I prezzi del petrolio continuano a scendere | Investing.com

Un nuovo mese, l’inizio dell’estate meteorologica e il via libera della Camera dei Rappresentanti all’accordo raggiunto da McCarthy e Biden per l’innalzamento del tetto del credito USA fino a gennaio 2025. Sono ragioni sufficienti per spiegare il sentiment negativo degli investitori nel ultimi giorni per sbarazzarsi di. I mercati azionari in Europa hanno iniziato la giornata di buon umore. Il nostro ha aperto con un’aggiunta dello 0,7%.

Ieri l’AEX ha chiuso in ribasso di oltre l’1%. Era l’ultimo giorno del mese e ciò significava che molti investitori professionisti volevano rifinire i loro portafogli di investimento per il mondo esterno, noto anche come “vetrina”. Vengono acquistati investimenti con buone prestazioni e vengono vendute azioni meno popolari. Esempi evidenti di ciò sono le scorte tecniche e le scorte petrolifere. Come risultato del “hype AI”, le azioni che fanno “qualcosa” con l’IA sono molto popolari. Ad esempio, abbiamo già scritto di Nvidia (NASDAQ:) in questo posto. Tuttavia, a causa della prevista recessione, la domanda di scorte petrolifere è attualmente molto inferiore. La domanda di questi titoli è diminuita ulteriormente questa settimana mentre ci avviciniamo all’ultima decisione dell’OPEC. Alla fine di questa settimana gli oligopolisti dei Paesi esportatori di petrolio decideranno la produzione nei prossimi mesi. Il ministro dell’energia saudita ha già avvertito che i venditori allo scoperto di petrolio dovrebbero fare attenzione. Gli investitori petroliferi hanno concluso che un altro round di tagli alla produzione potrebbe essere all’orizzonte. Ma la Russia, che partecipa ai colloqui anche come membro non OPEC, non è affatto interessata a un nuovo taglio alla produzione. Vogliono continuare a vendere quanto più petrolio possibile ai paesi che non supportano le sanzioni contro il paese. Quindi quello che si deciderà il 4 giugno resta entusiasmante. Nel frattempo, i prezzi del petrolio sono tornati al livello più basso di quest’anno. Mercoledì sera, dopo essere scesi del 4% martedì, i futures sul petrolio USA sono scesi di un altro 2% a circa 68 dollari al barile. Quest’anno il prezzo del petrolio è già sceso di circa il 15%. I bassi prezzi del petrolio hanno danneggiato i prezzi del petrolio. Il prezzo delle azioni Shell (AS:) ha perso il 4,3% ad Amsterdam questa settimana, perdendo così i guadagni dell’intero anno. Ma anche, ad esempio, il titolo statunitense Exxon (NYSE:) è sceso di circa il 3% negli ultimi due giorni di negoziazione. A causa delle buone notizie sul tetto del debito degli Stati Uniti, oggi i valori del petrolio si stanno leggermente riprendendo.

READ  L'ex produttore cinematografico Harvey Weinstein è stato giudicato colpevole di stupro

Il fatto che la crescita economica in Cina sia così deludente non aiuta neanche i prezzi del petrolio. La Cina è il più grande consumatore di petrolio al mondo. Tuttavia, questa mattina è uscito un rapporto economico positivo dal paese asiatico. Il PMI manifatturiero S&P Global China di maggio si è attestato a 50,9, in rialzo rispetto al 49,5 del mese precedente. Un numero superiore a 50 indica una crescita. Mi ha fatto piacere, ma all’inizio di questa settimana la cifra ufficiale del governo ha mostrato una contrazione più forte nelle imprese industriali di proprietà statale. Questo indice è passato da 49,2 di aprile a 48,8 di maggio. Molti investitori scommettono su una forte ripresa dell’economia cinese dopo tutti i lockdown. Tuttavia, i dati macroeconomici sono regolarmente al di sotto delle aspettative.

Veolia (EPA): vende attività idriche italiane

Già il 14 marzo la società statale italiana Italgas ha annunciato l’intenzione di rilevare le attività idriche italiane della francese Veolia Environment. Un’offerta concreta sarà presentata a metà maggio, fino al 10 maggio Potenziale acquirente ha tempo per la due diligence presso Veolia. Ieri, a fine maggio, è stato finalmente diffuso un comunicato stampa. Italgas, il più grande distributore nazionale di gas per pizza e pasta, ha dichiarato di aver presentato a Veolia un’offerta vincolante per i servizi idrici nelle regioni Lazio, Campania e Sicilia. I dettagli finanziari non sono stati resi noti in quanto sono ancora in corso trattative esclusive con Veolia. Italgas intende rafforzare la propria presenza nel settore idrico nel Piano Strategico 2022-2028. Gli investitori di Veolia sono soddisfatti dell’offerta e ieri hanno aumentato la quota al 2,8%. Oggi il titolo continua a salire, ma in linea con l’indicatore.

READ  Non è chiaro cosa comporterà esattamente la caduta del governo per la politica sull'azoto

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24