Il Corona virus può danneggiare la placenta?

Un articolo pubblicato lunedì scorso in Volkskrant Ha causato molta ansia tra le future mamme. Un ginecologo dell’Erasmus MC ha esaminato la placenta di tredici bambini nati morti e ha trovato segni di infezione da corona. Il rapporto ha indicato che esiste un legame tra l’infezione con il virus Corona e il danno alla placenta. L’infezione da corona può davvero danneggiare la placenta? Ogni donna incinta dovrebbe essere vaccinata immediatamente?

Se una donna incinta viene infettata dal coronavirus, raramente si verifica la trasmissione della malattia al bambino. La traslocazione alla placenta è più comune, in circa il 7,7% – 21% delle donne affette, di quanto possa verificarsi Può causare complicazioni. È apparso lo scorso agosto Ricerca Formazione ginecologa Marjolin Hussain e colleghi di Erasmus MC. Il gruppo di ricercatori voleva vedere se le donne ad alto rischio di problemi alla placenta potevano essere previste se avessero un’infezione da corona. A tal fine, hanno esaminato le placente di 36 donne con o senza infezione da corona attiva. Il legame tra i sintomi del Covid-19 e le anomalie della placenta non può essere dimostrato. Alcune madri hanno mostrato pochi segni di infezione, ma la loro placenta è risultata anormale. È successo anche il contrario: una madre molto malata, ma una placenta normale. Tutti i bambini in questo studio sono nati vivi.

Attento alle conclusioni

In cinque delle 36 placente, sono state trovate anomalie speciali a livello microscopico, che possono essere caratteristiche dell’infezione da corona. Gli autori in realtà chiamavano queste aberrazioni la “firma coroidale” (di corona). Se queste anomalie tipiche fossero evidenti, la gravidanza sarebbe stata difficile per il bambino nella maggior parte dei casi (distress fetale). Ciò ha sollevato una domanda importante: il coronavirus provoca alcune anomalie nella placenta, a causa delle quali il bambino non riceve l’ossigeno e i nutrienti necessari? Gli autori sono stati cauti nelle loro conclusioni. Dopotutto, questo era uno studio relativamente piccolo e metà delle madri con placenta anormale aveva anche il diabete, che può anche indicare anomalie della placenta.

READ  Abbiamo malattie molto peggiori che incombono sulle nostre teste rispetto al vaiolo delle scimmie - Wel.nl

Uno degli autori, il ginecologo Sam Schoonmakers di Erasmus MC, ha avviato uno studio di follow-up a seguito di questo primo studio. Nessuna pubblicazione scientifica è stata ancora pubblicata sull’argomento, l’unica cosa che sappiamo sul seguito della sua ricerca è diventata nota attraverso le sue dichiarazioni nei media, come De Volkskrant. Schonmaker ha esaminato le placente di tredici casi di morte inaspettata nella zona. È stato scoperto che tutte queste placente sono infette da MERS-CoV. Non tutte le madri sono state vaccinate, ha detto Schoenmakers.

Schoonmakers ha descritto il numero di morti nati morti di 13 come “incredibile” e ha detto: “Nessun’altra malattia infettiva ha causato così tante morti in un così breve periodo di tempo”. Per mettere il numero in prospettiva: nel 2019, nei Paesi Bassi sono nati esattamente 164.225 bambini, di cui 484 sono morti in utero, ovvero lo 0,3% del totale (Intra Uterine Vruchtdood (IUVD) dopo almeno 24 settimane di gestazione, Numeri dei Pirenei)

Secondo il sistema di registro NethOSS (Dutch Obstetric Surveillance System), negli ultimi 18 mesi ci sono state 9.570 segnalazioni di donne in gravidanza con infezione da MERS (test PCR positivo), con 36 feti morti in utero, ovvero lo 0,4% del totale. A prima vista, sembra che l’infezione da corona porti a un tasso di mortalità leggermente più alto. Inoltre, è bene ricordare che circa tre quarti delle donne in gravidanza sono infette da infezione da corona Avrai pochi o nessun sintomo. E queste donne non finiranno presto nel registro NethOSS. Le segnalazioni di NethOSS proverranno principalmente da donne in gravidanza con denunce più gravi di Covid-19, che potrebbero richiedere il ricovero in ospedale. In questo sottogruppo si possono trovare più malattie sottostanti con un rischio maggiore, il che può in parte spiegare la più alta percentuale di morti fetali.

READ  Quali sono le differenze tra i vaccini Moderna e Pfizer?

