I bambini sono sempre più intrappolati

Bambini a Gaza

La situazione umanitaria a Gaza si sta dirigendo verso il disastro. La Corte internazionale di giustizia dell'Aia, dove è stata intentata una causa contro Israele, stabilisce con una sentenza provvisoria che ora esiste uno stato di carestia.

La carenza di cibo colpisce duramente anche i bambini. Secondo le Nazioni Unite, il 31% dei bambini sotto i due anni nel nord di Gaza soffre di malnutrizione acuta. Nel sud di Rafah ciò vale per il 10% dei bambini. Si stima che 50.000 bambini nella Striscia di Gaza soffrano di malnutrizione. Circa 1 vittima su 3 a Gaza è un bambino.

Il direttore di Save the Children, Janti Soeripto, è stato uno dei pochi che ha potuto visitare Gaza ed è appena tornato. “Hanno fame. Si vede la malnutrizione. C'è molta tosse tra i bambini, c'è molta diarrea e ci sono molte persone che hanno eczemi o eruzioni cutanee perché non hanno accesso all'acqua pulita. “

Morirono 12.500 bambini

Ha visto come i medici devono fare delle scelte. “Quali bambini prematuri dovrebbero essere rimandati a casa, sapendo che moriranno? Scelte dolorose, sapendo che tutto è a soli venti chilometri di distanza, ma non saranno ammessi. Questo non ha precedenti.”

La metà della popolazione della Striscia di Gaza, pari a circa 2,2 milioni, è composta da bambini. Dal 7 ottobre, secondo il Ministero della Sanità palestinese controllato da Hamas, sono morti a causa del conflitto circa 12.500 bambini. Le Nazioni Unite indicano che più di un milione di bambini necessitano di assistenza psicologica a causa della guerra e che 17.000 bambini vivono soli senza alcuna supervisione dei genitori.

READ  Almeno 14 persone sono morte e decine sono rimaste ferite in un'esplosione in un edificio residenziale in Bangladesh

L'acqua pulita e il cibo sono ora una priorità, dice Soeripto, ma ha subito menzionato qualcos'altro: “Questo è supporto psicologico. Ho parlato con una madre e ho chiesto aiuto psicologico. Lei ha detto: “Perché sono così traumatizzata. “Io e i miei figli siamo molto scioccati, il che è ancora più sconvolgente in questo momento.”

carestia

Oggi c'erano di nuovo gocce di cibo. Gli aiuti arrivano anche via terra. Secondo gli ultimi dati delle Nazioni Unite – risalenti al 27 marzo – il numero dei camion è arrivato a 209. Ma secondo le organizzazioni umanitarie e le Nazioni Unite, a Gaza arriva pochissimo cibo.

Le organizzazioni umanitarie hanno già lanciato l'allarme sulla situazione alimentare nella Striscia di Gaza. Il coordinatore degli affari esteri dell'Unione europea Josep Borrell, capo diplomatico dell'Unione europea, ha affermato che Israele è responsabile della carestia a Gaza. “La carestia viene usata come arma di guerra. Israele sta causando la carestia”. Israele nega tutte le accuse e afferma che la quantità di cibo che entra a Gaza è maggiore rispetto a prima della guerra.

Desideroso di

Il governo ha annunciato oggi che il Ministero della Difesa fornirà nuovamente aiuti alimentari tramite lanci aerei nel mese di aprile. In cooperazione con la Giordania e altri partner internazionali e in consultazione con Israele.

Secondo Israele, la distribuzione sicura a Gaza è comunque un problema. Caos e scontri si verificano regolarmente durante la distribuzione del cibo. Ma, dice Soeripto, “questa è una storia dell’uovo e della gallina”. “C'è così tanto bisogno e le persone sono disperate, che diventa difficile effettuare queste distribuzioni in modo controllato. Anche se le bombe cadono. Dobbiamo garantire che arrivino cibo e acqua sufficienti, in modo che questo enorme bisogno diminuisca”. “.

Questa settimana, il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha chiesto un cessate il fuoco immediato nella Striscia di Gaza durante il mese del Ramadan. Soeripto chiede un cessate il fuoco permanente. “Quindi bisogna assicurarsi che gli aiuti vengano effettivamente inviati su larga scala. In modo che possiamo poi distribuirli in modo sicuro e controllato e poi iniziare a parlare di ricostruzione.”

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24