I Paesi Bassi attaccano l’esercito privato di Putin | all’estero

Diversi Paesi europei, tra cui l’Olanda, si sono espressi ieri sera contro la presenza del Gruppo Wagner, considerato anche “l’esercito privato di Vladimir Putin”, nel vulnerabile Mali. “Lo condanniamo fermamente”.




I quattordici paesi europei e il Canada in un comunicato congiunto hanno espresso il loro disappunto nei confronti delle attuali autorità finanziarie, che hanno ammesso e pagato il gruppo di mercenari, invece di mettere i pochi soldi nel loro esercito. Il governo di transizione del Paese dell’Africa occidentale ritiene di aver bisogno di mercenari nella lotta agli estremisti islamici, e vede soprattutto i Paesi occidentali come un’interferenza della Russia.

“Noi (…) condanniamo fermamente il dispiegamento di mercenari sul territorio del Mali e la partecipazione del governo della Federazione Russa nel fornire supporto materiale per lo spiegamento del Gruppo Wagner in Mali”, si legge nella nota. I Paesi chiedono alla Russia di agire in ogni caso “in modo responsabile e costruttivo”.

La dichiarazione è stata firmata da Belgio, Canada, Repubblica Ceca, Danimarca, Estonia, Francia, Germania, Italia, Lituania, Paesi Bassi, Norvegia, Portogallo, Romania, Regno Unito e Svezia, paesi che contribuiscono politicamente o militarmente al mantenimento della pace. Missioni in Mali da molti anni.

Gruppo Wagner

Ad esempio, il gruppo mercenario del presidente russo è sotto il fuoco degli europei per la seconda volta in breve tempo. All’inizio di questo mese, i ministri degli esteri dell’Unione europea hanno deciso Congelare immediatamente i beni del gruppo e altri beni in Occidente. Inoltre, i suoi membri non possono più entrare in Europa e il sostegno finanziario al Gruppo Wagner è ora vietato.

Il Gruppo Wagner è visto come un’organizzazione paramilitare, guidata dai sostenitori di Putin e presumibilmente schierata dal presidente russo in operazioni in cui non vuole essere coinvolto pubblicamente. Secondo l’Unione Europea, il gruppo è già attivo in tutto il mondo. Recluta e addestra truppe in tutto il mondo e le invia per operazioni per lo più segrete, come l’intimidazione dei civili, il saccheggio delle risorse naturali o l’incitamento alla violenza.

READ  "Un padre (60) uccide l'amante di sua figlia dopo averla venduta a una banda di prostituzione" | All'estero

L’Europa sospetta che i mercenari siano “gravi violazioni dei diritti umani”, come torture, omicidi ed esecuzioni illegali, nonché attività destabilizzanti in paesi come Libia, Siria, Ucraina (la regione orientale del Donbas, dove il gruppo ha avviato le sue prime attività nel 2014) e la Repubblica Centrafricana. . Sabota anche le operazioni di pace nel Sahel. “Il gruppo rappresenta una minaccia per le popolazioni dei paesi in cui si trova, per l’intera regione e per l’Unione europea”, hanno affermato i ministri.

jihadisti

Il Mali ha avuto molti problemi per anni. Il paese di 19 milioni di persone soffre di disastri economici, conflitti tribali, corruzione, nepotismo e destabilizzazione politica per mano dei jihadisti che governano la maggior parte del nord del paese.

Il colonnello Asimi Guetta è stato nominato presidente ad interim a giugno Dopo un colpo di stato condottoÈ il secondo colpo di stato militare in Mali in meno di un anno. Questo è stato il secondo colpo di stato militare in Mali in meno di un anno.

Secondo il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov, il gruppo Wagner ha tutto il diritto di trovarsi in Mali dove il governo ad interim ha richiesto questo gruppo. Secondo Lafour, la Russia non è coinvolta in alcun modo.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24