Il film di Alice Rohrwacher è pieno di segreti – De Groene Amsterdammer

Sono uomini crudi, IL Tombaroli (Grave Robbers) si muovono a bordo di malconci Fiat nel paesaggio invernale dell'Etruria, alla ricerca frenetica dei luoghi dove c'è un vuoto sotto la crosta terrestre. C'è solo una persona che può sentire il vuoto, ed è Arthur, l'inglese, che, con la sua bacchetta da rabdomante, può individuare infallibilmente le tombe costruite dagli Etruschi in questa parte dell'Italia centrale dall'VIII al I secolo prima che Cristo li riempisse di tesori per i loro morti.

Non è del tutto chiaro chi sia Arthur o cosa sia esattamente nessuna chimera, Chimera, come molte cose, non viene presentata allo spettatore in piccoli pezzi. È uno studente inglese di archeologia che ha abbandonato gli studi, ha seguito un grande amore per l'Italia ed è rimasto? Che c'entrano i farabutti italiani che stanno tutto il giorno davanti ai bar, si travestono da streghe il giorno dell'Epifania e girano per il villaggio sui trattori, o all'improvviso si stipano nelle macchine per sfrecciare per il paese alla ricerca di luoghi dove qualcuno sospetta che ci siano? è una tomba sconosciuta? Come è finito in questo club della disperazione questo inglese, che indossava un abito di lino estivo molto freddo e sempre più sporco?

Se c'è una cosa a cui la regista Alice Rohrwacher, 42 anni, non interessa, è la trama, il che non equivale a dire che i suoi film non hanno trama. È lì, certo, ma è qualcos'altro, un tono cristallino che risuona nel profondo dentro di te mentre guardi i suoi film, preferibilmente più di una volta. “La verità è che Alice Rohrwacher ha un aspetto unico. E l'aspetto è l'unica cosa che conta in un film”, ha scritto Lino, un esperto di cinema italiano che ogni anno il 31 dicembre invia un'e-mail di massa ai suoi amici ricordando. il film da non perdere al Cinema è finalmente l'anno 'dopo di me'. Nessuna illusione “Ho pensato a lungo all’unicità di cui sono stato testimone, all’inafferrabilità di un’autrice intensamente italiana e allo stesso tempo universale come Alice Rohrwacher”, ha detto Leno l’ultimo giorno del 2023.

Per Rohrwacher serve un film “Piena di segreti”, dice spesso. Anche i suoi attori devono cercare il segreto del loro personaggio, che non troveranno nella sceneggiatura. Deve rivelarsi a loro. “Alice continuava a chiedermi: 'Qual è il segreto della tua personalità?' dice Josh O'Connor. Per la sua interpretazione del giovane principe Carlo in la corona Ha vinto un Emmy e un Golden Globe, ma non c'era niente che desiderasse di più che recitare in un film di Alice Rohrwacher. Così le inviò delle lettere dall'Inghilterra che, nonostante il riferimento all'indirizzo in stile Babbo Natale (“Alice Rohrwacher, Umbria, Italia”), arrivarono alla sua fattoria da qualche parte nella campagna vicino al Lago di Bolsena. La sua città natale, dove ha sempre vissuto e dove sono ambientati quasi tutti i suoi film.

READ  Quali sono i nuovi film al cinema questa settimana

“Ho pensato in quei messaggi: 'Che personaggio strano', ma quando finalmente ci siamo collegati tramite Skype, ho visto subito che era lui: Arthur”, ha detto Rohrwacher, ridendo accanto a O'Connor al tavolo del bar. Luna, ricreata al Centre Pompidou in occasione della mostra retrospettiva del dicembre dello scorso anno. Luna Bar ha lasciato il bar nessuna chimera, Un tipico bar italiano con gli uomini seduti sui tavolini all'aperto e una tenda davanti alla porta dietro la quale si nasconde la grotta buia.

“Per me, il pub del villaggio era un posto terrificante, con tutti questi uomini seduti ai tavoli fuori tutto il giorno. Ogni volta che passavi davanti a loro, erano sempre lì, a fissarti senza espressione mai osato stare dietro la tenda volante nel buio Così come non avevo mai osato entrare in un cimitero etrusco aperto, come facevano allora tutti i bambini: “La mia giovinezza coincise con il momento in cui le tombe furono aperte e saccheggiate dai toparoli , la corsa all'oro che scoppiò”, dice severamente Alice Rohrwacher nel nostro Paese negli anni '80.”

“C’era una volta un’umanità che non creava arte per mettersi in mostra, ma per le anime dei morti.”

