, si è saputo che uno stabilimento del gruppo chimico americano 3M a Zwijndrecht (vicino ad Anversa) in Belgio aveva ottenuto il permesso permanente di scaricare grandi quantità di PFAS nella Schelda. Nessuna ricerca è stata fatta in precedenza sulle conseguenze per l’ambiente.

All’inizio di questo mese, la provincia di Anversa ha annunciato standard più severi per lo scarico dell’impianto PFAS, che sono entrati in vigore immediatamente. Venerdì scorso, per conto del governo fiammingo, le operazioni di produzione di 3M che lanciano PFAS sono state immediatamente chiuse. Questo è successo dopo che si è saputo che centinaia di persone che vivevano vicino alla pianta avevano molti PFAS nel sangue. La sospensione delle attività produttive è una misura temporanea.

L’ex proprietario belga di Hedwigepolder Géry De Cloedt a cui la regione ha sequestrato la notizia ha sequestrato la notizia il mese scorso per chiedere una revisione al Consiglio di Stato. Con questo vuole fermare il disarmo e revocare la confisca. Secondo De Cloedt, se i fanghi contaminati e l’acqua contaminata dalla Schelda occidentale dovessero fluire nel terreno, il processo di dissaldatura supererebbe l’obiettivo di ripristinare la natura.

READ  Come si formano i gemelli identici? Questo mistero viene svelato a poco a poco dalla scienza

De Cloedt non collabora a questo articolo. I suoi portavoce Johann Robsen e Hans Meras fanno proprio questo. Hans Meras (60) è il consulente legale di ClaudtLo aiuta da circa quindici anni nella sua battaglia contro la decostruzione. Mieras è seduto al tavolo di un ristorante di Terneuzen e Robesin è seduto accanto a lui. Westerschelde può essere visto attraverso le grandi finestre del ristorante. Le navi portacontainer scivolano via.

De Cloedt ha ricevuto dal governo 21 milioni di euro a titolo di risarcimento per l’esproprio, ma non si trattava di soldi. Mieras: “Ha una grande compagnia di dragaggi e ha sempre detto: ‘Per quello che vale finanziariamente Hedwige, non posso ancora comprare una draga. Ma il valore sentimentale è grande. Prosper, il nonno di de Kloyd, acquistò il proprietario di Hedwigepolder nel 1932. Jerry promise a suo nonno, Raymond, che Boulder sarebbe rimasto nella famiglia per sempre. Robesin: “Si è impegnato molto fortemente con Boulder e ha attirato gli inquilini con lui . La zona è sempre stata bellissima.»

De Cloedt ha rilasciato la sua ultima intervista a Omroep Zeeland nel maggio 2018. Poi è stato per la Corte Suprema ho appena deciso Doveva davvero dare la sua terra allo Stato. Dopo anni di lotte per mantenere Boulder, De Cloedt non ha avuto altra scelta che fermare la lotta. Ha detto di essere “deluso” dalla decisione e che lo ha colpito emotivamente. “Non posso più passare Boulder ai miei figli”, ha detto. “Da quando sono nati, sono stati qui ogni fine settimana e siamo stati in vacanza qui. Ci siamo divertiti così tanto qui. “

Leggi anche: Un impianto chimico scarica PFAS dannosi nella Schelda occidentale e ha un permesso permanente per questo

Attenzione di nuovo

A seguito della notizia della grave contaminazione della Schelda occidentale, lo smantellamento dello stand Hedwigepolder ha ricevuto rinnovata attenzione. A giugno, ad esempio, il PSC ha chiesto in un dibattito alla Camera cosa significa contaminare i PFAS per la rimozione dell’acido. La parte ha chiesto di interrompere la de-saldatura. Il partito ha espresso preoccupazione per il fatto che Boulder sarebbe “traboccante di fanghi carichi di PFAS”.

READ  Attenzione ai morsi di zecca: i residenti stanno esplodendo da aprile

Il ministro uscente Barbara Visser (Infrastrutture e gestione delle acque, VVD) ha scritto all’inizio di ottobre che l’inquinamento non è un ostacolo alla desaldatura. Si prevede che le concentrazioni di PFAS presenti diminuiranno a causa delle normative più severe dell’industria belga. Un dibattito alla Camera dei rappresentanti sulle conseguenze della contaminazione da PFAS su Hedwigepolder, che avrebbe dovuto svolgersi all’inizio di ottobre, è stato rinviato.

