Un'intera biblioteca di Charles Darwin messa online dagli storici

Carlo Darwin

Noos Notizie

Oggi gli scienziati del Darwin Online Project mettono online l'intera biblioteca privata di Charles Darwin. La collezione del fondatore della teoria dell'evoluzione comprende oggi 7.400 titoli e 13.000 volumi. La presentazione del progetto avviene in vista del 215esimo anniversario della nascita di Darwin, il 12 febbraio.

Per molti anni, la Biblioteca di Darwin sembrava essere composta da soli 1.480 titoli, basati su due collezioni dell'Università di Cambridge e di Down House. Ora sono stati aggiunti molti titoli. Le opere raccolte contengono 300 pagine indice.

Il progetto nasce da un'idea dello storico della scienza britannico John van Wehe, che ci ha lavorato per diciotto anni. Ha scritto un'introduzione speciale alla biblioteca.

Ecco come appare la biblioteca in Darwin's Down House:

  • Riprodotto per gentile concessione di Darwin Online

  • Riprodotto per gentile concessione di Darwin Online

“Bello, molto speciale”, risponde Redmond O’Hanlon, scrittore e conduttore della serie tv. Beagle, seguendo le orme di Darwin. “Le dimensioni della biblioteca e l'attenzione e la cura con cui Von Wyhe ha messo insieme il tutto, attraverso cataloghi e aste, sono davvero straordinarie. Con attenzione alle cose più piccole, come brochure e riviste.”

O'Hanlon conosce Van Wehe da quando i due salparono per lo show televisivo su una replica del Beagle, la nave su cui Darwin scoprì il mondo e fece osservazioni che in seguito portarono alla sua teoria dell'evoluzione. “Un ragazzo tranquillo che ha effettivamente iniziato questo progetto e ha trascorso molto tempo nelle biblioteche”, dice O'Hanlon di Van Wehe. “Ci ha dato un tesoro”.

READ  L'intelligenza artificiale aiuta i ricercatori a leggere manoscritti romani carbonizzati dopo 250 anni | Tecnologia e scienza

O'Hanlon spiega che i libri della biblioteca mostrano chiaramente lo sviluppo che Darwin ha avuto nel suo pensiero. Ad esempio, da giovane Darwin lesse la Teologia naturale di William Paley. Questo libro suggerì a Darwin che Dio ha creato tutto, e quindi lo studio della natura è uguale allo studio di Dio. “Non c’era niente di troppo piccolo da studiare, nemmeno le formiche, perché Dio le ha create”.

In seguito lesse i Principi di geologia di Charles Lyell. Questo libro studiava i diversi strati della Terra e spiegava a Darwin che la Terra doveva essere molto antica. “Questo libro portò alla lenta caduta dalla fede di Darwin”, afferma O'Hanlon. Dopotutto, la Bibbia mostrava che la Terra poteva avere solo poche migliaia di anni.

Libri olandesi

La maggior parte della biblioteca è costituita da libri scientifici, principalmente legati alla biologia e alla geologia. Ma si possono trovare anche argomenti come filosofia, religione, arte e resoconti di viaggio. Oltre a molti titoli inglesi, la biblioteca contiene alcuni libri olandesi, spagnoli e italiani.

La biblioteca dimostra che Darwin non era un genio isolato, afferma lo storico della scienza Van Wehe, che ha guidato il progetto. Sapeva esattamente ciò che si sapeva ai suoi tempi e si affidava alla conoscenza e agli studi di migliaia di persone.

Pertanto, il padre della teoria dell'evoluzione scoprì che le specie si sono evolute grazie alla selezione naturale. Non sapeva esattamente come funzionasse. Mentre avrebbe potuto semplicemente trovare il meccanismo nella sua biblioteca.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24