Il nuovo standard chiarisce se un prodotto contiene effettivamente “segni di tracciabilità” | cucinare e mangiare

video“Questo prodotto può contenere tracce di frutta a guscio.” I produttori prestano attenzione e mettono questo avviso su tutti i prodotti che possono causare una reazione allergica. Di conseguenza, i consumatori non sono in realtà i più saggi.


Orso d’acqua


Ultimo aggiornamento:
09:26




TNO ha scritto in un comunicato stampa che non si tratta solo degli effetti delle noci, ma di tutti gli allergeni non intenzionali che potrebbero essere presenti nel cibo. Stabiliscono criteri di avviso che iniziano sempre con: “Può contenere tracce di…” per conto dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e dell’Organizzazione per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO), tra gli altri.

Due gruppi chiedono da anni maggiore chiarezza, afferma Gert Houben, capo scienziato in allergie alimentari e immunotossicologia presso TNO. Sia i produttori che i consumatori che sono allergici a determinati alimenti. Dopo dodici anni di ricerca di TNO e UMC Utrecht, l’OMS può ora fornire consulenza sugli standard dell’OMS e quindi fornire chiarezza.

Il testo continua sotto l’immagine.

Geert Hoppen, tossicologo e ricercatore presso TNO e UMC Utrecht. © TNO

Avvisi vuoti

“Le avvertenze sulla confezione non sono direttamente correlate ai rischi effettivi”, spiega Hoppen. “Le aziende vogliono peccare per eccesso di cautela al minimo rischio, ma così facendo si crea qualcosa di estraneo alle informazioni. Quindi i pazienti con allergie alimentari spesso ignorano l’avvertimento. Ogni volta che mangiano qualcosa, lanciano una moneta per scoprirlo. Se il prodotto è sicuro.

TNO ha seguito per un anno 157 soggetti allergici per scoprire le quantità di allergeni che hanno causato reazioni allergiche specifiche. Quell’informazione mancava ancora, dice Hoppen, ma è importante.

Ogni anno migliaia di persone vengono ricoverate d’urgenza con reazioni allergiche. Spesso la causa esatta del loro verificarsi non viene registrata. Abbiamo raccolto informazioni per un totale di 3.500 persone con allergie e stabilito limiti di sensibilità per gli allergeni. In questo modo ora sappiamo quanto ti devi preoccupare”.


Citazione

Chi soffre di allergie alimentari vive ogni giorno, ogni pasto, ogni boccone nella paura di mangiare qualcosa che potrebbe non essere in grado di tollerare

Geert Hoppen

Valuta

La ricerca di TNO ora fornisce chiarezza. L’Organizzazione mondiale della sanità ha ora stabilito i criteri per le aziende per determinare se devono pubblicare un avviso. I pazienti possono quindi garantire che l’avvertimento sia dato secondo gli standard internazionali. Così possono lasciare la moneta”.

La ricerca aumenta non solo la sicurezza alimentare, ma anche la qualità della vita. Hoppen: Un paziente con allergie alimentari vive ogni giorno, ogni pasto, ogni boccone nella paura di mangiare qualcosa che potrebbe non essere in grado di tollerare. Non è più necessario e per questo possiamo ringraziare la bandiera olandese”.

Circa il 3% della popolazione dei Paesi Bassi, circa mezzo milione di persone, ha un’allergia alimentare. Noci, arachidi, latte di mucca e proteine ​​di pollo possono causare irritazione in queste persone, ma anche shock anafilattico, poiché il sistema immunitario attacca l’allergene e si presenta una situazione pericolosa per la vita. I sintomi includono gonfiore della gola, prurito, oppressione toracica, tosse, pressione bassa e respiro corto. Gli allergeni presenti negli ingredienti che vengono lavorati negli alimenti devono essere chiaramente indicati in etichetta dal produttore secondo la normativa vigente.

Guarda i nostri video di cucina e consumo qui:

Una ciotola di nocciole elenca anche allergeni non intenzionali:

Una ciotola di nocciole elenca anche allergeni non intenzionali: “Può contenere tracce di altra frutta a guscio, soia”. © m

READ  Anche suo fratello, il figlio di due mesi Feri Somoji, ha ammesso di usare un ventilatore mostrando

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24