Nessun collegamento è stato stabilito tra Covid-19 e natimortalità

Non ci è del tutto chiaro esattamente come gli Schoenmakers siano entrati nel gruppo di tredici nati morti. Potrebbe esserci un problema di selezione (bias), che fa apparire il problema relativamente più grande. Il legame con il Covid-19 non è stato confermato. Sì, l’infezione da Covid-19 e il danno alla placenta sono stati riscontrati in un certo numero di placente contemporaneamente, ma il danno alla placenta può essere causato anche da altre cause, come i batteri listeria, il citomegalovirus e il diabete (gestazionale). corioamnionite (villi cronici) o preeclampsia (preeclampsia). Fino a quando non ne sapremo di più, sembra utile monitorare le donne in gravidanza con infezione da Covid-19 e prestare particolare attenzione al bambino. I segni di sofferenza fetale, indipendentemente dalla causa, richiedono una valutazione medica.

Per i genitori, un messaggio come quello apparso in De Volkskrant è spaventoso. Fa nascere l’idea che una lieve infezione da Covid-19 possa essere dannosa quanto un’infezione grave. Questa placenta può essere danneggiata senza che tu te ne accorga. Questa corona provoca una “quantità incredibile” di morti tra i bambini non ancora nati. Avremmo preferito che i ricercatori finissero prima la loro ricerca, la pubblicassero dopo una revisione paritaria in una rivista scientifica, e solo allora sarebbe apparsa sui media. Può risparmiare molta ansia.

I media che citano la ricerca Erasmus MC finiscono quasi sempre per consigliare il RIVM e le organizzazioni di assistenza alla maternità per le donne incinte da vaccinare. Basandosi solo sul piccolo studio tra 36 donne e sulla ricerca inedita di Erasmus MC, questo consiglio sarebbe prematuro. Ma forse ci sono altri motivi per cui una donna incinta deve essere vaccinata?

Cosa dice RIVM?

Il RIVM e le organizzazioni di assistenza alla maternità si distinguono per le sfumature delle informazioni che forniscono alle donne in gravidanza Cartella RIVM:

  • Le donne incinte non sono a maggior rischio di contrarre il coronavirus: non sembrano avere maggiori probabilità di contrarre il virus rispetto alle persone che non sono incinte.
  • Le donne incinte sane non sono considerate un gruppo ad alto rischio. Il corso più pericoloso si verifica principalmente con fattori di rischio esistenti, come l’ipertensione o il diabete.
  • Per quanto è noto, non c’è motivo di presumere che vi sia un aumento del rischio di aborto spontaneo, perdita del feto o malformazioni congenite nel bambino a causa dell’infezione da questo virus.

Record di effetti collaterali

Ciò che il National Institute of Public Health non menziona è che esiste il rischio di effetti collaterali con i vaccini corona. Dicono semplicemente che i vaccini sono sicuri. L’ostetrico-ginecologo Christian de Groot ha detto a Neusor che “In teoria, non ci si dovrebbero aspettare effetti a lungo terminedi vaccini. Quando ho chiesto alla docente l’argomento principale per la vaccinazione delle donne in gravidanza, ha risposto: “Sappiamo che gli effetti a breve e lungo termine sono quasi inesistenti”. Tuttavia, questo tipo di certezza non è commisurato alla situazione attuale. Non sono ancora disponibili dati definitivi sugli effetti del vaccino mRNA Moderna e Pfizer, che ora vengono somministrati nel primo e nel secondo trimestre di gravidanza (vedi: https://www.nejm.org/doi/full/10.1056/NEJMoa2104983/ occupazione https://www.nejm.org/doi/full/10.1056/NEJMx210016?query=recirc_curatedRelated_article).
Se passiamo attraverso le registrazioni degli effetti collaterali e dei possibili collegamenti dalla letteratura scientifica, come a 7-8 volte più probabilità di abortire, quindi sembra esserci motivo di esitare. È meglio che il RIVM includa anche le obiezioni nelle sue informazioni, in modo che i genitori possano tenerne conto nelle loro considerazioni.

Sostienici, diventa amico!
Insieme siamo più forti. Dalla paura alla fiducia!

Dichiarazione di non responsabilità: The Doctors Collective non è responsabile per il contenuto delle pagine di riferimento di terze parti sopra menzionate. Condividere una pagina non significa che il gruppo di medici condivida tutte le visualizzazioni. The Physician Group supporta la raccolta e lo scambio non censurato di informazioni (mediche) al fine di stimolare una conversazione aperta/discussione scientifica.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24