In Italia le pere Angelica sono meno di tre quarti

Un anno che i coltivatori italiani dimenticheranno presto del dattero Angelica. Tre quarti del raccolto sono andati perduti. Ma Luciano Alessandri, dell’azienda di famiglia Angelica di Romagna, che coltiva più di 20 ettari di pere angelica a Cesena, nota quanto sia importante il frutto nei mercati all’ingrosso.

“Abbiamo perso il 75% della resa a causa del gelo”, spiega Alessandri. C’era anche grandine. Ma le pere erano molto richieste e anche i frutti segnati dalla grandine venivano venduti senza problemi. Quindi il prezzo era alto: da 3 a 6 euro al chilo, a seconda della qualità. e selezione della taglia.”

È una pera con un elevato valore Brix e polpa molto sottile, tipica di una pera estiva. “Ma l’aspetto più sorprendente è la conservabilità: anche se la polpa diventa molto gialla, è soda. Abbiamo fatto degli esperimenti e abbiamo visto che le pere si possono conservare fino a marzo. Ma quest’anno le scorte stanno già finendo. .”

Con solo un quarto del fatturato di un anno normale, Alessandri riesce a soddisfare pochi clienti. “Mi dispiace tanto di non aver potuto inviare abbastanza pere per tutti, ma sfortunatamente quest’anno è così”.

La pera è originaria della provincia di Pesaro-Urbino. Ogni anno nella frazione Serungarina si tiene una sagra dedicata a questo frutto. “Ma col passare del tempo, il numero degli agricoltori è diminuito drasticamente. Sono rimasti pochi gli agricoltori che coltivano queste pere in modo professionale”, aggiunge Alessandri.

Quest’anno Alessandri ha raccolto meno di 150 tonnellate su una capacità produttiva di 600 tonnellate. “Non abbiamo sistemi antigelo e quest’anno la neve ha colpito duramente le nostre terrazze”, conclude.

READ  Il governo prende il controllo dei comuni italiani

Per maggiori informazioni:
Angelica di Romagna
Via Borghetto, 2650 – 47521
Cesena (FC) – Italia
Tel: +39 (0)547 301465
[email protected]
www.angelicadiromagna.it

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24