I produttori di pesticidi hanno negato gli studi sui danni cerebrali

Diversi produttori di insetticidi non hanno presentato una serie di studi sulla tossicità cerebrale alle autorità di regolamentazione europee. Si riferisce a nove studi che mostrano tutti un effetto dannoso sullo sviluppo del cervello. Alcuni dei dati del test hanno raggiunto i file corretti a turno.

I pesticidi sono utilizzati in agricoltura per proteggere le colture, ad esempio, dai danni degli insetti o dalla crescita eccessiva delle erbe infestanti. Sono progettati per essere dannosi per determinati organismi, ma devono essere sicuri per gli esseri umani. Un parco giochi pericoloso, soprattutto perché i pesticidi sono usati nella produzione alimentare. Quindi le possibilità che le persone vi siano esposte sono alte.

Questo è il motivo per cui i pesticidi sono monitorati più rigorosamente per la loro sicurezza rispetto ad altri prodotti chimici. L’onere di dimostrare la sicurezza di un pesticida è sulle aziende. Per l’utilizzo in Europa, le aziende stesse forniscono i dati dei test alle autorità, che a loro volta effettuano una valutazione dei rischi. Ma poiché tali test non sono un requisito standard per un file di sicurezza, le autorità non hanno informazioni sui dati mancanti.

Neurotossicità

Gli studi oscurati sono stati scoperti da ricercatori svedesi che hanno pubblicato un rapporto giovedì sul salute ambientale. Hanno controllato i database negli Stati Uniti per gli studi su questo tipo di neurotossicità. La US Environment Agency EPA ha ricevuto un totale di 35 studi che sarebbero rilevanti anche per l’Europa. Di questi, nove non sono mai arrivati ​​in Europa. I regolatori europei sono stati ora informati.

Negli esperimenti, i topi gravidi sono stati esposti al pesticida, dopodiché la prole è stata seguita per diverse settimane. Sono comparsi diversi effetti neurologici, come capacità motorie alterate o diminuzione della massa cerebrale. Questi effetti non possono essere tradotti direttamente sull’uomo, sottolinea Axel Me, chimico e autore del nuovo studio. Negli esseri umani, è più probabile che il danno neurologico si traduca in scarsa concentrazione o attenzione.

READ  I numeri di Corona continuano a diminuire - Het Neusblad

L’unicità della legislazione europea sui pesticidi rispetto alla legislazione negli Stati Uniti è che la mera possibilità di qualche effetto negativo può portare a un rifiuto immediato. Ciò include danni al feto in via di sviluppo.

“Esiste un obbligo morale e legale per le aziende di condividere tutti gli studi”, afferma Mei. “Le aziende sono responsabili della sicurezza dei loro prodotti. La riservatezza dei dati non ne fa parte.”

L’ultima ragione, dice Mai, è il risultato di conflitti di interesse nel sistema. Le aziende ora finanziano la ricerca e riforniscono gli stessi laboratori commerciali. Un tale laboratorio può sentire la pressione delle aziende e le aziende possono facilmente nascondere i dati in passato”. Secondo Mi, il sistema deve essere invertito: “Gli studi sulla sicurezza dovrebbero essere diretti dalle autorità, non dalle aziende”.

margini di sicurezza

Anni dopo, cinque degli studi mancanti sono finiti con i regolatori europei attraverso deviazioni. Ciò a volte ha avuto conseguenze per la regolamentazione, secondo i ricercatori svedesi: i margini di sicurezza per i pesticidi sono stati adeguati. Ciò potrebbe ancora accadere per altri pesticidi, perché ora sono in corso nuove procedure di licenza.

Le aziende partecipanti – Bayer, Syngenta, Nissan Chemical Corporation e ISK – dichiarano di aver sempre risposto alle richieste di studi provenienti dall’Unione Europea. Inoltre, secondo Baer, ​​i loro studi non avrebbero pregiudicato l’ammissione.

Un portavoce dell’EFSA ha dichiarato: “Qualsiasi prova che il richiedente abbia consapevolmente rifiutato gli studi obbligatori sulla sicurezza quando sono necessari per valutare il rischio sarebbe grave e preoccupante”. Ritirarsi da uno studio è molto più difficile di questi tempi, osserva: dal 2019 le aziende devono comunicare con le autorità prima di iniziare un nuovo studio, non dopo.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24