Il reem è stato scoperto sui vulcani più alti di Marte

Poche ore prima dell'alba, uno strato molto sottile, ma esteso, di acqua ghiacciata può essere trovato sulle cime dei vulcani da record su Marte. I ricercatori sono giunti a questa sorprendente conclusione dopo aver studiato più di 30.000 immagini del Pianeta Rosso.

Questo può essere letto sulla rivista Scienze naturali della Terra. Per la ricerca, gli scienziati hanno esaminato le immagini della cosiddetta regione di Tharsis, vicino all'equatore di Marte. Questa zona ospita molti supervulcani, inclusi vulcani di altezza da record come l'Olympus Mons. L'ultimo vulcano è largo quanto la Francia e alto circa 22 chilometri, e non sarà solo il vulcano più alto di Marte, ma anche il più alto dell'intero sistema solare!

Sorprendentemente
Una nuova ricerca ora rivela che le vette dell’Olympus Mons e di altri vulcani nella regione di Tharsis sono talvolta ricoperte da uno strato molto sottile di ghiaccio d’acqua. Ciò è sorprendente, come spiega il ricercatore Adomas Valentinas. “Non abbiamo ritenuto probabile che si formasse del ghiaccio vicino all’equatore marziano, poiché le temperature diurne – a causa della luce solare in arrivo e del fatto che Marte ha un’atmosfera sottile – sono relativamente alte sia in superficie che sulle cime delle montagne”.

Temporaneo e delicato
Tuttavia, ora è stato rilevato il gelo sugli alti vulcani. O più precisamente: nei crateri a forma di scodella sulla sommità dei vulcani. Il sottile strato di ghiaccio è presente solo poche ore prima dell'alba; Una volta che la luce solare raggiunge le cime dei vulcani, evapora. Anche lo strato di ghiaccio è molto sottile; Solo spesso quanto un capello umano.

READ  Gli scout sono pronti per una possibile guerra contro la Russia

Enorme
Lo strato di ghiaccio può essere sottile; Sono molto spaziose e contengono quindi una grande quantità di acqua. Secondo i ricercatori, sarebbe sufficiente a riempire 60 piscine olimpioniche. Durante le stagioni fredde su Marte, questa grande quantità di acqua si trova alternativamente nell'atmosfera (sotto forma di vapore acqueo) e in superficie (sotto forma di uno strato di ghiaccio sulle cime dei vulcani).

Scoperta
La scoperta della calotta glaciale ha un lungo periodo di tempo. I ricercatori hanno trovato le prime indicazioni della sua presenza nelle immagini ad alta risoluzione scattate Sistema di imaging superficiale a colori e stereo A bordo dell'Agenzia spaziale europea Traccia l'orbita del gas. Per confermare l'esistenza dello strato di ghiaccio sono state utilizzate, tra l'altro, le osservazioni del Mars Orbiter dell'Agenzia spaziale europea. Marte espresso. Alla fine, i ricercatori hanno analizzato più di 30.000 immagini per scoprire e confermare la presenza di strati di ghiaccio.

Clima locale
Il risultato è impressionante, perché è la prima volta che viene rilevata una brina vicino all’equatore marziano. Naturalmente, questa scoperta solleva interrogativi su come si è formato il sottile strato di ghiaccio qui. I ricercatori hanno idee al riguardo. Sospettano che il modo unico in cui l'aria circola sopra i vulcani in ascesa crei una sorta di microclima in cui può ancora formarsi il gelo, contro ogni aspettativa.

In futuro, gli scienziati sperano di ottenere maggiore chiarezza su come si forma esattamente il sottile strato di ghiaccio. In definitiva, ciò dovrebbe anche fornire un quadro migliore di dove si può trovare esattamente l’acqua su Marte, di come si muove e di quali processi si verificano in questa atmosfera marziana piuttosto sottile e complessa. Tali informazioni sono di grande valore per le future missioni con equipaggio su Marte (che sfruttano la presenza di acqua sul Pianeta Rosso) e per la ricerca della vita marziana (o di tracce di essa).

READ  Cosa dice la scienza sul tuo mese di nascita?

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24