Italia c 10cr danni alle famiglie di due pescatori uccisi dalla Marina Militare

Mercoledì il governo centrale ha detto alla Corte Suprema che le famiglie di due pescatori indiani uccisi dalla marina italiana al largo delle coste del Kerala a Nuova Delhi nel 2012 hanno ricevuto un risarcimento “adeguato”. In attesa di giudizio presso il tribunale speciale di Delhi. La Corte Suprema ha accettato di esaminare la questione il 9 aprile.

Il governo italiano si è offerto di pagare il totale, secondo il consenso del Centro del 5 gennaio, che è stato visionato e rivisto da HD 10 crore. Anche le famiglie dei due pescatori morti hanno accettato di pagare un risarcimento 4 crore ciascuno in aggiunta ai 2 crore di Rs già pagati dal governo italiano. Anche il proprietario ferito della barca ha ammesso di aver ricevuto danni 2 crore.

Secondo la dichiarazione giurata, il governo del Kerala ha accettato la proposta del governo italiano e le lettere di approvazione degli eredi legali del defunto e del proprietario della barca sono state inviate al ministro degli Esteri presso il ministero degli Affari esteri. Mercoledì, una panchina presieduta dal procuratore generale Tushar Mehta ha emesso il verdetto di un tribunale internazionale nel maggio 2020 alle famiglie delle vittime.

“Anche le famiglie delle vittime sono qui, come ha chiesto il banco nella data dell’ultima udienza. Questa è una questione breve e dovrebbe essere rimossa solo alla prossima data”, ha detto il legale al banco, che comprende anche i giudici AS Bopanna e V Ramasubramanian.

Mehta ha chiesto venerdì alla panchina di occuparsi della questione, dicendo che “c’è una certa urgenza tra il governo indiano e quello italiano” e la panchina ha acconsentito.

READ  Vini italiani o l'orologio di George Clooney

CJI Pope andrà in pensione il 23 aprile. Il governo ha chiesto un’indagine urgente per risolvere la questione con lo stesso banco prima di rimuovere l’ufficio della CJI.

Durante l’ultima udienza dell’agosto 2020, il banco ha affermato che avrebbe chiuso il procedimento solo dopo che le famiglie delle vittime fossero state indagate e fosse stato pagato un risarcimento “adeguato”, dopo che la Corte Suprema aveva dichiarato che le famiglie delle vittime non erano Astuccio.

La causa pendente davanti alla Corte Suprema è un ricorso presentato da due marinai, Massimiliano Ladorre e Salvador Giron, contro la sentenza del maggio 2012 dell’Alta Corte del Kerala. L’Alta Corte ha stabilito che i Marines non hanno subito alcuna opposizione da parte dello Stato poiché il fuoco sui pescatori non era per la sicurezza della nave o dello Stato.

La Marina e il governo italiano hanno presentato ricorso all’Alta Corte, che ha trasferito il processo alla Corte speciale di Delhi nel 2013, dove è proseguito fino al 2015 quando la Corte Suprema lo ha sospeso dopo aver esaminato le cause pendenti davanti alla Corte permanente di arbitrato. PCA) all’Aia, Paesi Bassi. Nel frattempo, i Marines potevano tornare a casa su iniziativa personale dell’ambasciatore italiano, che sarebbe tornato quando necessario.

L’arbitrato dinanzi all’APC è stato istituito il 26 giugno 2015 ai sensi del diritto del mare delle Nazioni Unite (UNCLOS).

UNCLOS è un trattato internazionale che definisce i diritti e le responsabilità delle nazioni in relazione alla condotta e all’uso degli oceani e degli oceani mondiali e alla gestione delle risorse marine naturali.

Nel maggio 2020, un tribunale internazionale ha stabilito che i Marines avevano subito l’immunità perché agivano come funzionari del governo italiano al momento dell’incidente. Ha quindi ordinato all’India di sospendere i procedimenti penali contro di loro.

READ  Il personale italiano deve avere un biglietto corona, il primo paese europeo ad andare così lontano

Allo stesso tempo, il tribunale ha stabilito che l’Italia aveva violato il diritto di navigazione dell’India sparando su un peschereccio e che l’India avrebbe dovuto pagare per la perdita di vite umane e danni alla proprietà in India.

Il 3 luglio 2020, il Centro ha spostato la Corte Suprema, sostenendo di aver accettato la sentenza del PCA e che il procedimento avrebbe dovuto essere chiuso.

“La Repubblica dell’India (Arbitrato) ha deciso di accettare e rispettare il lodo emesso dal Tribunale, che sosterrà la continuazione del presente procedimento dinanzi alla Corte Suprema. Lo fa”, ha affermato la corte nella sua istanza dinanzi alla Suprema Tribunale.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24