Navi portacontainer in viaggio verso Anversa.
Walter autunno immagini.

Per Robesin e Mieras, il dolore del precedente proprietario non è il motivo principale per combattere il disarmo. “Una gran parte di Boulder era un terreno agricolo”, afferma Robsen. Perché scambiare la terra fertile con l’acqua salata? Poi quella bellissima natura, che ora sarà inondata da acque inquinate.” Mieras: “C’erano tutti i tipi di uccelli rari a Hedwigepolder.”

Questo è il modo in cui più Zeelanders pensano alla deacidificazione, tre gruppi di lavoro hanno resistito: Save Polders, Emergency Clock Hedwige e De Levende Delta. Hanno cercato invano di fermare il disarmo attraverso petizioni e manifestazioni.

Allora perché il governo olandese ha continuato a smantellare Hedwige? Secondo Robsen, questa decisione è stata presa su pressione del governo fiammingo. “Fiandre riguarda il porto di Anversa”, dice. “Dovrebbe essere dragato quotidianamente per mantenere navigabile la parte della Schelda occidentale adiacente all’Hedwigepolder. Se le dighe di Hedwigepolder dovessero scomparire, i fanghi potrebbero essere rimossi più facilmente. Ciò salverebbe milioni di porti”.

specie di uccelli protetti

In risposta alle domande di Consiglio norvegese per i rifugiati La lotta dei Paesi Bassi e il Manifesto Fiandre-Ropsen. Entrambi si riferiscono all’impegno a ripristinare la natura imposto dai Paesi Bassi. Un portavoce del Ministero dell’agricoltura, della natura e della qualità alimentare (LNV) ha scritto che i Paesi Bassi hanno ricevuto un avviso di inadempienza dalla Commissione europea nel 2012 per non aver rispettato questo obbligo: “Le distese fangose ​​e le saline della Schelda occidentale minacciano di scomparire completamente se non interveniamo”.

Un portavoce del Dipartimento della mobilità e dei lavori pubblici (Fiandre) ha osservato che un comitato presieduto dall’ex ministro Ed Niebles (VVD) ha concluso nel 2008 che il radicamento di Hedwigepolder era di gran lunga l’opzione migliore per il ripristino della natura. A proposito delle specie di uccelli protette che si verificano a Hedwigepolder, il portavoce di LNV ha scritto: “Il ripristino della natura aumenterà l’habitat, il foraggiamento e l’area di riposo di quasi tutte le specie di uccelli. L’habitat è stato stabilito in una vicina riserva naturale di campi rari. e uccelli da prato in collaborazione con il settore agricolo”.

READ  Ripristino della rete elettrica a Verviers e comuni dell'operatore di rete Ores | interni

Robesin sembra incapace di smettere di parlare di de-saldatura. Ha scritto due libri critici sull’argomento e ora sta lavorando al suo terzo libro. Dice che il suo fanatismo deriva da “una profonda preoccupazione che le cose non stiano andando nella giusta direzione per la Zelanda”. “Non dalla parte giusta” significa che “la Zelanda sta diventando una provincia agricola sempre più piccola”. Nel 2011, Robesin è stato invitato a Torentje come membro del Parlamento dal primo ministro uscente Mark Rutte, allora primo ministro nel governo Rutte I. Lì, il leader del partito Rutte e PVV Geert Wilders ha chiesto a Robesin di votare per uno degli allora partiti della coalizione – VVD, CDA, PVV – nelle elezioni del Senato nello stesso anno. Robesin ha promesso voti nel VVD se Rutte si fosse impegnato a mantenere Hedwigepolder. Nello stesso anno, VVD, CDA e PVV hanno concordato che Hedwige non sarebbe stata disaggregata, ma nel 2012 l’armadietto Rutte II ha deciso che ciò sarebbe accaduto di nuovo.

Non senza combattere

Robesin e Mieras sono ancora designer. Sono fiduciosi che il processo di dissaldatura possa essere interrotto con una richiesta di revisione. “Ma sappiamo che non passerà senza combattere”, dice Meras. Si trova accanto a Robesin sulla diga a Hedwigepolder. “Certamente ora che il ministro ha già detto che la contaminazione da PFAS non ostacola la de-saldatura”.

Con il suo iPad, Robesin fotografa il paesaggio arido, con il porto di Anversa sullo sfondo. Non manderà quella foto a De Cloedt. “Non veniva qui apposta da anni e questa è una buona cosa.”

Leggi anche: PFAS: dannoso e indistruttibile

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24