Improvvisamente, Cuba è diventata in cima alle liste del corona e i medici hanno lanciato l’allarme per la carenza

Una donna cubana all’Avana fissa una data per una vaccinazione contro la corona.AP . immagine

Gli operatori sanitari cubani descrivono una situazione che ricorda quella di Bergamo in Italia, nelle richieste di aiuto distribuite su Internet. “Gli ospedali sono sovraccarichi, i pazienti devono aspettare ore per il trattamento, ci sono troppo pochi test per il coronavirus, mancano i farmaci essenziali e le ambulanze scarseggiano”, si legge in un messaggio arrabbiato. I parenti dei pazienti deceduti pubblicano sui social media le immagini dei loro cari che non avevano un posto dove andare o sono morti per mancanza di ossigeno medica.

Il primo ministro Manuel Marrero Cruz la scorsa settimana ha fatto infuriare medici e infermieri cubani. “La carenza di assistenza sanitaria è inferiore al numero di lamentele che riceviamo sugli operatori sanitari”, ha affermato il 10 agosto, meno di un mese dopo che migliaia di cubani sono scesi in piazza per protestare contro la scarsità e la repressione del governo. E prendendosi gioco di lui, ha scatenato un’altra protesta, questa volta online.

messaggi arrabbiati

Più di venti operatori sanitari hanno pubblicato un video che hanno registrato per i loro colleghi. “Il crollo del nostro sistema sanitario non è colpa dei medici”, dicono uno per uno. Altri hanno scritto lettere rabbiose contro i politici più potenti di Cuba. “Ministro Marrero, perché non chiede al Ministero degli Interni se possono prestare mezzo migliaio di pattuglie come ambulanze?”

Lo stato ha quindi risposto implementando una legge che criminalizza le critiche online. Sembra superfluo. Il governo in realtà non tollera alcuna contraddizione. Diversi medici sono stati mandati a casa dopo essersi lamentati online. Ma la supervisione aggiuntiva non è stata l’unica risposta del governo alla protesta sanitaria. Mentre il sistema stava colpendo con una mano, gli ho dato una pacca sulla schiena con l’altra. All’inizio di questa settimana, il presidente Miguel Diaz-Canel ha ringraziato gli operatori sanitari per il suo “patriottismo”.

Messaggi arrabbiati dagli ospedali danno uno sguardo a un sistema in grado di gestire un’epidemia dormiente, ma alla fine viene oscurato da un’ondata in rapida espansione. Dalla fine di giugno, i numeri cubani hanno superato quasi tutte le altre curve del virus. L’epidemia cubana, rapportata all’ampiezza della popolazione, è oggi tra le più gravi al mondo.

protezione

Il virologo cubano brasiliano Amilcar Perez-Referol afferma che il sistema sanitario cubano si basa sulla prevenzione. “Nelle cure secondarie, nelle cure, c’è carenza e carenza di medicinali, medici e infrastrutture”. La scienziata dice che la sua campagna di vaccinazioni sta dando i suoi frutti nella capitale, L’Avana, dove la situazione è meno grave che nelle campagne. Ma il Paese soffre di una carenza di aghi e difficilmente può combattere l’infezione. Solo un quarto degli 11 milioni di cubani è stato vaccinato.

La prevenzione ha avuto successo per molto tempo con restrizioni alla libertà e precauzioni che hanno funzionato contro la prima ondata di corona, ma non contro la variante delta, afferma Perez-Reverol. Inoltre, il governo ha scelto di allentare le misure una volta che l’economia inizierà a contrarsi. Parti del Paese sono state riaperte ai turisti.

Lo scienziato cubano David Fernandez Rivas, che sta conducendo la ricerca sulla vaccinazione senza ago presso l’Università di Twente, afferma che la pandemia mostra debolezze in un sistema che da anni scarseggia. Molti ospedali erano già in cattive condizioni. Il Covid ha solo esacerbato i problemi esistenti. Dice che l’embargo commerciale degli Stati Uniti, che è vecchio quanto la stessa Rivoluzione cubana, sta gettando il suo peso sul paese nel momento del bisogno.

Quando Cuba riceveva ancora i sussidi sovietici, l’isola socialista aveva meravigliosi ospedali e facoltà di medicina, dice lo scienziato. I medici cubani sono diventati famosi in tutto il mondo grazie alle missioni mediche e sono ancora un’importante fonte di reddito per il paese. Centinaia di medici che fino a poco tempo fa hanno contribuito a combattere l’epidemia sono stati chiamati all’estero.

Tra una crescente scarsità, un peggioramento della crisi economica e l’attuale devastante ondata di Corona, Fernandez ha visto il suo paese diventare più potente, ha affermato. I cubani sono scesi in piazza, si sono espressi online e persino i media locali hanno occasionalmente espresso critiche caute. Questo era impensabile fino a un anno fa. Quello di cui ha bisogno Cuba è il dialogo, la tenacia come nei Paesi Bassi.

I due successori di Castro

Mentre le crisi si accumulano, anche lo stato è alla ricerca. L’ondata corona rappresenta un’altra sfida per Díaz-Canel, un uomo che ha l’impossibile compito di succedere a due Castro quando lui stesso è nato appena un anno dopo la loro rivoluzione. Nel 2018 è succeduto a Raul Castro come presidente, quattro mesi prima che anche il fratello di Fidel gli desse la presidenza del Partito comunista cubano.

Il nuovo leader appare più aperto rispetto ai suoi predecessori. Ha ammesso che il sistema sanitario è sovraccarico. Ha detto che la produzione di ossigeno medico sta vacillando a causa di un difetto tecnico. Ciò non significa che il cubano medio goda di più libertà di espressione. Díaz-Canel è il nuovo volto di uno stato di sessant’anni, un regime che anche senza Castro a capo aveva arrestato centinaia di manifestanti un mese fa.

READ  I 'becchini' del Belgio: trattative di governo con tanti giochi politici, ma poca sostanza - Notizie finanziarie ed economiche - Tendenze

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24