In Türkiye, la Giornata internazionale della donna è incentrata sulla lotta al femminicidio

Noos Notizie

Il 21 ottobre 2022 la vita della 51enne Hülya Silavci di Izmir si è conclusa bruscamente. Suo marito, che sposò più tardi nella vita, le sparò alla testa. L'omicidio è avvenuto dopo settimane di violenze e minacce di morte, dopo che Hulya aveva manifestato il suo desiderio di divorzio.

“Eravamo molto preoccupati”, racconta il cognato Ensar Akturk, ricordando quel periodo di un anno e mezzo fa. “Soprattutto quando ha fatto irruzione nel suo lavoro e ha detto che l'avrebbe uccisa.” Hulya è intervenuta immediatamente. Ha denunciato il crimine alla polizia cinque volte. Lo ha anche segnalato alla hotline per la violenza domestica.

Akturk, che è anche l'avvocato della famiglia, esamina un fascicolo contenente tutte le dichiarazioni di Hulya. “Era chiaro che era in pericolo. L'ha minacciata tramite SMS ed è andato a trovarla nonostante gli fosse stato imposto un ordine restrittivo.” Si ritiene che la polizia e le autorità siano state negligenti. “Ha rovesciato tutti i banconi. Non l'hanno protetta. Non sono riusciti a tenerla in vita.”

Akturk descrive sua suocera come una donna sicura di sé, piena di vita e con il proprio lavoro. “Era una donna forte e ha pagato il prezzo più alto per questo.”

Il genero di Ensar Akturk sulla tomba di Hulya

Hulya è una vittima di femminicidio e una delle tante donne le cui immagini ora appaiono sugli striscioni di protesta. Come ogni anno, durante la settimana della Giornata internazionale della donna si svolgono manifestazioni in diverse città turche. Quest’anno l’attenzione è attirata dal numero record di omicidi di donne in un solo giorno. Il 27 febbraio, otto donne sono state uccise nel giro di 24 ore da un uomo nella loro zona. Questa notizia attraversò il paese come un'onda d'urto.

READ  Milioni dal tesoro alla petroliera yemenita, la nave “una bomba a orologeria” | Attualmente

A Istanbul, centinaia di donne sono scese in strada lo scorso fine settimana portando cartelli di protesta per attirare l’attenzione su di sé. “Otto donne in un giorno sono state uccise da uomini!” “Fermiremo l'uccisione delle donne”, ha gridato Fidan Ataselem dal podio al microfono. “Sono stati uccisi nelle loro famiglie. Dicono che la famiglia è sacra. Sono stati uccisi da uomini che volevano il divorzio. Sono stati uccisi perché volevano vivere liberamente. Noi non lo accettiamo”.

Legge 6284

Le donne si stanno rivoltando contro il governo conservatore turco del presidente Erdogan, che da anni mette in discussione le leggi che dovrebbero proteggere le donne dalla violenza domestica. La Turchia si è ritirata dalla Convenzione di Istanbul nel 2021, un trattato che ordina ai paesi di prevenire la violenza contro le donne, proteggere le vittime e condannare i colpevoli.

I partner ultraconservatori della coalizione di Erdogan vogliono ora liberarsi della tanto discussa legge n. 6284, che garantisce, tra le altre cose, un rifugio sicuro per donne e bambini in caso di violenza domestica. Secondo i critici, questi tipi di sviluppi danno libero passaggio agli uomini che commettono atti di violenza. “Gli uomini sanno che possono farla franca facilmente”, dice un manifestante. “Pensano che la polizia e i giudici siano dalla loro parte”.

Erdogan aveva precedentemente affermato che il contenuto della Convenzione di Istanbul non si adatta alla società turca in cui i “valori della famiglia” sono più importanti. Ha anche detto che il trattato europeo è “ostaggio di un gruppo di persone che stanno cercando di normalizzare l'omosessualità”.

Inviato a casa

Il fatto è che più del 40% delle donne turche afferma di essere stata esposta a violenza domestica in qualche momento della propria vita. Nella pratica, le donne che denunciano minacce o violenze alle autorità o alla polizia vengono spesso rimandate a casa senza denunciare. La ricerca mostra che la maggior parte dei femminicidi avviene proprio quando una donna cerca aiuto o decide di lasciare un partner violento.

Dall'inizio di quest'anno, 73 donne sono state vittime di femminicidio. Nel 2023, almeno 315 donne sono state uccise da un uomo a loro vicino, solitamente un partner o un ex partner. Altre 248 donne sono morte in circostanze sospette. Si tratta di suicidi o incidenti in cui i parenti sospettano l'omicidio di donne.

La maggior parte delle donne viene uccisa in casa. La maggior parte degli omicidi sono stati commessi con armi da fuoco. Gli autori del reato sono principalmente mariti, ex mariti o amici e in alcuni casi padri o fratelli.

“è troppo tardi”

L'assassino di Hulya Silavci è stato condannato a 30 anni di prigione. A breve il giudice emetterà la sua sentenza. Piccole condoglianze alla famiglia. Perché se le autorità avessero agito secondo la legge e preso sul serio le richieste di aiuto di Hulya, oggi sarebbe ancora viva, dice suo cognato Ensar Akturk. “C'erano prove sufficienti per arrestarlo. Ma era troppo tardi.”

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24