I canali olandesi emettono più metano di quanto si pensasse: una crisi climatica silenziosa?

Precedenti ricerche hanno dimostrato che più di tre quarti del metano emesso nei Paesi Bassi è prodotto dall’agricoltura. L’industria è responsabile per circa il 20%, mentre il 5% circa proviene da altre fonti, come il traffico. I dati sulle emissioni di metano dai canali non sono ancora stati inclusi.

Rifiuti in acqua

Tuttavia, secondo l’ultima ricerca dell’Università Radboud di Nijmegen, i canali olandesi rappresentano dallo 0,1 al 2% delle emissioni di metano. Si tratta di una stima conservativa e potrebbe raggiungere il 4%. Potrebbe non sembrare molto, ma secondo il ricercatore Koen Bylsma non dovremmo sottovalutarne l'impatto. “Non ti ucciderà, ma contribuisce al cambiamento climatico”.

“Durante i grandi eventi, come il King's Day o il Pride Day, si vedono più rifiuti finire nell'acqua”, continua. “I microrganismi possono scomporre questa sostanza. Durante un picco di azoto, nel sistema idrico viene creata più ammonio. I batteri lo convertono in protossido di azoto, che è un gas serra più potente.”

Le emissioni di metano hanno una storia relativamente lunga. Ad esempio, i primi batteri mangiatori di metano furono isolati nel 1606, ma non si conoscono molti studi sulla presenza di metano nei canali. “È una specie di punto cieco. I veri rifiuti sono scomparsi dai canali, e così anche il problema, pensava la gente. Ma non è affatto così.”

Attività umana

Grazie alla ricerca moderna, si sa sempre di più su cosa c'è nell'acqua della nostra città. “La cosa più sorprendente sono i batteri mangiatori di metano trovati sulle pareti dei canali”. Prelevando campioni dalle pareti di vari canali, sono stati scoperti batteri in luoghi inaspettati.

READ  L'OMS annuncia due morti in Africa per il virus del vaiolo delle scimmie | All'estero

Secondo Sander Hoeling, professore di geoscienze alla Vrije Universiteit Amsterdam (VU), questa non è necessariamente una situazione preoccupante. Dopotutto, il metano esisteva già prima dell’attività umana. “Esistono fonti naturali di metano”, afferma Hoeling.

Affrontare le fonti

“Il metano era già lì prima che arrivassimo noi, il che rende difficile determinare se i livelli di metano sono sempre stati così o sono peggiorati a causa nostra. Naturalmente nei Paesi Bassi c'è molta acqua e paludi. È quindi molto probabilmente più gas metano”.

Per quanto riguarda il cambiamento climatico, faremmo bene a cercare di affrontare chiaramente le cause di cui siamo responsabili. “C'è qualcosa da dire sulla pulizia dei canali”, continua lo scienziato. “C'è molta materia organica scaricata nel canale, quindi ti aspetteresti che sia sporco e contenga molto metano.”

“Ma cominciamo prima con le fonti di metano alle quali abbiamo sicuramente contribuito, come l'allevamento di bestiame e le discariche di rifiuti – spiega Hoeling – Inoltre, nelle città olandesi si stanno già facendo molti sforzi per combattere le emissioni di metano”.

Figlio adottivo

Il ricercatore Bylsma afferma che le esatte conseguenze del metano nei canali non sono ancora chiare. “Quando si tratta di azoto, l'acqua della città è l'elemento secondario”, afferma. “Dal profilo dell’azoto, è comprensibile che guardiamo ad altre emissioni di azoto, ma preferisco considerarle tutte”.

In definitiva, migliorare la qualità dell’acqua in città va a vantaggio di tutti. “Meno metano significa meno cattivi odori e più uccelli e piante nella zona: una situazione vantaggiosa per tutti”, afferma Bylsma.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24