Inibitore del corona virus: “Molto gradito, ma non una cura miracolosa”

La battaglia contro l’aura potrebbe avere una nuova arma o un martello davvero nuovo. Il farmaco, Merck, ha affermato che il farmaco antivirale molnopiravir prende il nome dal martello guerriero Mjolnir del dio nordico del tuono Thor e, se preso in tempo, potrebbe prevenire il 50 percento dei ricoveri e delle morti nei gruppi ad alto rischio. annunciato la scorsa settimana Sulla base della ricerca clinica.

Il prezzo delle azioni di Merck è salito alla velocità della luce. Gli Stati Uniti hanno già effettuato un ordine e diversi paesi asiatici hanno mostrato grande interesse per il farmaco. Si parla dal cambio di giocoMa è così? E perché abbiamo bisogno di medicine se abbiamo già i vaccini?

Il virologo Eric Snyder di LUMC ha descritto i risultati annunciati da Merck come incoraggianti e “un’aggiunta benvenuta”. Il farmaco antivirale che finora ha mostrato una certa attività contro il coronavirus, remdesivir, deve essere somministrato per via endovenosa. “Succede quasi solo in ospedale, e quindi solo quando qualcuno viene ricoverato”, dice Snyder.

Molnupiravir è una pillola e, se approvato dalle autorità farmaceutiche, sarà il primo farmaco assunto per via orale contro il corona. “Questo rende la gestione molto più semplice”, afferma il virologo belga Marc van Ranst. Tuttavia, vuole smorzare l’entusiasmo: “L’avvertenza è che, come tutti gli antivirali, devono essere assunti il ​​prima possibile. Gli antivirali non saranno cure miracolose”.

Errori nel codice genetico

Secondo Merck, ci sarà un effetto se il trattamento viene avviato entro cinque giorni dall’insorgenza dei reclami. Quindi il paziente deve assumere quattro pillole due volte al giorno per cinque giorni. Molnupiravir causa errori nel codice genetico del virus, che impedisce al virus di riprodursi.

READ  È stato un incidente di laboratorio nella struttura COVID-19? Questo non è ancora fuori discussione

La ricerca di Merck ha mostrato che una volta che un paziente è ricoverato in ospedale, il farmaco non ha un effetto chiaro e misurabile. Altri agenti possono quindi essere utilizzati in ospedale, come remdesivir e anticorpi sviluppati in laboratorio, ma questo avviene in una fase successiva dell’infezione, il che significa che la possibilità di un esito negativo è maggiore.

“Anche gli antivirali dell’influenza hanno mostrato risultati incoraggianti”, afferma van Ranst. “A condizione che vengano consegnati in tempo. Non è facile nella pratica”. Anche Eric Snyder lo sottolinea: “Potrebbero essere necessari alcuni giorni prima che venga fatta una diagnosi. Ma non vuoi nemmeno somministrare farmaci prima di sapere se qualcuno ha il coronavirus”.

resistenza

Come con i batteri che vengono combattuti con gli antibiotici, c’è il rischio che si sviluppi una resistenza con gli antivirali. Quindi il virus muta in modo tale che il farmaco non sia più efficace: “Vuoi almeno che qualcuno ottenga un autotest positivo, ma preferibilmente con un test della reazione a catena della polimerasi (PCR). Utilizzare in modo selettivo per mantenere i problemi di resistenza piccoli come possibile”, dice Snyder.

Per contrastare la resistenza, infatti, è consigliata una terapia combinata di farmaci antivirali. “Ecco come funziona con gli inibitori dell’HIV, per esempio”, dice Snyder. Queste risorse dovrebbero esserci. Pfizer, Roche e Atea Pharmaceuticals stanno attualmente lavorando su farmaci antivirali che gli esperti considerano promettenti. In teoria, anche una combinazione di inibitori del virus aumenta l’effetto, perché il virus viene attaccato in più punti.

Non c’è sostituto per un vaccino

READ  La vaccinazione non è la chiave per una maggiore libertà per tutti

Se il molnopiravir è sul mercato separatamente, usalo principalmente in gruppi ad alto rischio, affermano Snyder e van Ranst: gli anziani, le persone con una malattia di base e le persone i cui vaccini non sono abbastanza efficaci. Offre anche un’ulteriore opzione di trattamento per le persone che non sono state deliberatamente vaccinate, per prevenire il ricovero in ospedale, ma secondo Van Ranst, questo presenta un “dilemma etico”: dopotutto, il vaccino spesso impedisce a una persona di contrarre l’infezione, ed è quindi più conveniente.

Quindi non dovrebbe essere visto come un’alternativa a un vaccino, afferma van Ranst: “Anche l’aspetto dei costi diventerebbe un problema per diffonderlo in tutto il mondo, mentre il vaccino costa solo pochi euro”. Merck addebita $ 700 per trattamento negli Stati Uniti, per un totale di quaranta pillole. La compagnia farmaceutica dice che tiene conto di quanto sia ricco un paese quando fa un accordo con altri paesi.

“Utile per il periodo di transizione”

Snijder inoltre non pensa che gli inibitori del virus siano un’alternativa a un vaccino, ma che presto potremmo averne bisogno su scala più ampia: “Potrebbe esserci una variante di SARS-CoV-2 contro la quale i vaccini non funzionano più, o un coronavirus”.

La parte del coronavirus che sostanzialmente muta è la cosiddetta proteina uncinata, che si lega alle cellule umane. I vaccini prendono di mira il picco proteico, ma gli inibitori del virus prendono di mira altre proteine. Snijder: “Queste proteine ​​si evolvono meno facilmente. Quindi è probabile che i farmaci antivirali funzioneranno anche contro le future varianti del coronavirus e contro l’intera famiglia di diversi coronavirus”.

READ  Gummers: non dobbiamo aver paura di un'altra chiusura

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24