I pescatori belgi conquistano il mondo intero e vincono un doppio… (Wommelgem)

La pesca a feeder è un ramo della pesca in rapida crescita ed è molto popolare nel coregone. Quando si pesca con un feeder, si lancia sempre un cesto pieno di cibo nello stesso punto. Questo crea tentazione. Dato che si può lanciare molto lontano con una canna versatrice, alcune anche fino a un centinaio di metri, si possono raggiungere molti punti in acqua. Tredici metri è spesso il livello più alto che si può raggiungere con un palo fisso. È anche bello per i pescatori più anziani perché non devono tenere sempre il bastone in mano.

Campioni del mondo di caccia al foraggio dal Belgio. © rr

L’allenatore Walter Wiens porta cinque pescatori e una riserva ai Campionati del mondo sul fiume La Vilain a Rio, in Francia. KVL (Royal United Line Fishermen) di Niel era il “fornitore principale” con i membri Carl Franssen di Niel, Wesley Wuyts di Schelle e Benny Mertens di Schelle. Englers Bert de Mulder di Zottegem, Frank van Valderen di Turnhout e Chris Hebrechts di Bonheden, mentre la riserva completava la squadra belga. Inoltre, un assistente allenatore, un delegato e cinque banchieri si sono recati a Rio che, come assistenti, aiutano altri pescatori “spiando” con altre squadre su come sono stati catturati.

Benny Mertens.

Benny Mertens. © rr

Nel nostro Paese ci sono circa 200 pescatori di mangime per pesci e un migliaio di praticanti ricreativi. “Di solito 23 paesi partecipano alla Coppa del mondo di pesca a foraggio, ma ora sono quindici”, afferma Benny Mertens. “Il più importante è stato lì, come l’Inghilterra che ha viaggiato all’ultimo minuto. Di cui siamo contenti perché dà più brillantezza alla nostra prestazione. La Francia era molto favorita”.

In un Mondiale come questo, le squadre devono raccogliere il maggior peso distribuito su due giorni. Le acque sono divise in cinque sezioni di quindici uomini. Ogni vincitore di settore ottiene un punto, due punti e gli ultimi quindici. “Il Belgio ha vinto il primo giorno con un grande margine. Abbiamo avuto le nostre prime tre volte”, afferma Benny.

Il corteo della squadra belga che ha iniziato il Mondiale da estranea.

Il corteo della squadra belga che ha iniziato il Mondiale da estranea. © rr

Nel risultato finale, il Belgio ha battuto Spagna e Olanda. L’Inghilterra è al quarto posto e la Francia al quinto. Come ciliegina sulla torta, Benny Mertens non solo ha vinto l’oro con la squadra belga, ma è diventato anche il campione del mondo di singolare. “Sono stato vicino a lui un paio di anni fa in Sudafrica. La pesca richiede un po’ di fortuna e bisogna pescare un buon numero, ma anche gli stock ittici del fiume La Vilaine hanno giocato a nostro favore. C’erano gli stessi orate più piccole che catturiamo ogni settimana, come il canale di Willebroek e il canale Ghent-Terneuzen e la vasca di Nieuwpoort. Come belgi, abbiamo questa tecnica per catturare questo tipo di pesce. La maggior parte di loro erano tra i 200 e i 500 grammi. Tutti i pezzi del puzzle sono venuti insieme in questo Mondiale”.

Dodd Farm dai Paesi Bassi ha fornito l’esca alla squadra belga. “Questi vermi hanno contribuito a fare la differenza. Questa persona alleva un tipo di lombrico di una certa lunghezza”, afferma Penny.

Mertens, che produce tartufi nella sua vita quotidiana con il Roma Chocolate di Baume, spera che il titolo mondiale possa fornire qualche patrocinio in più. “Si cacciano partite selezionate per la squadra nazionale di feeder, ma in generale ci sono sempre gli stessi cacciatori di feeder, quindi ora andiamo molto d’accordo l’uno con l’altro”. Secondo Penny, l’importanza delle “spie” non dovrebbe essere sottovalutata. “Dietro ogni cacciatore di feeder di successo, c’è un aiutante appassionato.”

Nessun pesce era al sicuro da queste fessure.

Nessun pesce era al sicuro da queste fessure. © rr

Benny è sponsorizzato da Robby Fish di Wommelgem, dove lavora Wesley Wuyts, che sarà celebrato lì martedì.

Il campione del mondo Penny Mertens.

Il campione del mondo Penny Mertens. © rr

I pescatori belgi hanno davvero i loro nomi, come il Belgian Tornado (belga 4×400m) o il Belgian Sharks (Roarers)? Forse le breme belghe (orate?) “Non ci abbiamo ancora pensato, ma ci siamo tuffate in acqua come un pesce nell’acqua, come si addice ai vincitori della medaglia d’oro”.

READ  RIVM: I vaccini proteggono la variante alfa dalla trasmissione del coronavirus

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24