‘Il denaro belga sta scomparendo in tutta l’Unione Europea nelle tasche della mafia italiana’

Circa la metà dell’importo che l’Italia ha ricevuto dal bilancio dell’Unione Europea tra il 2015 e il 2020 è caduto nelle mani della mafia. Che riporta la malavita, Vincenzo Musacchio EUobserver. Non sarà inferiore a 35 miliardi di euro.

Musacchio è professore di criminologia presso il Rutgers Institute for Anti-Corruption Studies (RIACS) di Newark. Ha sottolineato che “ tra il 2015 e il 2020 l’Unione Europea ha stanziato all’Italia circa 70 miliardi di euro sotto forma di fondi strutturali e di investimento. La metà di questi soldi è finita nelle mani della criminalità organizzata “.

Lui e altri esperti avvertono che “il nuovo afflusso di fondi dal fondo da 750 miliardi di euro per recuperare da Corona potrebbe significare un’ulteriore iniezione finanziaria per la mafia”, per quanto ne so. Elsevier. L’Italia riceve più soldi da questo fondo, con 209 miliardi di euro.

Corruzione domestica

I diversi clan mafiosi non devono usare la forza per sequestrare i soldi europei. La corruzione è il metodo comune, ad esempio nelle pubbliche amministrazioni locali. Stefania Pellegrini si aspetta: “Questo è quello che accadrà con il fondo di recupero”. È docente presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Bologna.

In generale, la mafia sta approfittando del caos provocato dall’emergenza Covid-19 per penetrare più a fondo nei settori in cui già esiste, come la sanità, i servizi funebri e lo smaltimento dei rifiuti (medici e non medici).

Tutte le grandi aziende devono occuparsi del trattamento dei rifiuti. Farlo dalla mafia potrebbe risparmiare il 90 per cento rispetto ai sistemi di smaltimento dei rifiuti ufficiali e legali, spiega Pellegrini.

READ  Novità Corona: Il gabinetto considera l'allentamento settimanale, Perlus vuole una prospettiva

Tutta l’Europa

La questione è diffusa in tutta Europa: le organizzazioni mafiose italiane tendono a riciclare il loro denaro in paesi europei diversi dall’Italia, come Spagna e Germania (dove la Ndrangheta in Calabria esercita un grande potere), Paesi Bassi e Regno Unito (dopo la Brexit all’epoca ).

E i soldi di Bruxelles hanno anche fatto leccare la barba ai leader dell’Europa orientale. Ad esempio, in Bulgaria, il primo ministro Bojko Borissov, “un chilometro di autostrada è tre volte più costoso della Norvegia”. Questo è ciò che sa Krasin Stanchev, professore bulgaro di analisi macroeconomica all’Università di Sofia. Ha scritto un articolo sul sito all’inizio di aprile brusselsreport.eu Con il titolo: “In Bulgaria, il ‘regime di Borisov’ è mantenuto dai fondi dell’Unione Europea”.

Non c’è quasi alcun controllo sul denaro dell’UE nell’Europa orientale. Il sistema clientelare ne sta beneficiando.

Belgio

Il Belgio sta contribuendo secondo gli ultimi dati di Statista 3,86 miliardi di euro per il bilancio dell’Unione Europea. Questo pone il nostro Paese all’ottavo posto nella lista dei miei pagatori.

I Paesi Bassi apportano il maggior contributo netto al bilancio dell’UE per cittadino con 145 miliardi di euro all’anno. Se i 750 miliardi di euro di finanziamenti per la riforma della corona saranno approvati, saranno ancora più alti.

(Javed)

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24