“Il mondo vedrà i nostri leader”, ma chi guida i talebani?

L’uomo è nato sulla cinquantina nella regione dell’Uruzgan, uno dei fondatori del movimento estremista. Il suo soprannome Baradar, il fratello, lo chiamava il primo comandante in capo. “Le persone con cui ho parlato a Uruzgan lo hanno descritto come l’uomo intelligente dietro la personalità carismatica del Mullah Omar”, afferma Willem Vogelsang.

Dalla fine degli anni ’70, l’olandese ha trascorso molti anni in Afghanistan come giornalista, archeologo e soldato. “Baradar era noto per essere un relativamente moderato all’interno dei talebani. Era sempre coinvolto in tutti i tipi di negoziati”. Secondo quanto riferito, ha negoziato con il primo governo afghano dopo l’invasione occidentale del 2001.

Nel 2010, il Pakistan ha arrestato Baradar e lo ha rilasciato nel 2018. Successivamente è stato nominato capo della missione politica a Doha, in Qatar. Da Oslo in Norvegia a Tianjin, in Cina, parla con i massimi rappresentanti per il riconoscimento internazionale.

Questa esperienza politica lo rende una scelta logica per la presidenza, secondo gli analisti. Ma sulla carta, il prossimo leader è ancora il leader supremo.

“Il giudice intransigente” è il prestigio di Dio Akhundzada

Dal 2016, questo sacerdote ortodosso è il leader supremo. “Negli anni ’90, era già il massimo funzionario legale dei talebani”, ha detto Vogelsang. A quel tempo, era un “giudice crudele che ha ordinato l’esecuzione”, ha scritto il canale di notizie Al Jazeera.

READ  Stato di emergenza ad Haiti dopo l'assassinio del presidente e 'aggressori venuti dall'estero'

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24