Israele ha un piano postbellico per Gaza? Netanyahu non ne vuole parlare

Nei giorni scorsi Netanyahu ha ricevuto tre richieste da parte di alti ufficiali dei servizi di sicurezza e dell'esercito israeliani. Vogliono, in parte sotto la pressione degli Stati Uniti, parlare il più rapidamente possibile del futuro della Striscia di Gaza una volta finita la guerra con Hamas.

Ma Netanyahu per il momento ha respinto tutte le richieste. Come rivelato Canale d'informazione israeliano Keshet 12. Mentre la pressione aumenta. Un funzionario della sicurezza israeliano, che ha chiesto di rimanere anonimo, ha detto al canale di notizie: “Il tempo stringe e devono già essere prese decisioni su come agire nei confronti di tutte le parti interessate all'interno e all'esterno della Striscia di Gaza. Gli americani vogliono chiarimenti”.

Tre condizioni

Lunedì Netanyahu ha ripetuto le sue tre condizioni per la pace tra Israele e i suoi “vicini palestinesi a Gaza”. Il primo ministro israeliano ha affermato in un messaggio: “Hamas deve essere distrutto, Gaza deve essere disarmata e l’estremismo deve essere sradicato dalla società palestinese”. Pezzo contribuito Per il Wall Street Journal americano.

Ma cosa dovrebbe succedere adesso con i territori palestinesi? Netanyahu non dice molto a riguardo. Tranne che Israele dovrà anche mantenere la “responsabilità suprema di sicurezza su Gaza” per il prossimo futuro – con cui sembra intendere un’occupazione a lungo termine. In ogni caso, Netanyahu non ha molta fiducia nell’Autorità Palestinese (che governa la Cisgiordania). Secondo lui, l’Autorità Palestinese “finanzia e glorifica” il terrorismo.

Ciò solleva ancora una volta la questione di come sarà il futuro di Gaza. “È molto difficile dire esattamente quale sia la strategia di Israele”, afferma lo storico Peter Malcontent, specialista del conflitto israelo-palestinese all'Università di Utrecht. “Israele continua a non considerare il conflitto con i palestinesi come un problema umanitario, ma come un problema di sicurezza. Quindi: costruire quanta più sicurezza possibile per Israele, sia che ciò significhi più bombardamenti o meno”.

READ  Il Papa stabilisce nuove regole per combattere la corruzione e il riciclaggio di denaro in Vaticano

Soluzione a due Stati?

Gli Stati Uniti vogliono una cosiddetta soluzione a due Stati, in cui Israele e Palestina coesistono e riconoscono i reciproci confini. Ma Netanyahu lo ha fatto in passato una promessa E che sotto il suo governo non verrà mai creato uno Stato palestinese.

Indignato: “Con la soluzione dei due Stati, l'Autorità Palestinese sarà in un modo o nell'altro al comando di Gaza. Ora, con Hamas, ci sono effettivamente due autorità palestinesi. Tuttavia, Israele vede Hamas come terroristi con cui non vuole negoziare . Ma se l’Autorità Palestinese prendesse il controllo di Gaza, Netanyahu dovrà negoziare. Ecco perché è contrario.”

Nel frattempo, la posizione di Netanyahu è sotto forte pressione. Il sanguinoso attacco a sorpresa di Hamas del 7 ottobre – che ha ucciso 1.200 persone e preso circa 240 ostaggi – viene affrontato con grande intensità in Israele. Secondo i critici, ciò ha solo rafforzato la posizione di Hamas e ha fatto ben poco per liberare gli ostaggi. Un sondaggio d’opinione del mese scorso ha mostrato che tre quarti degli israeliani vogliono che Netanyahu se ne vada.

Lo stesso Netanyahu continua a insistere nel voler “distruggere” Hamas. Secondo il Primo Ministro, Israele sta facendo del suo meglio per ridurre il numero delle vittime civili “lasciando volantini, inviando messaggi di testo e utilizzando altri mezzi per avvertire gli abitanti di Gaza di restare fuori dalla zona di pericolo”.

Secondo il Ministero della Sanità di Gaza, gestito da Hamas, finora dallo scoppio della guerra sono stati uccisi più di 21.000 palestinesi. Israele afferma di aver ucciso finora circa ottomila combattenti di Hamas.

READ  Un uomo iraniano è stato incarcerato per otto anni per aver decapitato la moglie di 17 anni come delitto d'onore | All'estero

Scontento: “All'inizio della guerra, Israele ha stimato il numero dei combattenti a circa 30.000 combattenti. In questo caso, ci sono ancora circa 22.000 combattenti. Come Israele voglia eliminarli tutti, onestamente non lo so. Questo rimane irrealistico aspetto della guerra”. “Questa è una guerra: vogliamo distruggere completamente Hamas, ma come? Questa non può continuare per diversi mesi e portare alla morte di decine di migliaia di civili”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24