TGcomnews24

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

I paesi dell’ASEAN chiedono la fine delle violenze da parte della giunta in Myanmar

I leader dei paesi del sud-est asiatico in Asia hanno detto di aver raggiunto accordi con il comandante militare del Myanmar, il generale Min Aung Hling, in un vertice a Giacarta. Questi accordi dovrebbero porre fine alla crisi politica in quel paese. Una delle richieste importanti è la fine delle violenze contro i manifestanti contro lo SCAF.

Non è chiaro se il generale sia d’accordo con gli accordi. Il primo ministro di Singapore Lee Hsien Loong ha detto: “Ci ha ascoltato e ha detto che stava pensando ai punti”. “Dire la fine della violenza e liberare gli oppositori politici è una cosa. Farlo è un’altra”.

Secondo la Presidenza dell’ASEAN, l’accordo contiene altri quattro punti: l’avvio del dialogo con tutte le parti, la mediazione dei paesi dell’ASEAN, la visita degli inviati dell’ASEAN in Myanmar e l’accettazione degli aiuti umanitari.

“Questo supera le aspettative”, ha detto il primo ministro malese Muhyiddin Yassin. “Min Aung Hlaing non ha contestato i punti che io e i miei colleghi abbiamo fatto”.

Incoraggiare

I membri del governo civile estromesso in Myanmar, insieme a rappresentanti delle minoranze etniche, hanno formato il governo ombra, il governo di unità nazionale.

Un portavoce del governo ha definito “incoraggianti” le notizie di Jakarta. Speriamo che le decisioni si traducano rapidamente in azioni, che la democrazia torni e il nostro popolo sia di nuovo libero.

L’esercito è intervenuto 1 febbraio Energia. Si dice che più di 700 persone siano state uccise in manifestazioni contro i governanti militari.