“Il freddo ti ricorda il tuo amante.”

C’è qualcosa di speciale nel calore e nella psicologia umana. Perché chi si sente socialmente rifiutato ha in media dita più fredde di tutti gli altri. In un’aula di tribunale fredda, i giudizi duri vengono emessi più che quando la temperatura è buona. Se parli con una tazza di tè caldo a portata di mano, ti sentirai più legato al partner della conversazione che se stessi tenendo in mano una tazza di cola fredda. E così continua nel libro inglese pubblicato di recente Caldo Scritto dallo psicologo olandese Hans Rocha Ijisermann all’Università di Grenoble.

Il sottotitolo del libro di Eiserman va molto lontano: Come il nostro termostato da interni ci ha resi umani. Ma in realtà, lo psicologo descrive – da vero scienziato – quanto siamo ancora incerti su come le vecchie strategie per stare al caldo insieme abbiano influenzato il nostro comportamento. La sua entusiasta richiesta di prendere sul serio l’antica tendenza umana a cercare il calore come fattore chiave dell’esistenza umana è abbastanza convincente.

Anche in tempi di riscaldamento centralizzato e maglioni caldi, le persone spesso si sforzano di contattare gli altri da dietro le loro scrivanie tramite e-mail e Whatsapp quando fa freddo, dice IJzerman – tramite Zoom – da Grenoble. “Vedi che le vecchie tendenze a regolare insieme la temperatura corporea sono ancora molto forti.”

Il tuo intero libro parla dell’importanza della regolazione sociale del calore. Che cos’è?

Egiserman: Come persona, continuo a fare molto affidamento sulla regolazione del calore tra le persone quando diventa più freddo. Una volta che si trattava davvero di tagliare i costi energetici individuali, ne vediamo ancora i residui nel nostro comportamento sociale. Una volta che ti sei letteralmente seduto o sdraiato l’uno contro l’altro. Fino al diciannovesimo secolo nessuno dormiva da solo in un letto. Ora questo si riflette principalmente in una più forte interazione sociale.

READ  Quanto sono salutari le alternative alla carne pronte per il consumo?

“Faccio molte ricerche psicologiche sperimentali con i miei colleghi sull’effetto del calore sul comportamento sociale e sulla percezione umana quotidiana. Ad esempio, abbiamo fatto uno studio in cui diamo alle persone una tazza calda o fredda. Con una tazza fredda in mano, sembra che le persone pensino anche ai propri cari più che alla tazza calda: il freddo attiva, quasi senza accorgersene, le relazioni sociali. Si vede questo effetto soprattutto nelle persone che hanno avuto buone esperienze interpersonali nella loro vita. Quelle che hanno esperienze meno positive lo sono meno propensi a pensare alle loro relazioni sociali quando fa freddo.

Un altro esempio: quando le persone vedono che il loro partner sembra triste e che hanno un buon rapporto tra loro, la loro temperatura della pelle aumenta. La temperatura delle persone tristi di solito scende, quindi pensiamo che ci sia una sorta di regolazione congiunta automatica della temperatura reciproca. Ti stai inconsciamente preparando a riscaldare il tuo partner. Dobbiamo ancora indagare se questo porta effettivamente a un comportamento: coccole o qualcosa del genere. “

Questi sono aggiustamenti individuali, ma si possono vedere anche impatti sociali più ampi?

L’impatto sociale della termoregolazione può essere visto anche dal fatto che le persone che vivono in un ambiente più freddo, ad esempio in Svezia, hanno una rete sociale più diversificata rispetto alle persone nelle regioni più calde, ad esempio in Spagna o in Africa. La diversità le protegge davvero da il freddo. Perché in quelle regioni più fredde, le persone con una rete sociale più diversificata hanno una temperatura interna più alta rispetto ai loro vicini che hanno una rete meno diversificata “.

Allora cosa significa? Le persone in Benin hanno un social network più unilaterale rispetto alla Svezia? Soprattutto la famiglia, per esempio?

“Forse sì: meno diversificato, da sfere sociali meno diverse: famiglia, vicini di casa, amici, lavoro, compagni di classe, lo chiami. Ma attenzione: non troviamo alcun effetto sulle dimensioni. Non conosciamo ancora il meccanismo alla base di questo differenza, però. “Stiamo lavorando a più studi”.

READ  Se continui a ricevere reclami dopo COVID-19

Pensavo che le persone nel nord fossero più individuali. Ora dici che per stare al caldo hanno una vita sociale più ricca rispetto alle persone nei paesi caldi?

Questo non è paradossale. Quello che sospetto è che per mantenere questi diversi social network, devi essere meno aperto e aperto. Perché devi essere in grado di mantenere molte relazioni diverse allo stesso tempo. Questo social network diversificato non deve essere particolarmente grande, ma qualcosa di simile è difficile da mantenere. Poi noto un altro fenomeno interessante. Le persone nelle culture del nord, così come nei Paesi Bassi, parlano spesso di “comfort”, “hygge” in danese e norvegese e “lagom” svedese. È interessante notare che questo concetto enfatizza i legami sociali generali, ma non ha nulla a che fare con relazioni forti o intime. Questo è un modo informale di trattare molte relazioni sociali diverse. In effetti, non devi investire molto in questo, in realtà. ”

Come sarebbe stato se avessi fatto ricerche su questo nel XVIII secolo? Ora non hai necessariamente bisogno di una casa piena di persone se puoi solo eseguire un curriculum.

“Sì, ora dobbiamo fare di più per trovare gli effetti di quella termoregolazione sociale. Ma esistono ancora. Quello che troviamo davvero molto è che quando fuori fa più freddo, le persone hanno più bisogno di contattare gli altri, anche via e-mail o telefono. .

“E non dimenticare che poco è cambiato per i bambini piccoli. Fino all’età di quattro anni, i bambini non possono regolare la loro temperatura correttamente, dipendono davvero dai loro genitori per questo. Se i genitori non sono molto reattivi, questi bambini non moriranno immediatamente , no, ma può “Questo ha effetti duraturi sulla loro regolazione emotiva e attaccamento. Ora negli ospedali si vede anche che i neonati hanno maggiori probabilità di avere la pelle sulla pelle della madre dopo la nascita rispetto a pochi decenni fa. Pure social termoregolazione. “

READ  Meno di 500 casi di corona al giorno

Nel tuo libro sembri vedere questa termoregolazione come una base per le tendenze sociali umane. Ma non abbiamo tanti bisogni che portano a legami sociali: cibo e sicurezza?

“Sì, lo menziono anche nel libro. Quindi non si può dire che le persone che vivono più lontano dall’equatore siano più socievoli. Ora stiamo esaminando quelle altre aree nei nostri questionari. La condivisione delle emozioni è chiaramente collegata alla termoregolazione sociale e l’abbiamo già visto. “Penso che condividere il cibo sarà anche correlato alla condivisione di sentimenti”. Ciò che effettivamente accade è che una buona rete riduce lo stress perché in realtà stai esternalizzando le tue preoccupazioni. Non devi sempre essere pronto a rispondere alle minacce, perché probabilmente qualcuno nella tua rete può superarle. “

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24