Invecchiamento della popolazione giapponese: il produttore di pannolini passa da bambino ad adulto

Oji Holdings ha assistito a un forte calo della domanda di pannolini per bambini dal 2001. Lo riferisce la BBC. All’epoca l’azienda produceva 700 milioni di pannolini all’anno, oggi la cifra ammonta a 400 milioni.

La domanda di pannolini per adulti è aumentata notevolmente nel paese. Nel 2011, il più grande produttore di pannolini del Giappone, Unicarm, ha annunciato di aver venduto più pannolini per adulti che pannolini per bambini. Questo è ancora il caso oggi.

Molte persone con più di 80 anni

Ciò non sorprende, dal momento che il numero di bambini nati in Giappone è sceso al minimo storico lo scorso anno. Quell’anno nacquero più di 758.000 bambini, mentre morirono 1,5 milioni di giapponesi. Nel 2022, solo il 12% della popolazione aveva meno di 15 anni, mentre il 30% aveva più di 65 anni. E il 10% della popolazione ha più di 80 anni.

Si prevede che la popolazione del paese asiatico diminuirà da 125 milioni a 88 milioni nei prossimi 45 anni. In media, le donne giapponesi hanno 1,3 figli e nei Paesi Bassi 1,49.

Il primo ministro Fumio Kishida ha descritto come tale il basso tasso di natalità 'Crisi esistenziale'. Per cambiare la situazione, ha promesso sostegno finanziario alle famiglie, assistenza all’infanzia più accessibile e più congedi parentali, ma queste misure sembrano aver avuto finora uno scarso impatto.

in Malesia

Il motivo per cui Oji Holdings ha smesso di vendere pannolini in Giappone, ma l'azienda prevede di continuare le vendite in Malesia e Indonesia. Si prevede che la domanda in questi paesi aumenterà.

READ  "Il mondo vedrà i nostri leader", ma chi guida i talebani?

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24