Il cuore ancora misterioso della civiltà etrusca era la costa di Tarquinia, ed è lì che è ambientato il film. I personaggi si muovono in un caotico paesaggio invernale tra la costa e la terra metà industriale e metà selvaggia, dove tutto sembra un po' traballante e traballante, proprio come loro. Solo nei luoghi in cui la natura non è stata distrutta accidentalmente si aprono all'improvviso momenti di squisita bellezza, che la macchina fotografica di Rohrwacher riesce a catturare incidentalmente. Nessuna illusione Grida La strada Il più memorabile è il primo film vincitore dell'Oscar di Fellini (1957), che in realtà fu girato nella stessa parte d'Italia, sebbene un numero molto minore fosse stato distrutto settant'anni prima.

READ  Schilterstraat a Simpelveld come decorazione per il nuovo cinema ...

La visione poetica di Rohrwacher viene spesso paragonata a quella di Fellini. Del resto non è paragonabile a nessuno, cosa unica nel mondo del cinema italiano. Ciò che lo differenzia da Fellini, che utilizzava maggiormente il paesaggio per rappresentare lo stato interiore dei suoi personaggi, è il suo focus sulle testimonianze del grande distruttore, l'uomo, che è venuto, visto e conquistato fin dai tempi dei romani. Romani che non simpatizzano con lei.

In un altro tempo Nessuna illusione Il personaggio Melody si rivolge direttamente allo spettatore mentre insegue un gruppo di ladri di tombe che sono diretti in un posto nel bosco dove, si spera, ci sia una tomba. Melody non è la solare e bionda innocenza francese che sembra, perché è stata mandata come spia dal grande acquirente di tesori etruschi dietro le quinte, nome in codice “Spartacus”, che vuole sapere come riesce questo inglese a continuare a ottenere i migliori risultati. con la sua speciale bacchetta da rabdomante, cerca i posti giusti. Melody si rivolge allo spettatore e dice: “Forse, se ci fossero stati ancora gli Etruschi, l’Italia non sarebbe diventata un paese così mascolino”. Sapevate che presso gli Etruschi uomini e donne erano uguali? Lei grida alla banda che cammina davanti a lei e lui risponde con sarcasmo.

Isabella Rossellini nel ruolo di Flora

© Film di settembre

Rohrwacher ha questo pensiero Ha detto in diverse interviste che è suo. Uno dei tanti soggetti del suo film è l'uomo italiano, attaccato come una vongola al copione costante di “umiliare le vostre donne, sedurre le straniere, aprire e distruggere tutto ciò che incontrate, perché tutto è loro, comprese le loro tombe”. Gli Etruschi, rimasti sempre soli fino agli anni '80 e rispettati dai nostri antenati. Per Rohrwacher i romani, che copiarono gran parte della cultura etrusca prima di cancellarla radicalmente, portarono l’Italia fuori strada. La cultura maschile viene dai romani, l'afferrare tutto ciò che si incontra viene dai romani, e anche l'eccitabilità italiana viene dai romani.

READ  Berlinale 2023 Blog 3 - Film Grant

I romani lo sono orgoglioso Che seguì la cultura tranquilla e riservata degli Etruschi, che creavano opere d'arte incredibilmente sofisticate da nascondere nel terreno come doni per i loro morti nel loro viaggio verso l'aldilà. Non era destinato agli occhi umani. “In un’epoca come la nostra, dove sembra non esistere nulla che non venga registrato e inviato subito, e anche una torta di mele fatta in casa debba ancora essere condivisa, mi sembrava molto importante anche che esistesse una razza umana che lo facesse non farlo per mettersi in mostra e per mostrare come la Sua grandezza lo abbiano fatto per le anime dei loro morti, e ciò che hanno messo sotto terra non sarebbe mai più stato visto da occhi umani. Lei lo crede così fortemente che aveva un piccolo etrusco vaso donatole da un archeologo durante i preparativi per Nessuna illusione Si arrese in terra di Tarquinia. “Non valeva molto, ma non è nostro.” Non era destinato all'occhio umano e non trovava posto sulla mensola del caminetto.

Certamente non è così Nessuna illusione È un documentario di natura storico/antropologica nello stile di David Attenborough. ovviamente no. È il film di Alice Rohrwacher, in esso, come nei suoi film pluripremiati Lou Miravigli (Gran Premio della Giuria al Festival di Cannes) e Lazzaro Felice (Miglior sceneggiatura a Cannes), abbandona completamente lo spirito del tempo e i temi ad esso associati per raccontare qualcosa di diverso. Una sorta di “tu sei qui” per l’umanità che avviene su un livello completamente diverso. Non è un film che mira a farti “identificare con i personaggi”, il sacro metro con cui tutto viene misurato oggi, come dice Rohrwacher con una risata ironica. “Sto chiedendo una cosa molto difficile allo spettatore, lo so, gli sto chiedendo di arrendersi alla mia storia come un bambino si arrende a una fiaba, so che nel mio film non è riconoscibile lo voglio neanche io.

Nessuna illusione Sarà nei cinema a partire da questa settimana

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24