I sopravvissuti a uno scandalo alimentare spagnolo minacciano il suicidio in un museo

Un gruppo di sei sopravvissuti a un massiccio avvelenamento da olio di colza ha occupato per qualche tempo il Museo El Prado di Madrid. Hanno minacciato di uccidere se il governo non avesse acconsentito alle loro richieste.

Il quotidiano spagnolo ha scritto che dopo un’ora e mezza le guardie giurate li hanno portati alla mensa del museo, dove hanno rilasciato dichiarazioni alla polizia. Lo scienziato.

Le autorità dicono che centinaia di persone sono state uccise nel 1981 perché l’olio di colza è stato avvelenato da rifiuti industriali. L’organizzazione delle vittime dice che almeno 5.000 sono stati uccisi.

Almeno 25.000 persone hanno ricevuto il veleno. Coloro che sono sopravvissuti hanno spesso subito danni fisici significativi. Spesso porta a paralisi, danni al sistema immunitario e problemi ai polmoni.

conversazione e soldi

“Sei ore dopo aver iniziato ad essere qui, inizieremo a prendere le pillole”, hanno detto i manifestanti sull’account Twitter dell’associazione delle vittime prima di iniziare il loro movimento. Chiedono, tra l’altro, un incontro con il primo ministro Sanchez entro la fine di ottobre. Chiedono anche soldi per coprire le spese mediche delle vittime di uno dei più grandi scandali alimentari della storia.

Non è chiaro se il governo spagnolo abbia aderito alle richieste. Il Museo Spagnolo non ha ancora risposto all’occupazione. Le foto della collezione in una delle sale del museo sono condivise su Twitter.

READ  L'anno scolastico negli Stati Uniti è appena iniziato con un altro studente di 13 anni ucciso fuori dal paese

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24