Innovazione: la nuova tecnologia scompone molto rapidamente il gas serra metano

Gli scienziati danesi hanno sviluppato una tecnologia in grado di decomporre molto rapidamente il metano, un gas serra molto più potente del biossido di carbonio. Ora i ricercatori vogliono davvero portare questa tecnologia sul mercato.

Il metano è prodotto da processi naturali e attività umane, come la produzione alimentare e l’estrazione di gas naturale. Rimane nell’atmosfera fino a 12 anni ed è circa 85 volte più potente nel causare cambiamenti climatici rispetto all’anidride carbonica a breve termine. Man mano che la Terra si riscalda, compaiono depositi di metano in aree precedentemente ghiacciate Nell’atmosferache potrebbe causare una reazione a catena.

È un potente gas serra perché, rispetto all’anidride carbonica, ha una capacità molto più forte di intrappolare il calore nell’atmosfera. Sebbene il metano rimanga nell’atmosfera per meno tempo dell’anidride carbonica, può avere un impatto molto maggiore per brevi periodi. Inoltre, è difficile bruciare il metano di origine antropica prima che entri nell’atmosfera perché la sua concentrazione è così bassa.

100 milioni di volte più veloce

I ricercatori dell’Università di Copenaghen sperano ora di risolvere il problema del metano. Hanno sviluppato un dispositivo, il Manthrope Eradication Photochemical System (MEPS), in grado di analizzare la sostanza 100 milioni di volte più velocemente di quanto normalmente avviene in natura.

Il gas viene pompato in uno spazio chiuso e quindi viene aggiunto il cloro. Con l’aiuto dei raggi ultravioletti, le molecole di cloro vengono divise in due parti. Gli atomi di cloro risultanti poi “rubano” idrogeno dal gas metano normalmente non reagito.

READ  Ecco perché quest'estate un po' normale potrebbe deludervi

Il risultato finale è l’acido cloridrico, una soluzione acquosa di acido cloridrico gassoso. Il cloro presente nell’acido cloridrico può essere riutilizzato in questo processo. Il metano stesso si decompone in anidride carbonica, monossido di carbonio e idrogeno, proprio come avviene in natura, ma molto più velocemente.

Presto sul mercato

Lo dicono i ricercatori nel loro studio pubblicato sulla rivista Lettere di ricerca ambientale È stato pubblicato che il loro metodo può rimuovere fino al 58% del metano nella camera di reazione. Sembra che da allora la tecnologia sia stata ulteriormente migliorata. In un comunicato stampa hanno affermato che ora è possibile raggiungere un’efficienza dell’88%.

Il prossimo passo è portare la tecnologia sul mercato. A tal fine, il gruppo di ricerca ha costituito una società, Carbonio oceanico. Il prossimo passo è costruire una versione più grande di MEPS, più o meno delle dimensioni di un contenitore. Il dispositivo verrà utilizzato per controllare le emissioni di metano degli allevamenti di bestiame. L’industria della carne è responsabile di uno di questi in tutto il mondo 14 per cento di tutti i gas serra emessi.

Non perderti nulla, segui Il nostro canale su WhatsApp E ricevi la nostra newsletter.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24