Il parlamento degli Stati Uniti vota per mettere sotto accusa il consigliere di Trump Bannon

Bannon ha rifiutato di testimoniare la scorsa settimana perché non voleva commentare le sue conversazioni con l’allora presidente. Su consiglio dell’avvocato di Trump, convoca Franchising esecutivo dal presidente. Questo è il diritto del Presidente di mantenere riservate le informazioni riservate.

Ma quel privilegio si estende solo all’operatore storico e il successore di Trump, Biden, ha già indicato che non lo invocherà. La Casa Bianca ha dichiarato la scorsa settimana di non averlo fatto perché potrebbe esserci stato un “abuso di potere, che ha messo a rischio la democrazia stessa”.

La commissione ha deliberatamente convocato per primo Bannon perché era già prevista resistenza. Il voto della Camera consente all’accusa di avviare un procedimento penale mentre la commissione continua i suoi lavori ed esamina altri testimoni.

pena detentiva

Il destino di Bannon è ora nelle mani del procuratore generale Garland. Garland, nominato da Biden, ha sottolineato lo scorso giorno che si atterrà rigorosamente alla legge nelle sue considerazioni e non si lascerà guidare dalla politica.

Il disprezzo del Congresso è punito con la reclusione da un minimo di un mese a un massimo di un anno di reclusione.

READ  Minneapolis attende la giuria nel caso Floyd: "vediamo un omicidio, è così semplice"

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24