Ispirazione o ipocrisia organizzata? Riunione d’élite a Davos

Circa 2.500 partecipanti discutono diversi argomenti e questioni globali durante conferenze, discussioni plenarie, sessioni private e tête-à-têtes. “Una settimana molto impegnativa”, afferma Mark Vernooij, partner del THNK Leadership Institute. Fu più volte presente a Davos. “In poco tempo incontri molte persone faccia a faccia e questo funziona molto bene. L’obiettivo è riunire le persone per rendere il mondo un po’ migliore”.

diplomazia discreta

Davos rappresenta un’opportunità ideale per questo, perché i leader della politica, degli affari, della scienza e dell’attivismo non si incontrano altrove. E quando tutti tornano a casa, vengono presi accordi sulla transizione energetica, la riduzione della povertà o la digitalizzazione. Almeno, è così che il World Economic Forum ama presentarlo.

“È un posto dove fare affari”, afferma la ricercatrice svedese Adrienne Sörbom. “Ognuno lo usa per i propri scopi”. Lei è una delle mie autrici Forza prudenziale, come il WEF modella le agende del mercato† Gli amministratori delegati dicono anche che è un ottimo posto per incontrare gli altri al vertice.

Anche i politici amano essere ospiti. Nonostante la scomparsa di Joe Biden, Boris Johnson, Emmanuel Macron e Xi Jinping quest’anno, decine di figure di alto profilo stanno ancora arrivando, incluso il primo ministro Rutte. Sorbom: “Si può praticare una forma di diplomazia segreta, cosa che non è possibile altrove. E a volte il World Economic Forum ha successo in questo”.

Ricordiamo il 1992, quando Nelson Mandela fece il suo debutto con il presidente sudafricano de Klerk. A Davos è attribuito anche il riavvicinamento tra Grecia e Turchia negli anni ’80. “Possono parlarsi in un ambiente informale e i politici sono lì”, dice Sorbom.

READ  Un bambino di un anno senza genitori arriva sull'isola italiana di Lampedusa su una barca di migranti | all'estero

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24