Il nuovo direttore artistico Il Museo Vianen è un intruso con un talento per la regione | Utrecht

posizioni. Così Werner van den Belt (56) sottolinea le delicate questioni tra villaggi e città che ha incontrato quando si è presentato come il nuovo curatore dello Stedelijk Museum Vianen. Nel frattempo, naviga più facilmente tra tutti i tipi di sensibilità storiche, ma spesso sembra anche l’elefante che entra nel negozio di porcellane.

Werner van den Belt inizia mettendo le cose in chiaro. Di recente è diventato Direttore Artistico del Museo. Spiega che questo include la posizione di curatore della mostra. Il direttore artistico fa anche progetti per il museo. Ora vengo preso più sul serio come interlocutore in alcune consultazioni strategiche sul futuro di questo museo rispetto a quando sono solo un curatore”.

Veduta di una città italiana

Alla prima visita, lo skyline di Vien gli ha ricordato lo scenario di una città italiana. Per approfondire la storia di Vianen e dell’area circostante, Amsterdammer ha invitato le cinque associazioni storiche del comune di Vijfheerenlanden.

Sperava in un quadro coerente della storia culturale della regione, ma è tornato a casa con una fredda esposizione. “Ogni club ha la sua storia. Tutti pensavano che i loro personaggi storici o il loro mercato dei cavalli fossero più importanti degli altri. Penso che ti manchi la storia più grande. Ecco perché ho cercato le somiglianze piuttosto che amplificare le differenze”.


citazioni

L’origine di Vianen va vista anche alla luce di Leerdam e Gorinchem. Ma anche alla luce di Utrecht

Werner van den Pelt (56), direttore artistico dello Stedelijk Museum Vianen

READ  Mirren Zeman fermo: "La primavera di Jumbo Visma non ha ancora funzionato"

Van den Pelt vuole che la funzione regionale del museo sia più visibile. Il museo dovrebbe concentrarsi maggiormente sul bacino idrografico sopra e sotto il lago. Con Vianen al centro. “Come estraneo – nato ad Amersfoort e residente ad Amsterdam – ho più visuali dall’elicottero di chiunque altro in questa zona. Posso anche stare in piedi più facilmente sulle punte dei piedi sensibili, se necessario”.

Evidenzia le storie

Il risultato di questo modo di pensare è stata la sua prima mostra dal titolo Langs Lek en Linge. Questa mostra sarà esposta al piano terra del Museo Vianen per un periodo di cinque anni. Il contenuto è flessibile e facile da adattare, ad esempio l’aula. Non il centro di Vianen, ma la zona tra Utrecht e Gorenchem.

Il Direttore Artistico vede la sua chiamata a portare sotto i riflettori le storie della città di Vianen e della regione di Vigwierenlanden. “Puoi davvero mettere Vianen sotto i riflettori culturali e storici solo se lo fai anche geograficamente. Quindi dovresti anche essere in grado di vedere la sua origine alla luce di Leerdam e Gorinchem. Ma anche alla luce di Utrecht. Ci sono molti collegamenti che non devi dimenticare. Senza Utrecht, non saresti Tu non c’eri”.


citazioni

Per raccontare l’importanza dell’acqua nella regione è assolutamente necessario un ritratto di Jean Blancken

Werner van den Pelt (56), direttore artistico dello Stedelijk Museum Vianen

La mostra collega eventi storici e persone con temi di attualità come libertà, tolleranza e pari opportunità. Un buon esempio è un grande dipinto della fabbrica di vetreria a Leerdam dove lavorano gli immigrati tedeschi. Van den Belt: Mostra questa prima eredità industriale, ma ci mostra anche quanto sia importante l’integrazione per sostenere l’industria in un paese. Questo è sempre”.

READ  L’Italia chiude di più i battenti e chiudono le fabbriche: “Un passo verso l’economia di guerra”

Era un insegnante d’arte

Werner van den Belt è stato anche insegnante d’arte in una vita precedente e questo lo aiuta quando vuole raccontare una storia educativa per una mostra. Quattro dei suoi dipinti sono appesi a Langs Lek en Linge. Quest’anno ha dipinto dipinti ad olio di personaggi storici secolari come l’ingegnere idrico Jean Blanken e la nobildonna Anna Van Buren. A questo proposito dice: “Ecco perché a volte l’art director tiene il pennello da solo. Per raccontare l’importanza dell’acqua nella regione, è assolutamente necessario un ritratto di Jean Blancken. Non ce l’avevo, quindi l’ho dipinto io stesso . “

Ritratto di Jan Blanken di Werner van den Pelt, 2022. Pittura a olio. © Allegato

Guarda i video delle notizie più visti nella playlist qui sotto:



We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24