Israele cambia rotta e adatta le canzoni per l'Eurovision Song Contest

Il cantante Eden Golan, partecipante israeliano all'Eurovision Song Contest.Foto Reuters

Entrambi di prima scelta Pioggia di ottobre Come seconda opzione Balla per sempreEntrambe saranno cantate dalla cantante Eden Golan e conterranno riferimenti all'attacco terroristico di Hamas del 7 ottobre, secondo l'organizzatore dell'evento. La canzone precedente includeva frasi come “Non c'era più aria per respirare” e “Erano tutti bravi ragazzi, ognuno di loro”. ape Balla per sempre I possibili riferimenti sono meno visibili in superficie, ma l’Unione Europea di Radiodiffusione ha visto ragioni sufficienti per respingere anche quella canzone.

Non c'è posto per tali messaggi in un festival musicale “non politico”, secondo l'Unione europea di radiodiffusione, che in precedenza aveva negato la partecipazione della Russia a causa dell'invasione dell'Ucraina. L'organizzatore ha annunciato che escluderà Israele dall'Eurovision Song Contest se il paese non avesse cambiato le canzoni.

Circa l'autore
Jasper Dames è un corrispondente generale di De Volkskrant.

Inizialmente l’emittente nazionale israeliana (KAN) non aveva gradito questa richiesta. “Se la canzone non sarà approvata dall'Unione europea di radiodiffusione, Israele non parteciperà all'Eurovision”, ha detto senza mezzi termini. Dopo l'intervento del presidente israeliano Isaac Herzog, l'emittente ha cambiato rotta questo fine settimana. Secondo Herzog la partecipazione all'Eurovision Song Contest è troppo importante per perderla in questo momento. “Questa è anche un'affermazione perché ci sono odiatori che cercano di dissuaderci in ogni fase.”

Protesta contro la partecipazione di Israele

La partecipazione di Israele a questo evento è fonte di controversia. Ad esempio, il mese scorso più di mille artisti della Svezia, paese ospitante, hanno firmato una lettera aperta contro la partecipazione del paese, a causa dei presunti crimini di guerra che potrebbe commettere nella guerra contro Hamas.

In Islanda e Finlandia, gli artisti hanno firmato una lettera simile, e in Norvegia, attivisti filo-palestinesi hanno protestato davanti all'edificio della Norwegian Broadcasting Corporation NRK.

L’Irlanda e il Regno Unito sono andati ancora oltre. Ad esempio, la delegazione britannica Olly Alexander ha firmato un opuscolo che descrive Israele come un “regime di apartheid” e lo accusa di pulizia etnica, e ci sono state richieste in Irlanda di boicottare completamente l’Eurovision Song Contest se Israele fosse accolto favorevolmente.

READ  Stasera in TV: Full Halls: Joop van den Ende 80 anni e la famiglia Gillis: Mass is Money | Visualizza

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24