“Il tempo della libertà è finito”, Sharq TV si è oscurata dopo aver catturato Kabul

La famiglia Shaq è fuggita da Jalalabad dopo diversi attacchi alla società dei media che erano stati costruiti negli ultimi vent’anni. “Trasmettiamo film e musica sui nostri canali e facciamo programmi sui diritti umani e servizi critici nei confronti della politica”, dice Shayeq con un sorriso. “Ai talebani non piace”.

La rete Sharq è stata popolare tra le forze occidentali in Afghanistan negli ultimi decenni. La famiglia Shaiq è stata una delle tante famiglie afgane a mettere il proprio destino nelle mani dei paesi della NATO, che si sono impegnati a costruire un Afghanistan più libero e aperto. “Dal momento in cui abbiamo ottenuto i soldi americani, siamo davvero cresciuti”, afferma Shaig. “Hanno amato quello che abbiamo fatto.”

diritto allo studio

Ma quella storia di successo si è interrotta lo scorso fine settimana con un duro colpo. Al tavolo della cucina, Hanna, la figlia di 24 anni, chiama e manda messaggi di continuo agli amici di Kabul, che da giorni stanno seduti a casa nervosi. Nel campus c’erano anche due studenti, che cercavano negli archivi elenchi di nomi di studenti. Ma secondo Hannah, fu distrutto in tempo.

“I futuri leader afgani sono stati formati all’Università americana e c’erano studenti provenienti da tutto il paese. Le ragazze hanno ottenuto una borsa di studio e possono studiare lì”, afferma Henna. “Gli afghani conservatori ci chiamavano ‘bambini d’America’, quindi c’era molta opposizione. Ma abbiamo combattuto e difeso il nostro diritto allo studio”.

La studentessa Hanna Shayeq spiega perché lei e i suoi amici a Kabul si sono sentiti abbandonati dall’America e da altri paesi della NATO, dopo che l’esercito se ne è andato e i talebani hanno riconquistato la capitale:

READ  Un uomo scozzese perde centinaia di sterline a causa di una donna | all'estero

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24