Il fast food italiano conquista una grande città: “L’Italia felice varca il confine nel 2019”

Potrebbe non essere la pizza o la pasta più gustosa che tu abbia mai mangiato, ma è fresca, veloce e conveniente. E molto altro ancora: da Happy Italy puoi prendere una pizza tono o una margherita enorme a 4,95 €. E non fanno storie sulla “doggy bag”. Pertanto molte aziende sono piene per impostazione predefinita.

Happy Italy è stata fondata nel 2011 dall'imprenditore di Rotterdam De Block e l'azienda fattura oggi circa 43 milioni di euro. “Quest'anno e il prossimo apriremo una decina di nuovi ristoranti nei Paesi Bassi”, dice De Block a RTL Z. “Ma c'è anche molto interesse dall'estero. Speriamo di oltrepassare il confine l'anno prossimo”.

La formula del franchising invita

Finora tutte le filiali sono state create e gestite internamente, ma ora l'imprenditore pensa ad una formula di franchising. I partiti sono arrivati ​​dalla Polonia, dalla Francia, dall'Inghilterra, dalla Scandinavia e perfino dalla Cina. “Un tempo si trattava soprattutto di crocchette, oggi invece l'offerta gastronomica è vastissima. Soprattutto italiana”, spiega Block.

Si vede dai numeri. Negli ultimi cinque anni il numero dei ristoranti italiani nei Paesi Bassi è aumentato dell'8% arrivando a quasi 1.500, secondo i dati della società di consulenza di ristorazione Van Spronsen & Partners. In questo periodo l'intero settore della ristorazione è cresciuto solo del 4%.

Il concetto di “veloce e casual” è in aumento

Sono in aumento soprattutto i “concetti di fast food su larga scala”, afferma Guido Verschoor di Van Spronsen & Partners. Catene come Happy Italy, Vapiano, De Pizzabakkers, Fratelli e Spaghetteria preferiscono localizzarsi nelle grandi città. Sono stati aperti complessivamente 47 casi ad Amsterdam, Rotterdam, L'Aia e Utrecht.

READ  Campo sportivo: muore per Corona l'ex campione olimpico di ginnastica Zelvezir Sisolani, 51 anni | gli sport

“I prezzi bassi e la permanenza in città rendono questi concetti popolari tra un gruppo target più giovane con un budget ridotto”, afferma Verschoor. “Le aziende sono arredate in modo attraente e adatte a grandi gruppi. Alcune aziende hanno una superficie fino a 1.000 metri quadrati.”

Pasta di Happy Italy (Foto: Happy Italy)

Vedi anche: Avviare un'attività di ristorazione? Concentrati su gatti o panini

Felice è il maggiore

Secondo l'agenzia Happy Italy è oggi la catena più grande dei Paesi Bassi con quindici sedi, seguita dall'azienda olandese De Pizzabakkers con tredici negozi, poi dalla catena tedesca Vapiano con undici negozi nei Paesi Bassi, ma circa duecento negozi nel mondo.

Anche De Blok vuole andare in questa direzione. “Il mio obiettivo all'orizzonte è aprire quante più filiali possibile”, afferma. A tal fine, l'uomo d'affari monitora da vicino il mercato. Inoltre, mantiene uno stretto controllo producendo i suoi prodotti nella sua fabbrica a Dordrecht.

Seconda fabbrica

L'anno prossimo è prevista la costruzione di un secondo stabilimento a Barendrecht, con una superficie di circa 5.000 metri quadrati. “Qui prepariamo la pasta, le salse e prepariamo noi stessi le verdure”, afferma De Block. Anche l'uomo d'affari compra lui stesso le bevande. “Non lavoriamo molto con soggetti esterni. Qui arriva solo un camion, per così dire.”

Secondo Verschoor, l’acquisto competitivo e il mantenimento di costi bassi, dalle materie prime ai dipendenti, sono la strategia migliore affinché questo tipo di catene rimangano accessibili e raggiungano le masse. “Il concetto di fast casual è diventato sempre più popolare”, afferma. Allo stesso tempo, anche il cliente è diventato più esigente: “L’ospite moderno vuole più servizio, velocità e comodità”.

READ  Vuoi fare una vacanza? Questa regione italiana paga i trasporti pubblici e i musei se rimani per il fine settimana

I clienti si sentono soddisfatti

De Blok vuole mantenere soddisfatti i propri clienti. “All'inizio di quest'anno, per la prima volta in sette anni, abbiamo implementato un piccolo aumento di prezzo. Naturalmente avremmo potuto farlo prima, ma non lo abbiamo fatto deliberatamente. Il cliente quasi non se ne accorge, ma dietro le quinte richiede molta energia.”

L'imprenditore spera di fornire un servizio maggiore ai suoi clienti introducendo una nuova versione del suo ristorante: Happy Italy To Go. Questo è un ristorante più piccolo dove puoi prendere qualcosa velocemente o fartelo consegnare.

Sia De Block che Van Spronsen ritengono promettente il mercato dei piatti pronti. “Questo mercato crescerà notevolmente nei prossimi anni”, afferma Verschoor. Dopotutto, è più veloce e più facile.

Il primo Happy Italy To Go è stato inaugurato quest'anno a Rotterdam. “I piatti vengono serviti in contenitori usa e getta, proprio come da McDonald's”, spiega De Block. “L'anno prossimo dovrebbero essere possibili una decina di nuove filiali.”

Guarda anche: “I ristoranti mediocri scompariranno”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24