I giocatori di pallanuoto arancioni raggiungono la finale del Campionato Europeo nel loro paese dopo un'emozionante battaglia con l'Italia | Altri sport

I giocatori di pallanuoto olandesi hanno raggiunto la finale del Campionato Europeo a Eindhoven. Dopo una partita emozionante, giovedì sera l'Italia ha perso 7-6 (1-1, 2-2, 2-2, 2-1).

Maartje Keuning e Sabrina van der Sloot hanno creato il divario decisivo per la squadra olandese nel quarto quarto. La finale contro la Spagna, che stasera ha battuto la Grecia 13-5, è la rivincita della battaglia finale dell'ultima Coppa del Mondo di sabato. Quella partita leggendaria che gli olandesi vinsero su una serie di calci di rigore. I Paesi Bassi erano i migliori in Europa una volta in questo secolo, nel 2018.

L'ex giocatore internazionale di pallanuoto Robert van den Hoogenband, che ha contribuito a portare l'evento nei Paesi Bassi per conto di BrabantSport e Eindhoven247, ha dichiarato nella sua presentazione agli ospiti VIP del mondo dello sport che si aspettava una partita emozionante. Come accadde ai Mondiali del 2023, quando l'Olanda vinse la semifinale con il punteggio di 9-8 e divenne così campione del mondo. O un anno prima, quando la nazionale olandese vinse il bronzo ai Mondiali (7-5) ma non vinse una medaglia agli Europei (13-16).

Non confessatevi nulla a vicenda

E aveva ragione, dato che entrambe le squadre non si sono concesse nulla per tre quarti in una partita tesa. “Quando le cose si fanno emozionanti, spesso vedi Sabrina van der Sloot prendere le decisioni”, ha detto van den Hoogenband. Il capitano ha già confermato che per la prima volta in questa partita il vantaggio è diventato di due. L'Italia non pareggia ancora: 7-6.

READ  L'FC Volendam pone fine all'incertezza e conferma il nuovo contratto di locazione con Stankovic

“Se fossimo stati più pazienti in attacco, la partita sarebbe stata molto diversa. Perché stavamo difendendo bene. Benty Rouge ha messo pressione otto volte durante la partita. Non si vede spesso nelle competizioni di alto livello”, ha detto il ct vincente della nazionale Eva Dudsis.Siamo stati bravi in ​​attacco nel quarto periodo. Se non avessimo subito quel gol dopo la sospensione per meno di un uomo, questo sarebbe stato davvero il periodo perfetto.

Dudessis ha sospirato profondamente quando, poco dopo la partita, gli è stato chiesto di spiegare come l'Olanda continua a crescere fino a raggiungere grandi livelli sotto la sua guida. “Abbiamo imparato a vincere le partite importanti, anche in una giornata come questa in cui non siamo in forma. Quindi è meno attraente per chi viene a vedere, questo non è teatro. Non giochiamo tattiche particolari, ma abbiamo “Fare bene le piccole cose fa la differenza”, ha detto la 38enne greca, che ha tratto grandi benefici da questa partita. “Le donne italiane tradizionalmente cercano di intimidirci, ma le mie donne non sono più sante. Pertanto, non raggiungono più il loro obiettivo”.

Non collassa sotto pressione

Lola Molhausen, che una volta approfittò di un atteggiamento più mascolino dopo l'espulsione di Claudia Marletta con un cartellino rosso, ha suggerito che l'entourage le dava più sui nervi. “L'importante è qualificarsi per la finale e volevamo davvero riuscirci qui a Eindhoven. Rende anche le cose più belle. Non cederemo a quella pressione”, ha detto il talentuoso 19enne della nazionale olandese.

Molhausen è il primo giocatore della squadra olandese a ricevere una formazione presso la Water Polo Academy di Eindhoven, il luogo centrale dove si forma la nuova generazione di giocatori di polo. “È molto bello giocare qui con la nazionale olandese. Non mi aspettavo che accadesse così in fretta”.

READ  L'Olanda dopo una sanguinosa sessione di semifinali - Utrechts Sportkrant

Risultati arancioni: Van de Kraats (2), Keuning (2), Van der Sloot (2), Mühlhausen (1).

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24