I leader religiosi si uniscono per chiedere la protezione del clima

Per la prima volta, i rappresentanti di quasi tutte le religioni del mondo, insieme agli scienziati, hanno chiesto l’immediata accelerazione delle misure per proteggere il clima globale. Hanno telefonato martedì 4 ottobre, non a caso festivo San Francesco d’Assisi, dalla Città del Vaticano in vista del vertice sul clima COP26 a Glasgow all’inizio di novembre. Quasi 40 rappresentanti religiosi hanno consegnato l’appello al britannico, il capo designato della COP26 Alok SharmaAl Ministro degli Affari Esteri italiano Luigi Di Maio.

dovere morale

Nell’advocacy, le religioni indicano un obbligo morale condiviso di affrontare il cambiamento climatico. Tutte le tradizioni religiose e spirituali richiedono attenzione per gli altri e per il creato. Più specificamente, la scienza e la religione chiedono al mondo di raggiungere emissioni nette di CO2 pari a zero il più rapidamente possibile. Secondo loro, ciò è necessario per limitare l’aumento della temperatura media globale a 1,5 ° C sopra i livelli preindustriali. I paesi ricchi hanno bisogno di più impegno, con misure più dure e aiuti finanziari per i paesi poveri. Richiede inoltre la cooperazione internazionale nella transizione verso l’energia pulita, l’uso sostenibile del suolo e la produzione alimentare, nonché finanziamenti responsabili.

durata

I leader religiosi istruiranno e motiveranno i loro aderenti a partecipare attivamente al dibattito pubblico sulle questioni ambientali. Allo stesso tempo, loro e le loro organizzazioni dovrebbero concentrarsi maggiormente sulla sostenibilità nello stile di vita e nella gestione della propria proprietà. Tra i firmatari, oltre a papa Francesco, ci sono alti rappresentanti di tutte le confessioni cristiane, dell’islam sunnita, dello sciismo, dell’ebraismo, dell’induismo, del sikhismo, del buddismo, del confucianesimo, del taoismo, dello zoroastrismo e del giainismo.

lungo termine

Con la conoscenza della scienza e la saggezza della religione È urgente e necessario? Pensare a lungo termine per il bene di tutta l’umanitàHa detto la chiamata. Le generazioni future non ci perdoneranno se non proteggiamo la nostra patria comune. scienza da Joachim von Braun, vai a Pontificia Accademia delle Scienze, è sempre stato di un’opinione sui cambiamenti climatici. No, Egli ha detto, Le religioni sono d’accordo su questo tema?.

COP26

READ  Il tecnico del Sassuolo non vuole giocare contro il Milan: "Sono molto arrabbiato"

Alok Sharma, il presidente eletto della COP26, ha dichiarato: Sono onorato di ricevere questa storica chiamata congiunta. Sharma ha affermato che le voci delle persone più colpite dai cambiamenti climatici devono essere ascoltate.

L’iniziativa della conferenza è venuta dalle ambasciate britannica e italiana presso la Santa Sede. Il Regno Unito è il paese ospitante della COP26, mentre l’Italia detiene attualmente la presidenza del G20.

Il Papa a Glasgow?

A settembre Papa Francesco con il Patriarca Ecumenico Bartolomeo Costantinopoli e arcivescovo anglicanoJustin Welby Canterbury ha chiesto più azioni sul cambiamento climatico. Da tempo si specula sulla visita del Papa a Ventiseiesima Conferenza delle Parti (COP26) per la Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici a Glasgow. La Conferenza episcopale scozzese ha già annunciato la sua visita, ma il Vaticano deve ancora confermarla.

Fonte: VaticanNews / kro-ncrv.nl

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24