I fantasmi esistono! La serie di successo “The Crown” ha raggiunto il suo punto più basso

Fonte: Netflix

Questo è fatto e finzione la corona La promiscuità è nota da tempo. Tuttavia, la sesta e ultima stagione della serie di successo Netflix è il suo ultimo punto debole. Kemal Rikin – autore del libro Proprietà – Ho visto i primi quattro episodi.

Alcune ricerche per il mio libro Proprietà Consiste nel guardare la corona, una serie Netflix sulla monarchia britannica che mescola fatti ed eventi successivi al 1947 con scene su ciò che i membri della famiglia reale potrebbero dire e fare. La serie drammatica del creatore e sceneggiatore Peter Morgan è ben realizzata nelle sue prime due stagioni. In combinazione con la forte interpretazione di Claire Foy nei panni della giovane regina Elisabetta II, la sensazione della macchina del tempo era molto forte. A volte la storia veniva distorta, ma nel complesso c’era un ragionevole equilibrio tra realtà e finzione.

Iscriviti all’abbonamento

HP/De Tijd ha un’app gratuita

Ricevi ogni giorno informazioni aggiornate, opinioni e ispirazione sulle notizie sul tuo smartphone o tablet. Leggi le rubriche attuali sul nostro sito web, sfoglia gli ultimi numeri pubblicati e ottieni accesso esclusivo ai numeri arretrati.

Scarica l’applicazione

Tuttavia, le prime crepe nella formula Morgan sono arrivate nella terza stagione, con errori riguardanti la principessa Margaret e il principe Filippo, tra gli altri, seguite da più “interpretazioni libere” nella quarta stagione, come la relazione tra la regina e il primo ministro Thatcher. Le cose non si sono surriscaldate fino alla quinta stagione, che risale all’incirca alla prima metà degli anni ’90, un periodo in cui la monarchia britannica era presa dallo scandalo. Qui la fantasia ha quasi completamente preso il sopravvento sulla realtà. John Major, all’epoca Primo Ministro responsabile della Famiglia Reale, ne parlò giustamente. Un barile di stronzate Dopo aver visto gli episodi.

READ  Victoria Koblenko ti lascerà a bocca aperta con queste foto insta

La sesta stagione è stata presentata in anteprima giovedì. Attualmente, solo i primi quattro episodi possono essere trasmessi in streaming su Netflix. L’intera serie ruota attorno alle ultime settimane di vita di Lady Diana Spencer, nel 1997. Il primo episodio mostra come l’uomo d’affari Mohamed Al-Fayed “collega” suo figlio Dodi a Diana. Tuttavia, nulla di ciò che sappiamo ora indica che in quel momento lo costrinse a impegnarsi con la principessa. È noto che lei e i suoi figli furono ospiti di Al-Fayed su uno yacht nel Mediterraneo e che in seguito tornò nel sud della Francia per stare con Dodi.

Tuttavia, le prime crepe nella formula Morgan sono arrivate nella terza stagione, con errori riguardanti la principessa Margaret e il principe Filippo, tra gli altri, seguite da più “interpretazioni libere” nella quarta stagione, come la relazione tra la regina e il primo ministro Thatcher.

Il secondo episodio mostra come Al-Fayed inganna un fotografo italiano facendogli scattare segretamente foto di Dodi e della sua amante britannica su uno yacht al largo della costa della Sardegna. Anche questo non è vero. Il fotografo Mario Brenna ha poi rivelato di essere “per caso” sull’isola e nel suo libro Carte del palazzo L’autrice Tina Brown ha scritto che Diana stessa lo ha provocato. Con queste foto ha voluto far ingelosire l’altro suo amante, Hasnat Khan, un cardiochirurgo di origine pakistana. La situazione potrebbe cambiare.

