Il virologo olandese indagherà ancora una volta sull’origine della corona

La personalizzazione questa volta è più ampia dell’ultima volta. “Non ci concentreremo solo sul coronavirus”, ha detto Koopmans a RTL Nieuws. “Stiamo formando un gruppo consultivo per consigliare l’Organizzazione mondiale della sanità su cosa accadrà se ci sarà un nuovo focolaio di una malattia infettiva”.

Di solito, questi controlli vengono effettuati malattia per malattia. Ma vogliamo esaminare le domande standard che si applicano a ciascuna malattia infettiva. Ad esempio: possiamo garantire che ci siano istruzioni chiare che possono essere applicate a tutti i focolai? È quindi possibile utilizzare queste istruzioni anche durante un’epidemia di Ebola.

All’inizio di quest’anno, Koopmans faceva parte di un altro team dell’OMS che stava indagando sull’origine del coronavirus. Prima di allora, sono andati nella città cinese di Wuhan, dove si è verificato il primo grande focolaio.

Quattro possibilità

Dopo questa ricerca, sono rimaste molte domande, ad esempio sul fatto che i ricercatori potessero lavorare liberamente. Alla fine, non è stata raggiunta alcuna conclusione definitiva sull’origine del coronavirus, ma sono emerse quattro possibili ipotesi.

Lo scenario più probabile è che il coronavirus sia passato da un pipistrello a un altro animale e poi si sia diffuso all’uomo. Lo scenario meno plausibile, afferma Koopmans, è che il virus abbia avuto origine in un laboratorio”.

Riguarderà con i suoi nuovi colleghi le domande rimaste dopo la ricerca precedente. “Da allora sono stati aggiunti ulteriori studi. Vedremo se possiamo ottenere nuove intuizioni di conseguenza. “

Il team prevede che le indagini inizino tra circa un mese. Non è ancora noto se torneranno in Cina.

READ  L'ex poliziotto statunitense Derek Chauvin condannato per l'omicidio di George Floyd | proprio adesso

Sempre più epidemie di virus

Secondo un virologo, è molto importante conoscere l’origine del virus. “Perché possiamo imparare molto da questo, su come si verificano questi tipi di epidemie. Possiamo trarre grandi benefici da questo in futuro”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24