Il farmaco antivirale provoca mutazioni nel coronavirus

Il farmaco antivirale molnupiravir sembra causare una serie di mutazioni distinte nei virus SARS-CoV-2 circolanti. Nei paesi in cui il farmaco è ampiamente utilizzato, gli scienziati stanno osservando varianti del virus con molti di questi cambiamenti nel genoma, mentre nei paesi in cui non viene utilizzato, lo è molto meno. Non è ancora chiaro se le mutazioni portino alla resistenza o a nuove varianti virali pericolose, ma gli autori lo sollecitano Nelle loro pubblicazioni natura Lunedi Raccomanda ulteriori indagini sull’effetto del farmaco sulla progressione del virus.

L’inibitore del virus molnupiravir impedisce la crescita del coronavirus apportando diverse mutazioni nel codice genetico mentre si replica nella cellula ospite. Il materiale è come un elemento costitutivo dell’RNA e viene incorporato casualmente nell’RNA del nuovo virus durante la moltiplicazione. Con tutti questi errori, il virus diventa malfunzionante al punto da non poter più continuare.

Leggi anche: Lasciamo che il virus si riproduca in pezzi

Varianti di virus pericolose

Molnupiravir è stato accolto con grandi aspettative nell’ottobre 2021. Un anno e mezzo dopo l’inizio della pandemia, è stato il primo farmaco che sembrava aiutare a combattere la grave e mortale malattia Covid-19. Il secondo vantaggio: può essere assunto sotto forma di pillole, invece che di iniezioni come il precedente farmaco Remdesivir. In un comunicato stampa, il produttore statunitense Merck/MSD ha scritto di aver evitato la metà dei ricoveri ospedalieri e che nessun paziente che aveva ricevuto il trattamento in quel primo studio è morto. In studi successivi, l’efficacia si è rivelata leggermente inferiore e anche in seguito si è scoperto che il farmaco non era efficace Non era migliore della solita assistenza medica per le persone vaccinate.

READ  Encefalite dimostrata nei pazienti con covid polmonare

Una preoccupazione all’epoca era la potenziale comparsa di varianti virali pericolose, ma ci si aspettava che con un numero così elevato di mutazioni nessun virus sarebbe stato in grado di sopravvivere. Il nuovo studio mostra che ciò potrebbe ancora accadere.

Scienziati del Regno Unito e del Sud Africa hanno utilizzato un database globale contenente 15 milioni di codici genetici per le varianti SARS-CoV-2. Hanno esaminato come le mutazioni sono cambiate nei diversi paesi nel corso della pandemia. Man mano che il virus si replica, si verificano sempre piccole mutazioni. Ma i ricercatori hanno trovato un profilo di sequenza specifico che era sorprendentemente diverso dalle solite mutazioni, e quel profilo è stato fatto risalire alle persone che avevano ricevuto molnupiravir.

Grande cura

Nei paesi in cui molnupiravir è ampiamente utilizzato dalla fine del 2022, come Stati Uniti, Australia, Giappone e Regno Unito, hanno riscontrato più frequentemente queste mutazioni. Nei paesi in cui il farmaco non è stato approvato, come il Canada, questo profilo era molto meno comune. Hanno anche visto prove che queste varianti venivano trasmesse tra le persone.

La preoccupazione principale è che nuove varianti potenzialmente più patogene potrebbero insorgere in questo modo nei pazienti trattati con molnupiravir. Nei pazienti con un sistema immunitario indebolito, il virus può persistere a lungo dopo l’infezione e quindi acquisire numerose mutazioni. Questa è una delle spiegazioni prevalenti sull’origine di Omicron, una variante del coronavirus che presenta un numero inaspettatamente elevato di mutazioni rispetto ai suoi predecessori.

“Il fatto che una piccola percentuale di virus mutati sfugga è del tutto normale con un farmaco come questo. A causa della selezione naturale, ci sono sempre alcuni virus che continuano a replicarsi”, afferma Mark Ponten, medico microbiologo dell’UMC Utrecht specializzato in resistenza ai microrganismi. “Questa era anche l’obiezione a questo farmaco quando è stato introdotto.” Ma crede che ci sia una piccola possibilità che la variante patogena del coronavirus possa evolversi dai virus emersi dalla danza. “Ma nulla è improbabile in biologia. Non comprendiamo appieno come nascono questi ceppi più virulenti.

READ  La NASA pubblica le prime immagini del nuovo telescopio spaziale

NO

Molnupiravir non è in uso in Europa. All’inizio di quest’anno, l’Agenzia europea per i medicinali EMA ha stabilito che l’efficacia di molnupiravir non può essere sufficientemente dimostrata, ha annunciato il produttore il 21 giugno. La domanda di autorizzazione all’immissione in commercio è stata ritirata.

I nuovi risultati supportano questa valutazione da parte dell’Agenzia europea per i medicinali e potrebbero portare a una nuova valutazione nei paesi in cui viene utilizzato. “Se un farmaco presenta scarsi benefici clinici nonostante questi inconvenienti, la decisione spesso diventa: non farlo”, afferma Ponten.

A Trattamento dei casi gravi di Covid-19 nei Paesi Bassi Sono disponibili due farmaci antivirali: remdesivir e la combinazione di farmaci ritonavir e nermatrelivir (baxlovid). Inoltre, sono presenti numerosi anticorpi, immunosoppressori e l’antinfiammatorio desametasone.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24