Il cambiamento climatico porterà a temporali più violenti e lenti in Europa

“Grazie ai recenti progressi nella potenza dei supercomputer, ora disponiamo di simulazioni climatiche per tutta l’Europa con la stessa accuratezza dei modelli di previsioni meteorologiche a corto raggio. Hanno una spaziatura della griglia di circa 2 km, che consente loro di simulare tempeste, “, ha affermato il leader dello studio, il dott. Abdullah Kahraman dell’Università di Newcastle. I sistemi sono molto migliori, “il che porta a una migliore rappresentazione degli estremisti”.

Queste recenti simulazioni climatiche hanno permesso ai ricercatori di identificare gli stati in cui sono probabili forti precipitazioni e un sottoinsieme più piccolo di quegli stati che sono quasi costanti con il potenziale di accumulo di precipitazioni molto intense.

“Questo è uno dei primi studi che esamina i cambiamenti nel tasso di regimi di piogge intense, un aspetto che contribuisce principalmente al rischio di alluvioni”, ha affermato Kahraman.

Lo studio ha mostrato che le tempeste che portano forti piogge possono muoversi più lentamente a causa dei cambiamenti climatici, il che significa che l’esposizione a quelle condizioni estreme dura più a lungo.

Finora, forti temporali che quasi non si muovono sono molto rari in Europa e si verificano solo occasionalmente su parti del Mediterraneo. Ma entro la fine del secolo, potrebbe essere 14 volte più comune di quanto non sia ora, mostrano le simulazioni.

Lo studio fornisce il secondo collegamento tra il cambiamento climatico e le forti piogge. In precedenza era noto che l’atmosfera a temperature più elevate può immagazzinare più vapore acqueo e quindi causare precipitazioni più intense.

READ  La salute di altre persone può derubare i combattenti per la libertà della Corona

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24