I paesi europei sono ancora completamente nel loro film

Fino a poco tempo fa, Francia e Germania erano molto dominanti in Europa. Ma questo cambia un po’. In parte influenzato dalla guerra in Ucraina, il potere nel continente è diventato più diffuso. Ciò significa che Parigi e Berlino stanno diventando un po’ meno dominanti nel processo decisionale europeo e altri paesi, a seconda dell’argomento, stanno iniziando ad assumere un peso maggiore. Se vogliamo capire cosa sta succedendo in Europa, dobbiamo anche esaminarlo. Sono i paesi più piccoli che stanno cercando di scoprire “Cosa li fa spuntarenel contesto europeo.

Due nuovi libri fanno proprio questo. Ognuno a modo suo. In Il perseguimento del giudizio La Danimarca, dove ha vissuto e lavorato per anni, afferma il politologo italiano Fabrizio Tascinari, è governata meglio del suo stesso paese. e dentro cacciatore nella foresta Il filosofo Martin the Concierge esplora le relazioni tra Francia e Germania usando pittura, letteratura, musica e film per mostrare come i due si vedevano dall’era romantica. Un italiano sulla Danimarca, un olandese su Francia e Germania: è lontana da tutta l’Europa, ma dopo aver letto questi libri capirete meglio come stanno le cose nel continente. Inoltre, entrambi sono legati a discussioni più ampie sulla governance internazionale e sulle relazioni tra paesi su scala globale.

Ode alla Danimarca

Verste Tascinari, oggi Direttore della School of Transnational Governance presso l’Istituto Universitario Europeo di Firenze. Si comincia con la questione che molti stanno attualmente dibattendo: la differenza tra democrazia e autoritarismo. È un dibattito inutile, dice: Singapore è governata meglio della California, che, pur essendo più democratica, è piena di politici bugiardi che non servono gli interessi a lungo termine dei cittadini. Allo stesso tempo, osserva, i singaporiani spesso vanno nell’Indonesia meno democratica per il fine settimana perché lì si sentono “più liberi”.

READ  Recensione: un vasto remake di Shôgun che fa impallidire la serie del 1980 al confronto

Tacinari si chiede cosa significhino parole come democrazia o tirannia. Ignora la teoria e cerca i paesi migliori da governare. Ecco come vanno le cose in Danimarca. Una volta era un bellissimo e pragmatico equilibrio tra comunismo e capitalismo, ha scritto: Il modello danese nasce non dalle teorie ma dal pragmatismo, dall’esperienza quotidiana e dal dialogo costante tra i cittadini. La tensione ora è “tra dominio tecnocratico e populismo”. La governance tecnologica può fornire una buona governance pubblica a lungo termine, ma non è democratica. Il populismo di solito si traduce in politiche a breve termine, perché la volontà – volubile – della maggioranza è più importante delle politiche ben ponderate di funzionari e studiosi.

La Danimarca, dice, sta, ancora una volta, colmando abilmente questi due estremi facendo dell’istruzione una priorità: alta qualità, accessibile a quasi tutti. Attenuando le disuguaglianze, esigendo trasparenza e rispetto e dando spazio a un confronto politico costruttivo, la pubblica amministrazione è ragionevolmente vicina al cittadino.

Leggi anche Questa recensione Circa tre libri sull’Europa

Il libro di Tassinari è quasi una poesia in Danimarca. Ha scarso interesse per gli aspetti meno attraenti, come il sospetto nei confronti degli estranei e lo sciovinismo altamente sviluppato. Tuttavia, Tascinari dubita che il “modello” danese avrà mai successo in Italia, un paese molto più grande e meno omogeneo con una cultura diversa. Conclude che l’Europa è e rimane un gruppo di paesi completamente diversi, con costumi, geografia, tabù e storia propri. Il meglio che possiamo fare è accettare che queste differenze esistano, imparare di più gli uni sugli altri e cercare di imparare dai nostri fallimenti e dai successi degli altri. Osserva che la differenza è “il valore più frainteso” in Europa.

READ  Speciale: un'auto di F1 elettrica al 100%? L'amministratore delegato F1 Domenicali: "I motori a combustione rimarranno!"

Il continente è in rovina

Questo vale anche per Francia e Germania, che hanno combattuto tre grandi guerre l’una contro l’altra e hanno lasciato il resto del continente in rovina. Poi si sono lasciati allevare in una serie di regole, custodite dalla Commissione europea indipendente. Questo funziona, più o meno. Ma questo non significa la scomparsa delle contraddizioni. Francia e Germania tengono regolarmente insieme consigli ministeriali, ma le loro culture non sono più vicine l’una all’altra. Maarten Doorman esplora queste differenze concentrandosi sulle immagini nelle arti.

Per molto tempo i francesi non avevano idea di chi fossero i tedeschi, perché fino al 1871 non esisteva un solo stato tedesco, ma un gruppo di città-stato e principati. Era diverso il contrario: i tedeschi pensavano che i francesi fossero arroganti e promiscui. Quel quadro era colorato non solo dalle guerre napoleoniche, ma anche dallo spirito dell’Illuminismo, a cui molti tedeschi – anch’essi sotto l’influenza del romanticismo – erano profondamente contrari. L’immagine arrogante della Francia si può ancora trovare in Germania oggi. Solo alla vigilia della guerra del 1870-1871 i francesi si fecero una tale opinione sui tedeschi che, in effetti, era una specie di immagine speculare: per loro i tedeschi erano maleducati e di mentalità ristretta. Dopo il 1871, quell’immagine divenne sempre più negativa.

A Bruxelles, i tedeschi accusano ancora i francesi di arroganza, antipatia e “cosmopolitismo”, la vecchia convinzione illuministica secondo cui ciò che è buono per i francesi deve applicarsi immediatamente a tutta l’Europa. I francesi si lamentano della miopia, della mancanza di ambizione, della mentalità da droghiere e dell’adesione a regole e leggi dei tedeschi, che offendono lo spirito e la grandezza dell’Europa. Comprendere la complessità europea [is] Senza una comprensione di queste sensibilità franco-tedesche storicamente radicate, è limitato”, scrive il concierge.

READ  I rocker italiani Manskin adorano offuscare gli stereotipi di genere

Secondo lui, questo può anche spiegare l’attuale malinteso sul corso geopolitico dell’Europa. L’immagine di sé della Francia dopo il 1945 era basata su una posizione di vincitore, sia militarmente che moralmente, e coltivò il suo potere con un esercito numeroso e fiero e con un’arma atomica. Una Germania perdente poteva solo giustificare l’esistenza dell’esercito tedesco nel contesto della Guerra Fredda. Ora, a causa della guerra in Ucraina, “la Francia ha bisogno di realizzare quello che è diventato il più grande esercito d’Europa: le forze armate tedesche”. Questo sconvolge il difficile equilibrio tra i due Paesi.

È così che tutti i paesi europei, pur avendo sfide collettive come la sicurezza, la difesa e il clima, appaiono completamente nel proprio film per quanto riguarda percezioni e soluzioni. L’Unione europea è soprattutto un meccanismo per incanalare le loro divergenze e aiutarli a trovare compromessi. Libri come quelli di Tascinari e Babab mostrano quanto questo sia incredibilmente necessario.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24