I ricavi della musica registrata in Italia aumenteranno del 18,8% entro il 2023

L'organizzazione ombrello dell'industria musicale, la Federazione dell'Industria Musicale Italiana (FIMI), ha rivelato che i ricavi della musica registrata in Italia sono cresciuti del 18,8% nel 2023.

I ricavi della musica registrata in Italia hanno superato i 440 milioni di euro (477,87 milioni di dollari) nel 2023, uno dei tassi di crescita più alti al mondo. La FIMI rivela anche che ciò spinge l’Italia nel terzo mercato musicale più grande dell’UE. La crescita in Italia è dovuta principalmente allo streaming, che rappresenta il 65% della quota di mercato con ricavi streaming in crescita del 16,2% lo scorso anno a 287 milioni di euro (311,68 milioni di dollari). Sono ormai più di 6,5 milioni gli abbonati alla musica premium in Italia, con un incremento del 9% rispetto al 2022.

I ricavi derivanti dagli abbonamenti alle piattaforme di streaming guidano il settore, con il segmento premium in crescita del 18,4% con ricavi superiori a 190 milioni di euro (206,34 milioni di dollari). Per l’area digitale, il segmento download ha registrato un calo significativo dell’11,8% nel 2023.

Femi Il rapporto IFPI evidenzia anche l’impegno nei confronti della musica, in particolare dei consumatori italiani Trascorre circa 20,9 ore a settimana Ascolto di musica nel 2023. Il 60% di quel tempo sarà dedicato all’ascolto di musica digitale, suddiviso equamente tra fornitori di servizi di segnale digitale come Spotify e formati video di breve o lunga durata come TikTok e YouTube. Il 73% dei consumatori italiani ha ascoltato musica tramite fornitori di segnali autorizzati, tramite abbonamento o tramite ascolto supportato da pubblicità.

Anche il settore fisico in Italia ha registrato una crescita, collocando il mercato all’ottavo posto nel mondo. I ricavi della musica registrata su supporto fisico in Italia sono ammontati a 62 milioni di euro (67,33 milioni di dollari), con un incremento del 14,4%. Le vendite fisiche rappresentano ora il 14% della quota di mercato nel paese, con il vinile in testa al segmento fisico (24,3%). Anche i CD hanno registrato una piccola crescita annua pari al 3,8%.

READ  5 Pensatori strategici Strategia come il cibo italiano: semplice, non facile

FIMI dice impatto Bonus Cultura dello Stato Italiano Ha svolto un ruolo centrale nell'aiutare l'espansione del mercato musicale italiano. La taglia ha raccolto 11 milioni di euro (11,95 milioni di dollari) e l'impatto totale sul mercato della musica registrata nelle ultime sette edizioni è stato di 122 milioni di euro (132,51 milioni di dollari).

La FIMI sottolinea che l'80% degli album inseriti nella top 100 del Paese sono album italiani, una cifra che era solo del 63% nel 2013. 793 album hanno raggiunto la soglia dei 10 milioni di streaming per il credito d'imposta italiano, rispetto a soli 235 titoli nel 2022. Nel 2012, solo 137 album hanno raggiunto la soglia, con una crescita del 479% in dieci anni.

I diritti di esecuzione sono aumentati del 42,6% a quasi 73 milioni di euro (79,29 milioni di dollari), mentre i diritti di sincronizzazione hanno visto un aumento del 3,5% a 13 milioni di euro (14,12 milioni di dollari). Nel frattempo, i ricavi delle esportazioni di musica italiana sono cresciuti del 20% nel 2023 per un totale di royalties entrate di oltre 26 milioni di euro (28,24 milioni di dollari).

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24