I teatri risentono degli effetti di Corona: “Stasera il mio spettacolo è cancellato, è unico”

Il comico Case Van Amstel può parlarne. Ieri la sua esibizione all’Aia è ancora scaduta. Il Bledel Theatre ha annullato lo spettacolo stasera. “Non l’ho mai visto prima.”

Secondo lui, è così unico per il teatro nominare che sono stati venduti così pochi biglietti. “Non è che io sia il comico patetico che non sta vendendo la sua sala ora. Ma è incredibile. Lo sento anche dai miei colleghi intorno a me”.

Dice che anche se una stanza viene venduta, ci sono ancora posti vuoti. “Da gente che non ha il coraggio di venire. Di recente, c’era una signora che voleva sedersi di lato. Non ha ancora osato, gente in mezzo alla stanza.”

Meno abbonamenti

Quello che non aiuta, dice van Amstel, è che vengono venduti molti meno abbonamenti teatrali. Con questo abbonamento puoi andare a otto o dieci spettacoli. “Tutti stanno prenotando ora all’ultimo minuto. Ero davvero in aumento prima di Corona, e ora è molto più basso”.

Anche il produttore teatrale e membro della Free Theatre Producers Association Rick Inglis lo vede. Sebbene non ci siano numeri, ha notato che a livello di settore vengono venduti meno biglietti.

Ha diretto lui stesso tre produzioni teatrali. Dice che una parte del pubblico deve ancora venire. “È la roulette russa. È un investimento completo, anche se non tutto è stato ancora giocato”.

Secondo lui, c’è il timore che ciò possa essere fatto in sicurezza. La seconda ragione: le persone spesso pianificano in anticipo. “Di solito, quando c’è uno spettacolo a gennaio, puoi acquistare i biglietti con mesi di anticipo. Ora questa vendita di biglietti è solo a novembre e dicembre. Non molte persone acquistano biglietti last minute. Le persone tra i 40 e i 50 anni sono veri pianificatori”.

READ  Rumor: AMD sta passando ai socket LGA per AM5 - computer - notizie

Iniziare da zero

Ciò che lo rende ancora più difficile: non c’è più alcun sostegno finanziario da parte del governo, dice. Molti teatri hanno limitato il loro reparto marketing durante la crisi. “Il personale è stato ridotto per promuovere gli spettacoli, quindi stanno anche portando meno persone”.

Dopo il relax, l’industria teatrale è davvero ripartita da zero, dice. “Ci ha fatto entrare di nuovo, il che è molto carino. Vedi solo che non tutti fanno la fila per comprare i biglietti dal 1 ottobre. Tutto questo deve davvero tornare di nuovo”.

In alcuni punti è possibile vedere il teatro al completo, afferma Boris van der Ham, presidente della Free Theatre Producers Association. “Ad esempio, negli spettacoli per cui le persone avevano già un biglietto. Ora stanno recuperando terreno”.

‘Nessun problema’

Ad esempio, la società di intrattenimento Stage Entertainment afferma di non essere disturbata da nulla. “Aladdin sta andando bene. E il musical parla anche di Tina Turner”, dice il suo portavoce.

Questo tipo di clamore – rispetto a Kees van Amstel che vende un giorno e scarta il giorno dopo – mostra che le cose funzionano in modo molto diverso nel mondo del teatro, dice van der Ham. “A causa di Corona, vedi ancora moderazione tra il pubblico”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24