“Questo clima caldo indebolisce gli insetti durante il loro periodo di riposo invernale”.

Noos Notizie

Fa molto caldo in questo periodo dell'anno, quindi gli insetti consumano molta più energia durante il letargo, ha riferito il sito di notizie La natura oggi. Di conseguenza, gli animali corrono maggiori rischi di morire o di uscire dall’inverno più vulnerabili. “Le condizioni attuali e future non sono rassicuranti”, afferma l'autore e biologo Arnold Van Vliet.

Nell'articolo fa riferimento, tra l'altro, ad uno studio recentemente pubblicato sulla rivista Nature. Esiste un legame diretto tra il riscaldamento del clima e un forte calo delle popolazioni di insetti. Secondo i ricercatori, negli ultimi decenni la biomassa degli insetti è diminuita di circa il 70%.

In genere, i bombi, le farfalle e altri insetti vanno in letargo durante l'autunno o l'inverno. Ma secondo Van Vliet (Università e ricerca di Wageningen) sta diventando sempre più difficile per gli insetti scegliere il momento perfetto per farlo. Perché più alta è la temperatura, maggiore è l'energia utilizzata durante il periodo di riposo.

“Sono animali a sangue freddo, quindi la loro temperatura corporea è uguale alla temperatura ambiente. Più è alta, più velocemente bruciano energia.” È stato riferito che la perdita giornaliera di peso corporeo dall'inizio dell'autunno caldo quest'anno potrebbe essere in media del 50% superiore. Ciò si basa su uno studio pubblicato lo scorso anno su piccole specie di farfalle con venature bianche.

Sono state contate meno farfalle

Martedì la Butterfly Foundation ha riferito che il 2023 è stato un anno molto brutto per le farfalle. “C'è un calo continuo, quindi i risultati nel 2023 si adattano perfettamente a questa tendenza”, afferma la fondazione, sulla base delle statistiche dal 1990. Il messaggio della Butterfly Foundation è stato uno dei motivi per cui Van Vliet ha scritto l'articolo per Nature Today. . Scrivere.

READ  Rende Google Pixel 6 e 6 Pro con una spaziosa isola della fotocamera - tablet e telefoni - potrebbe debuttare la notizia

“Molte cose si sono riunite”, dice il biologo. “Fa stranamente caldo: ieri pomeriggio stavo fotografando i narcisi in boccio.” Il 2023 sarà quasi certamente l’anno più caldo mai registrato, ha riferito KNMI una settimana fa. Ciò ha sollevato la domanda del biologo: “Che effetto avrà questo sulla natura?”

Più suscettibile alle malattie

Gli insetti consumano più rapidamente le loro riserve energetiche durante il letargo. Ciò li rende più deboli e più suscettibili alle malattie, afferma Van Vliet. “Ciò che gioca un ruolo è anche che hanno bisogno di un certo grado di freddo per uscire dal letargo. Se rimane troppo caldo, potrebbero non essere in grado di soddisfare quel bisogno di freddo, rendendoli più vulnerabili.”

Tuttavia, la possibilità di gelate diminuirà nei prossimi anni. Il clima sarà più caldo in tutte le stagioni, ha recentemente concluso KNMI nei cosiddetti scenari climatici.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24