L’episodio più noioso e lungo è il terzo episodio consecutivo. Secondo il creatore del film, Morgan, Al-Fayed avrebbe fatto pressione su suo figlio affinché proponesse a Diana l’obiettivo: entrare nell’establishment britannico e ottenere un passaporto britannico. Non si sa nulla nemmeno di questa procedura. E infatti Dodi ha comprato l’anello di fidanzamento con il testo Questo è mio, ohi [‘Zeg ja tegen mij’, KR] Ma non è dato sapere se i due siano già fidanzati. Dopo la morte di suo figlio, Al-Fayed ha sempre sostenuto che fosse così, ma non è mai stata trovata prova di ciò.

READ  Il successo della SSC Napoli non è stato casuale, ma è stato abilmente prodotto dal Presidente del Consiglio Aurelio De Laurentiis.

Lo scontro arriva nel quarto episodio. Dopo la morte in un incidente a Parigi, Diana e Dodi appaiono come fantasmi alla presenza dei loro cari. Ad esempio, il principe Carlo riceve la visita sull’aereo dal fantasma della sua ex moglie morta in un incidente, e Al-Fayed si occupa dell’apparizione del figlio morto nel suo ufficio. Successivamente, alla regina Elisabetta fu permesso di parlare con la defunta Diana. Presumibilmente Morgan ha copiato questa parte re Carlo IIIÈ uno spettacolo teatrale visto a Londra circa dieci anni fa e anche dopo È stato filmato Egli è. Questa storia è avvenuta nel futuro ed era completamente immaginaria. Molto diverso quindi la coronache finge di intrecciare fatti storici con la finzione.

Ma in Inghilterra la fede nel soprannaturale non è tanto un tabù. Nella cultura e nella morale inglese i fantasmi sono considerati meno problematici e più divertenti che nei Paesi Bassi. Apparentemente Peter Morgan pensava che un’apparizione della defunta principessa Diana nella sesta stagione sarebbe stata accettabile. Ma queste scene hanno funzionato come una tenaglia su un maiale e hanno trascinato ancora più in là la già discutibile serie Netflix. Anche l’apparizione del fantasma non fu ben accolta dalla stampa britannica.

Ad ogni modo, la recitazione nella sesta stagione è fantastica la corona Non c’è niente di entusiasmante. I personaggi non sono stratificati – quello di Diana per primo – e quindi la narrazione non ha una vera profondità. Inoltre, Morgan utilizza frammenti di dialogo dei suoi lavori precedenti nell’episodio finale la reginaÈ un film che racconta la storia della settimana successiva all’incidente mortale di Diana e offre uno sguardo immaginario dietro le quinte della famiglia reale britannica. L’attrice Helen Mirren interpreta la regina Elisabetta meglio di Imelda Staunton la corona Fare. Il lungometraggio di Morgan del 2006 è dieci volte migliore dei suoi quattro lungometraggi sulla principessa.

READ  Lucy Salani (98) è una donna transgender sopravvissuta a Dachau ed è stata abusata

Infine: ancora una volta Diana viene ritratta come una santa in questa serie. Si adatta all’immagine popolare che la vedesse vittima dei “media” e dell’“establishment”. Altri avevano teorie del complotto, come la storia della regina Elisabetta che metteva fuori uso un’auto francese o la teoria secondo cui avrebbe deliberatamente messo un forte bevitore al volante. Fortunatamente, Morgan no. Quindi va con l’immagine che Diana sia perfetta. Come molti media di interesse umano e di gossip, non sembrava rendersi conto che anche la principessa aveva uno svantaggio e quindi non era solo una vittima. In questo senso, la sesta stagione di la corona La verità storica è stata ancora una volta violata e gli ignoranti sono stati nuovamente ingannati.

Kemal Rekin è l’autore del libro “Monarchia e famiglie reali in Europa dal 1940, storia, sfide e possibilità di sopravvivenza”. Per il suo lavoro, ha trascorso tre anni studiando lo sviluppo delle monarchie europee e la questione di quanto sarebbero durate.

Donando sostieni il giornalismo indipendente HP/de trova. Diventa donatore o membro, a partire da 5€ al mese.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24